Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 15 luglio 2015

Environment targets should meet health priorities at the European Parliament

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

Brussels. The european parliamentCommittee on Environment, Public Health and Food Safety (ENVI) will vote on the National Emission Ceilings Directive – a key legislative dossier of the Clean Air Policy Package proposed by the European Commission in December 2013.
From the perspective of the European Parliament Interest Group on Allergy and Asthma, the air we breathe is directly impacting our health and should be cleaned up with ambitious legislation on pollution reduction and sufficient investment to make it possible. This was clearly expressed at the Policy Event of the Interest Group – “Allergy and Asthma Patients Need Clean Air in Europe” – held on the 1 July at the European Parliament co-hosted by Members of the European Parliament (MEPs) Sirpa Pietikäinen and Nessa Childers. Every year, over 400,000 Europeans die prematurely because of air pollution. Current EU air quality standards are obsolete and not in line with the World Health Organisation (WHO) air quality guidelines. Although the EU is currently reviewing the National Emission Ceilings Directive (NEC) on air pollution levels, the discussions held at Council have weakened the initial proposal and suggest flexible air pollution limits until 2030. The European Parliament will have the chance to express its vision further on Wednesday during the vote on the NEC Directive in the ENVI Committee.No air pollution level is healthy. During the Policy Event, Thomas Verheye, responsible for the NEC dossier at the European Commission, reminded that delaying emission reduction in Europe will not help industry whilst costing thousands of lives: “A strong voice from the health community can help overcome undue resistance to taking further cost-effective action on air pollution.” In order to balance the debate, the health community “can help to convince others that healthy citizens mean a healthy economy”, he assured. Furthermore, the President of the EAACI Professor Antonella Muraro, highlighted the detrimental costs of inaction for the health of European citizens over the years to follow. She stated that “breathing dirty air heavily influences the severity of allergic manifestations not only in adults but also in children with huge impact on the health of the next EU generations if no actions are taken to counteract this issue.” This was confirmed by the President of the European Federation of Allergy and Airways Diseases Patients’ Associations (EFA) Ms Christine Rolland who pointed out that, by 2025, half of the European population will suffer from at least one type of allergy and for them the health effects due to air pollution can be devastating and lead to a significantly reduction of their quality of life.According to Professor Buters, Chair of the European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI) working group on aerobiology and air pollution, the EU should prioritise regulating Particulate Matter (PM 2.5) and Nitric Oxide (NO), which are most dangerous for human health. Ms Anne Stauffer, representing the pan-European NGO Health and Environment Alliance (HEAL), further stressed the harmful effects of mercury, ammonia and methane. She called for binding 2025 targets, as an intermediate step to reach the 2030 targets envisaged in the Commission’s NEC proposal, and to have more ambitious legislation adopted by the Council and the Parliament.EAACI and EFA are coordinating the secretariat of the European Parliament Interest Group on Allergy and Asthma, and are jointly committed to raising awareness about the huge personal, social and economic burden of allergy and asthma in Europe and the need to tackle them through evidence-based and patient-centred policies at EU level.Both organisations therefore call the European Parliament Environment, Public Health and Food Safety Committee (ENVI) to stand next to citizens and patients and adopt a clear legislation to put the European Union on track to protect its citizens from dirty air.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A survey of Cuban Painter Carlos Boix

