Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 18 marzo 2016

A new proposal by the European Commission brings about long-awaited simplification

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

fishermenEuropean fishermen know it only too well. Brussels decides what and how they may fish, wherever they are and whatever the season. For decades, in an effort to protect fish stocks and ecosystems from hurtful and excessive fishing, the EU has been micro-managing the fishing activity down to the tiniest technical detail.
Over time, however, the numerous conservation rules have grown into a complex web of requirements that is hard to follow for users and difficult for administrations to enforce. The cumbersome institutional process required for each alteration makes the system unwieldy – and adds to the entanglement. This phenomenon is not unique to fisheries; in fact the Commission has undertaken a massive simplification effort in many domains in recent years. For its part, the reform of the Common Fisheries Policy is set to streamline and upgrade, and the Commission’s new initiative on technical conservation measures stems from both processes. By empowering national and regional actors, it decentralises management for more agile and effective decision making.
Imagine for instance that a specific fishing area needs to be closed to protect a school of bottom-dwelling young fish; but that some vessels can still be allowed there because they do not fish close to the seabed. Rather than having to go through a central decision that could take years, the Member States around that area could decide the most appropriate technical conservation rules among themselves, in consultation with their stakeholders and scientific experts, and tailor them to the area’s specific needs and features.
This is the gist of the Commission’s proposal. The EU would still prescribe the general goals and principles of the fishing activity. A set of basic rules would still be applicable to all, like the ban on certain fishing gears or the obligation to land rather than discard unwanted catches. But when it comes to conservation measures, national governments, regions and operators would be able to choose the best technical solutions for the local context, provided they are underpinned by science.
This new regionalised mechanism can have many advantages. Decision making can be leaner and faster when decentralized. Measures that are area-specific rather than standardised tend to be more effective. And the sector’s involvement through the Advisory Councils means greater ownership of the rules, which in turn translates to more compliance.
Speaking of compliance, another factor that is likely to ease uniform interpretation of the rules across the EU is simplification: the proposal condenses six existing Regulations into one single text, correcting inconsistencies and repealing obsolete rules in the process – in sum making the whole conservation framework simpler and more understandable.
This is nothing short of radical change – changes in the very fabric, the DNA of our policy. But in this case less (regulation) could very well be more (conservation).
From now on, what the EU will prescribe is just the big standards and the overall targets: it will be the lighthouse showing the way. Steering the ship will be national governments, regions and operators themselves, who will decide which route to take to meet those standards and targets. And in so doing they will spread the good practice to those who are willing to pick it up, whether in the EU or elsewhere. And hopefully the genetic mutation – a mutation in favour of sustainability – will be passed on to the rest of the world.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Paving the way for sustainable fishing in the Baltic Sea – Council and Parliament agree on multiannual plan for Baltic fisheries

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

balticThe European Parliament and the Council reached a political agreement on a multiannual plan for the most important fish stocks in the Baltic Sea, following a Commission proposal in 2014. This is the first of a new generation of fisheries management plans that implement the EU’s reformed Common Fisheries Policy (CFP) and that aim to make the management of fish stocks more flexible and more sea-basin specific.In keeping with the CFP’s emphasis on regionalisation, the agreed plan empowers regional decision-making on technical issues that are best decided at the level of the Baltic sea basin. Member States will also be able to decide on how best to implement the landing obligation – a key part of the CFP’s drive for greater sustainability.
While Member States get a greater say on managing fisheries in their sea basin, the plan stays true to the fundamental objective of the CFP: a commitment to reach fully sustainable fisheries by 2020 at the latest. To this end, the plan not only aims to meet maximum sustainable yield (MSY) targets for cod, herring and sprat, but also contains a number of “safeguard measures” that will be triggered in case stocks fall below certain thresholds. Such additional management measures to reach MSY could, as a last resort, include a full closure of fisheries to allow fish stocks to recover.In line with the precautionary approach, the plan also allows Member States to agree on conservation measures for flatfish, which are unavoidable bycatch in cod fisheries in the Baltic Sea and for which MSY advice is not available.Commissioner Vella, responsible for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, welcomed the agreement: “This plan sets the basis for the sustainable management of the most important fish stocks in the Baltic Sea. This is good news for Baltic fish stocks and for the fishermen who depend on them for their livelihood.”The plan still needs to be formally adopted by the Parliament and the Council. A first revision is planned after three years, with further revision opportunities every five years after that.
The Commission will now move forward with proposals for other sea basins. A proposal for a multiannual plan for the North Sea is next on the list. (photo: baltic)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ONE focuses on religion to prevent violence

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

washingtonWashington, D.C. Religious leaders and faith-based organizations across the world are meeting to understand their role in preventing incitement to violence that could lead to atrocity crimes.”Religion can be key in countering this issue,” said Gerald Filson, Director of Public Affairs of the Baha’i Community of Canada and Chair of the Canadian Interfaith Conversation. The Canadian Baha’i community has been vigorously engaged in a discourse in that country on the constructive role of religion in society.Dr. Filson represented the Baha’i community in the most recent of the regional meetings organized by the United Nations Office on Genocide Prevention and the Responsibility to Protect. The forum was held at the United States Institute of Peace in Washington, D.C. on 29 February to 1 March and was one of five that are taking place all over the globe during the year to explore this important theme.In his contribution to the dialogue, Dr. Filson discussed the importance of educational programs for youth, which he explained cannot be overstated. “Youth are looking for positive messages and want to change the world for the better. Religious leaders need to give systematic focus on programs for this age group. “Present at the D.C. meeting were a Special Advisor on the Prevention of Genocide Adama Dieng, President of the U.S. Institute for Peace Nancy Lindborg, Assistant Secretary General and an Ombudsman John Barkat, and Representative of the World Council of Churches Rudelmar Bueno De Faria.The diversity at the worldwide seminars has allowed for a rich exchange of experiences and the sharing of positive actions from an array of different groups. For