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

carlosFino al 7 Agosto 2015 Villa Vertua Masolo, Nova Milanese (MB) Heart Pulsazioni Culturali, Vimercate (MB) La mostra, allestista in due sedi, presenta una selezione di dipinti, disegni e collage realizzati dal maestro latinoamericano negli ultimi vent’anni, durante i suoi soggiorni a Madrid e a Ginevra. Lo stile di Boix è caratterizzato da una tavolozza brillante, con sfumature caraibiche, un universo dove la rappresentazione estremamente personale delle figure eccede il soggetto rappresentato. Boix ha fatto parte della “generazione nascosta” di artisti e scrittori quali Reynaldo Arenas e Zoe Valdés, che oggi sono riferimenti essenziali della cultura cubana. “Boix-Boxing-Boixismo” è un termine coniato per descrivere lo stile particolare di questo artista, rappresentato in particolare dai lavori che risalgono ai primi anni ’60. Lo stile di Boix è caratterizzato da una tavolozza dai colori vivaci e da una forte componente ironica tipica degli artisti Caraibici, con la quale ha creato un universo in cui i simboli, i personaggi e una figurazione molto personale superano le circostanze quotidiane che rappresentano. In riferimento a questo artista, il filosofo francese Regis Debray una volta ha dichiarato: “Boix è un “supercubano”, un uomo la cui identità esplode a prima vista. La sua pittura è il suo miglior passaporto. Basta guardare le sue opere, per capire da dove vengono.” Carlos Boix ha partecipato attivamente alla vita culturale dell’Havana dall’inizio della Rivoluzione, godeva dell’amicizia dei suoi maestri René Portocarrero,Mariano Rodriguez e Pedro Martinez. Era anche un buon amico di noti artisti del tempo, come Wifredo Lam, Roberto Matta, e Antonio Saura, così come di altri che spesso visitato Cuba. Come un immigrato che ha lasciato l’isola nei primi anni ’80 per stabilirsi in Europa, Boix appartiene alla generazione “escondida” di artisti e scrittori come Reynaldo Arenas e Zoe Valdés.
Ingresso gratuito. Orario: Villa Vertua Masolo Via Garibaldi 1, Nova Milanese Tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30 e a Associazione Heart Pulsazione Culturali Via Manin 2, Vimercate Tutti i giorni dalle 16 alle 19.00.(foto Carlos)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omaggio a Pasolini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

ennioCivita Castellana 23 luglio 2015, ore 21.30 – Cortile Maggiore Forte Sangallo grande chiusura della XXVII edizione del Civitafestival è affidata a Ennio Fantastichini con “Tra la Carne e il Cielo”: un toccante omaggio a Pier Paolo Pasolini, a 40 anni dalla sua scomparsa, accompagnato dalle note di Bach, eseguite dall’Orchestra Sinfonica Città di Fondi, con immagini dai set dei film diretti dall’intellettuale friulano.Scelto da Fabio Galadini, Direttore Artistico del Civitafestival, da un’idea di Valentino Corvino, prodotto da Valentino Corvino e Teatro di Volterra, con la partecipazione straordinaria di Ennio Fantastichini, “Tra la Carne e il Cielo” è un omaggio inedito a Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi – e controversi – intellettuali italiani dell’ultimo secolo.Memorie, lettere, poesie ed interviste di Pier Paolo Pasolini estratti dai “Quaderni rossi”, da “Vita attraverso le lettere”, dalla sceneggiatura di “Accattone” e l’intervista concessa a Furio Colombo poche ore prima di morire, bellissime pagine il cui filo conduttore è proprio il motivo per cui Pasolini amava cortileBach: la convivenza a volte pacifica, a volte sofferta, tra le pulsioni terrene ed un’elevatissima spiritualità.Le letture si intersecano con tutti i brani di Johann Sebastian Bach che lo stesso Pasolini ha usato come colonna sonora dei suoi film, capolavori immortali che continuano a conservare tutta la loro grande potenza evocativa. Durante lo spettacolo viene proiettata una selezione di rare e preziose immagini tratte dai set dei film “Teorema”, “Uccellaci e uccellini” e “Vangelo Secondo Matteo”, tre vette della cinematografia pasoliniana.
A ingresso gratuito, il 23 luglio alle 21.30, per il XXVII Civitafestival diretto da Fabio Galadini, musica, note, parole e poesia nella maestosa scenografia del Cortile Maggiore di Forte Sangallo di Civita Castellana, la poderosa rocca a pianta pentagonale tra gli esempi più notevoli di architettura militare italiana a cavallo dei secoli XV-XVI (foto: ennio, cortile)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La sagra del Malgaro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

carniacarnia118-19 luglio ad Ovaro in Carnia. La Sagra del Malgaro offre la possibilità ai partecipanti di assistere alle fasi della lavorazione di formaggi, burro e ricotte e di degustarli. Sulle orme delle antiche tradizioni, viene proposto uno spaccato della vita di un tempo con musica e folklore. Il tutto animato da una golosa Mostra mercato dei prodotti caseari e di prodotti artigianali, che si snoda nelle vie e nelle piazzette del paese, accanto a chioschi di gastronomia locale che diventano pittoreschi punti di incontro, ravvivati da buona musica. Per chi lo desidera, vengono organizzate escursioni nelle casere, dove si possono vedere all’opera i malga.
La festa prenderà il via sabato 18 alle ore 17.00 con l’inaugurazione della mostra “I malgari della Carnia”, a cui faranno seguito la sfilata con concerto per le vie del paese del corpo bandistico Val di Gorto e l’Aperitivo del Malgaro con apertura dei chioschi gastronomici. La serata inizierà con un omaggio al gemellaggio Zoncolan – Monte Fuji, con proiezione di filmati spettacolari, e proseguirà a suon di musica con i dj Mr Fufu e Ciki J.
Durante tutta la domenica nei borghi del paese saranno allestiti punti di ristoro per la degustazione di piatti tipici e il carnia2Mercatino di prodotti artigianali e gastronomici. Molti gli appuntamenti: alle 9.00 visita guidata all’ex miniera di carbone di Cludinico.
Alle 9.30 inizierà il servizio di bus navetta (ogni 45 minuti) che porterà a Malga Pozof, mentre a fondovalle inizierà la camminata con guida per i sentieri e borghi di Ovaro. Alle 10.00 partirà il servizio di bus navetta che farà tappa al Museo del legno e della segheria veneziana, agli scavi archeologici di San Martino e Museo delle fornaci di Cella. Ci sarà inoltre la possibilità di fare un volo panoramico sulla vallata di Ovaro in elicottero, si potrà assistere alla dimostrazione della lavorazione della mozzarella con degustazione e, per i piccini, verranno organizzati giochi e animazione. Gran finale, alle 19, con la proclamazione del vincitore del 1° concorso “Miglior ricotta dell’anno’, organizzata dalla Proloco di Ovaro col patrocinio del Comune.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Esce il libro “Il casinò della finanza globale” di Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

bocca della veritàRoma mercoledì, 22 luglio 2015, alle 18.30, Via San Giovanni Decollato, 9 (vicino a Campidoglio – Bocca della Verità) presso l’oratorio della Chiesa e dell’Arciconfraternita di Sant’Eligio de’ Ferrari presentazione del libro. Edito dalla EditricErmes, casa editrice di Potenza, arriva il libro «Il casinò della finanza globale” -Ricchezza per pochi. Un miliardo di poveri. Che mondo è?-. Gli autori, Mario Lettieri, già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi, economista con una lunga esperienza internazionale, dimostrano come, dopo 7 anni dal fallimento della Lehman Brothers e dallo scoppio della bolla finanziaria negli Usa, non siamo ancora usciti dal pantano della crisi globale Attraverso analisi e articoli, il libro ripercorre le tappe fondamentali della crisi globale fino a quella del debito pubblico in Europa e della Grecia. Nel 2012 gli autori, nel loro precedente scritto “I gattopardi di Wall Street”, spiegavano che la crisi finanziaria globale non era un “avvenimento imprevedibile”, ma il risultato inevitabile dell’eccessiva finanziarizzazione dell’economia, del ruolo nefasto della speculazione e della finanza derivata e della grande propensione al rischio. Molte economie, compresa quella italiana, sono state pesantemente colpite nei loro sistemi produttivi e sociali. Nel frattempo i super ricchi del pianeta lo sono diventati ancor di più, mentre i poveri hanno superato il miliardo. La ricchezza si è vertiginosamente concentrata nelle mani dello 0,1% dei più ricchi del mondo. I cittadini, le aziende e i governi, invece, sono stati oggetto di continue pressioni per far fronte ai propri debiti.Nonostante i tanti summit internazionali le necessarie riforme non sono state fatte. Invece, alle operazioni di bail out, cioè di salvataggio pubblico delle banche, è stato affiancato il bail in, cioè la possibilità di utilizzare anche parte dei depositi dei risparmiatori per salvare le banche in crisi!La speculazione continua, anche sulle materie prime e sui beni alimentari. I derivati più pericolosi, gli OTC, ammontano ancora a 700.000 (settecentomila) miliardi di dollari. Tutto ciò purtroppo mette in discussione con effetti destabilizzanti gli stessi assetti geopolitici mondiali . Nel libro si documenta come il processo di concentrazione del potere finanziario sia notevolmente cresciuto. Si pensi che, mentre nel 2009 le cinque maggiori banche americane detenevano l’80% dei derivati emessi negli Usa, oggi 4 banche soltanto – la JP Morgan Chase, la City Group, la Bank of America e la Goldman Sachs – detengono il 94% dell’intero ammontare, che è di circa 230 trilioni di dollari.
Tra l’altro si evidenzia il ruolo nefasto delle agenzie di rating e il loro grave conflitto di interesse con le “too big to fail”, cioè le banche più impegnate nella speculazione. Sulla scena mondiale sono apparsi nuovi protagonisti, i Paesi del BRICS, che legittimamente rivendicano nuove e più giuste regole monetarie, commerciali e finanziarie. In discussione è anzitutto il ruolo del dollaro come unica moneta di riferimento. Mirano a creare un nuovo sistema monetario multipolare, in cui il commercio e le transazioni internazionali dovrebbero operare sulla base di un paniere delle monete più importanti. I loro grandi progetti infrastrutturali a livello continentale rappresenteranno un importante volano per la ripresa dell’economia reale, degli investimenti e dell’occupazione nel mondo, anche in Italia.
L’Europa non può sottrarsi a queste sfide epocali. Rendere più solidale e più coesa l’Unione europea è una necessità ineludibile.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Domanda di credito delle famiglie italiane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

banche americaneLo studio ha messo in evidenza come nel mese di giugno appena concluso la domanda di mutui si è confermata su livelli record, con un eloquente +81,1% rispetto allo stesso mese del 2014 (valore ponderato, a parità di giorni lavorativi), nel segno della continuità rispetto alle brillanti performance registrate nei mesi precedenti. Si irrobustisce, dunque, il recupero verso i livelli pre-crisi tanto che la variazione complessivamente registrata nel I semestre 2015 ha fatto segnare un significativo +58,7% rispetto al corrispondente periodo 2014, sostenuto sia dal miglioramento delle condizioni di offerta del credito sia dalla ripresa del mercato immobiliare, incoraggiata da prezzi di acquisto in costante flessione.Al contempo, va sottolineato come l’importo medio richiesto rimanga ancora contenuto: nel mese di giugno appena concluso, infatti, si è attestato a 122.671 Euro, al di sotto dei valori registrati nel corrispondente mese degli anni precedenti e ben distante dal picco del 2010, quando era risultato superiore a 140.000 Euro. Analogamente, nel primo semestre 2015 il valore medio è stato pari a 123.150 Euro, contro i 124.670 Euro del corrispondente periodo 2014.Inoltre, il mese di giugno ha evidenziato un ulteriore irrobustimento della crescita della domanda di prestiti da parte delle famiglie (nel complesso di prestiti personali e prestiti finalizzati), pari a +4,7% rispetto allo stesso mese del 2014. La positiva variazione rilevata nell’ultimo mese porta la domanda aggregata ad attestarsi ad un incoraggiante +8,4% nel I semestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2014.
La ritrovata propensione degli italiani verso il credito trova riscontro anche nell’andamento dell’importo medio richiesto che, nel I semestre dell’anno in corso, nell’aggregato delle due forme tecniche (prestiti finalizzati e prestiti personali) ha fatto registrare un incremento rispetto al precedente periodo di osservazione, assestandosi a 7.948 Euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Zambon si espande

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

zambonZambon S.p.A., azienda internazionale fortemente impegnata nell’area terapeutica del Sistema Nervoso Centrale (SNC) e nell’area Respiratoria con un focus sulle Malattie Rare, annuncia di aver acquisito la società Nigaard, azienda farmaceutica con sede a Oslo, Norvegia.Fondato nel 2002, Nigaard è un gruppo specializzato nella distribuzione di prodotti farmaceutici focalizzato sul Respiratorio, l’Allergologia ed gli apparati medicali, ben consolidato in tutti i paesi del Nord Europa: Danimarca, Norvegia, Svezia, Islanda e Finlandia. Nigaard è distributore dell’antibiotico Promixin® per Svezia e Norvegia, oltre ad essere proprietario di diversi accordi di distribuzione e di licenza per altri prodotti.Con l’acquisizione di Nigaard, che segue l’accordo siglato con Profile Pharma in UK nel 2013 e l’apertura di una sede a Berlino, in Germania, nel 2014, Zambon copre ora tutti i mercati dell’Europa occidentale.Maurizio Castorina, CEO di Zambon SpA, ha dichiarato: “I Paesi nordici sono molto interessanti per il nostro piano di investimenti, sia per gli elevati standard del Sistema Sanitario, sia per le dimensioni del mercato, con una popolazione di 25 milioni di abitanti. Nigaard è una società molto nota, con una capillarità importante in tutto il Nord Europa e questa acquisizione rappresenta un passo fondamentale che consentirà a Zambon di accelerare la commercializzazione di Xadago®, per il trattamento della Malattia di Parkinson, e di Promixin®, il nostro antibiotico inalatorio per le infezioni bronchiali causate da Fibrosi Cistica. L’espansione di Zambon nei Paesi Scandinavi consentirà inoltre di arricchire le nostre competenze professionali nel settore delle specialties come fattore chiave per il successo”.Il Regional General Manager Northern & Central Europe di Zambon, Roberto Antonini ha commentato: “Abbiamo la grande opportunità di entrare nella regione Scandinava con un controllo completo delle attività regolatorie, distributive e promozionali. Il team di Nigaard possiede le giuste competenze e questa acquisizione aumenterà il nostro processo di internazionalizzazione, dopo le operazioni nel Regno Unito nel 2013 e in Germania l’anno scorso “.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Importanza della diagnosi precoce del tumore al testicolo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

tumore testicoliE’ importante che vi sia una diagnosi tempestiva di tumore al testicolo – afferma il Professor Giorgio Franco, Presidente della Società Italiana di Andrologia – Ragazzi, imparate a fare l’autopalpazione dei testicoli, strumento fondamentale per scoprire i primi segnali della neoplasia testicolare così da intervenire prima che il danno sia irrimediabile. Il parallelismo più semplice è con le coetanee, educate all’autopalpazione della mammella e ai controlli periodici dal ginecologo. Gli uomini devono imparare ad andare dall’andrologo non quando si presentano dei problemi, ma periodicamente per vedere se si hanno gonfiori, noduli o escrescenze, fondamentale per la prevenzione delle neoplasie, come di altre malattie dell’apparato genitale maschile”. “L’autopalpazione è una semplice manovra che va fatta dopo la doccia quando i muscoli che sostengono lo scroto sono rilassati” – spiega il Dottor Giuseppe La Pera, andrologo presso l’Osp. San Camillo di Roma e Componente del Direttivo Nazionale della SIA. “La mano va passata sotto lo scroto per sentire se c’è una differenza di peso tra i due testicoli. Successivamente, con indice, pollice e medio di tutte e due le mani va palpato il testicolo che deve risultare liscio. Se si avverte una differenza di peso tra i due testicoli o delle irregolarità sulla superficie del testicolo, queste vanno riportate al medico curante in tempi brevi. Tale manovra va ripetuta ogni 2 mesi, soprattutto in presenza di fattori di rischio come ad esempio la mancata discesa del testicolo nello scroto alla nascita (criptorchidismo) o una familiarità con i tumori del testicolo” conclude il Dr. La Pera.
Il caso del ciclista Ivan Basso deve lasciar riflettere tutti gli uomini sull’importanza di fare diagnosi precoce e, laddove possibile, prevenzione. I numeri del tumore al testicolo sono impressionanti: circa 2.200 l’anno le diagnosi in Italia. Si tratta della neoplasia più frequente tra i giovani maschi di età compresa fra i 18 e i 40 anni, ma anche quella con le migliori prospettive di guarigione che possono superare anche il 90% dei casi quando la diagnosi precoce e mirata. Lo ha dimostrato con la sua storia Lance Armstrong, altro noto ciclista oggi simbolo della lotta a questa forma di neoplasia.
Il tumore al testicolo è solo un esempio, ma sono numerose le patologie a carico dell’apparato genitale maschile, con conseguenze importanti su salute e qualità di vita. Su molte di esse è possibile ridurre le conseguenze negative solo attraverso la prevenzione e la diagnosi precoce fin dalla giovane età. “Nell’adolescente e nel giovane adulto le anomalie e le patologie dell’apparato genitale vengono intercettate con molta difficoltà a causa dell’assenza di una cultura andrologica diffusa che determina resistenza ed imbarazzo nei maschi, ma anche nei genitori che rivestono un ruolo di primaria importanza nell’educazione alla salute dei figli – sottolinea il Presidente della SIA – Il nostro suggerimento è di fare la prima visita a 14 anni con controlli periodici almeno ogni 2 anni per individuare eventuali patologie sul nascere, in modo da intervenire tempestivamente evitando danni più gravi e problemi difficilmente risolvibili come l’infertilità”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi bancarie e prelievo forzoso

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

banca europeaCon i primi di luglio sono iniziate a diffondersi di nuovo le notizie sul presunto “prelievo forzoso”. Ne ha parlato “il Giornale” di Alessandro Sallusti scrivendo in prima pagina “IL GOVERNO LEGALIZZA L’ESPROPRIO BANCARIO – Sì al “prelievo forzoso” dai conti correnti – Via libera alla legge voluta dall’Europa: il crac delle banche lo pagano i risparmiatori”. Non si contano in rete i post che ritirano fuori la questione usando ancora l’espressione “prelievo forzoso”.
Già un anno fa abbiamo scritto un articolo sul tema, ma oggi dobbiamo riparlarne perché la bufala è collegata ad una cosa diversa, ovvero il recepimento di una Direttiva europea la quale, naturalmente, non autorizza nessun “prelievo forzoso” ma disciplina le crisi bancarie. La questione nasce dalla crisi dei sub-prime del 2007-2008 che ha visto molte banche USA e diverse europee salvate con i soldi pubblici. Questo ha provocato un forte dibattito sulla correttezza dell’utilizzare soldi pubblici per banche che falliscono a causa di comportamenti speculativi dei loro manager. Anche da questo dibattito è scaturita la Direttiva comunitaria, la n. 59 del 2014, che istituisce “un quadro di risanamento e risoluzione degli enti creditizi e delle imprese di investimento”, come recita il titolo della direttiva.
La norma prevede l’istituzione di un autorità che si occupi della risoluzione della crisi. Tale autorità ha sia funzioni preventive, cioè di vigilanza, sia funzioni di risoluzione delle crisi. L’elemento che più ha fatto discutere (questo già nel 2014, oggi qualcuno si “sveglia” perché l’Italia la sta recependo con colpevole ritardo) è la previsione che nel caso in cui si giunga ad una crisi bancaria dovranno pagarne le conseguenze inprimis gli azionisti, poi gli obbligazionisti ed anche i depositanti per la parte di deposito che eccede i centomila euro. Questa Direttiva è stata recepita i primi di luglio con la c.d. Legge Comunitaria, ovvero un calderone con il quale il Parlamento delega il Governo a recepire una serie di Direttive comunitarie. Quindi, ancora i dettagli del recepimento non li conosciamo, ma la legge approvata stabilisce le linee guida.L’autorità che si occuperà della risoluzione delle crisi bancarie, in Italia, sarà – ovviamente – la Banca d’Italia. Le banche dovranno presentare periodicamente dei piani di risanamento che tengano conto di scenari negativi che le porterebbero in situazione di crisi.Qualora la Banca d’Italia valutasse i piani non sufficienti, potrebbe mettere in atto dei provvedimenti di risoluzione della crisi come:
– Cessione di ramo d’azienda;
– Trasferimento di ramo d’azienda a un ente-ponte;
– Trasferimento degli attivi deteriorati in una bad bank;
– Bail-in, cioè una riduzione del debito a carico di azionisti, obbligazionisti e depositanti.
Quest’ultima opzione è stata quella che ha fatto scatenare la bufala del “prelievo forzoso”. Non c’è nessun “prelievo forzoso”. Semplicemente, se un cliente è così incauto da tenere oltre centomila euro totalmente liquidi, cioè non impiegati in titoli non emessi dalla stessa banca, in una banca che ha chiaramente dei gravissimi problemi (perché prima di arrivare al bail-in, come si è visto, ci sono molte procedure che finiscono sui media) allora ne subisce le conseguenze per la quota parte superiore a centomila euro. L’alternativa, ovviamente, era fare in modo che quei soldi fossero tirati fuori dallo Stato e quindi dalle tasche dei contribuenti.
Da evidenziare che tutti i piccoli depositanti, cioè quelli sotto centomila euro, sono garantiti (può essere utile ricordare alcune regole di funzionamento di questa garanzia che si possono leggere qui sotto forma di domande e risposte). Nessuna “pensionata” o “casalinga di Voghera” rischia di vedere sparire il proprio gruzzoletto depositato in banca. Mentre nella situazione attuale, per salvare un deposito di un “paperone” da qualche milione di euro si utilizzerebbero dei denari pubblici.Non c’è quindi nessun “prelievo forzoso” nel recepimento di questa Direttiva. Semplicemente si sancisce il principio in base al quale chi investe in banche o deposita rilevanti cifre di denaro (superiori a centomila euro) deve valutare con attenzione la solvibilità della banca perché potrebbe, in caso di gravissime crisi, esserne chiamato a risponderne.Il recepimento di questa direttiva potrebbe essere l’occasione per parlare di una questione più seria rispetto alla bufala dell’inesistente “prelievo forzoso”, ovvero quella delle obbligazioni bancarie.Con la Direttiva comunitaria, in corso di recepimento anche in Italia, è chiaro che il profilo di rischio di queste obbligazioni sia mutato. In particolare le obbligazioni così dette subordinate, anche quelle “LT2” Lower Tier 2, presentano oggi un profilo di rischio più alto di quello che era previsto in emissione.E’ il caso che gli investitori che hanno queste obbligazioni in portafoglio facciano un’analisi di questi strumenti, senza inutili allarmismi, ma anche valutando in modo oggettivo il profilo di rischio/rendimento e riducendo eventualmente la quota in portafoglio qualora si verifichi che il rapporto sia troppo sbilanciato verso il rischio.L’argomento è molto rilevante e vi dedicheremo un prossimo articolo. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: Povertà assoluta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2015

confeuroIn un contesto nel quale ci sono 4 milioni e 102 mila persone in condizione di povertà assoluta – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – dovrebbe essere logico adottare delle politiche sociali di sostegno, ma ancor di più investire su quei settori come l’agricoltura in grado di rispondere ai bisogni di prima necessità. Ma in Italia no. Nel Bel Paese le cose non si risolvono mai senza una buona base di retorica, di promesse e di slide. Ed è infatti così che ci si ritova quasi a festeggiare l’arresto, dopo due anni consecutivi, dell’avanzata di quei dati sulla povertà assoluta che invece andrebbero commentati con tanta vergogna.
La nostra organizzazione – prosegue Tiso – si è più volte soffermata sulla multifunzionalità del primario e sull’esigenza di non considerare il settore come un semplice aggregato economico, ma piuttosto come un insieme di opportunita per la pensiola. Purtroppo però nessun passo avanti è stato fatto in questa direzione. E soprattutto il ministero per le Politiche Agricole e il governo non hanno mostrato una particolare capacità di ascolto per quelle organizzazioni di rappresentanza che non fossero le “tradizionali”. Noi di Confeuro – conclude Tiso – rimaniamo convinti che sia proprio l’agricoltura, con il suo modello di progresso alternativo, con il suo rapporto con la natura e con i suoi valori, a rappresentare la soluzione italiana alla crisi di questi anni. L’auspicio è che presto lo comprendano anche coloro che da anni vivono all’interno dei processi decisionali.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »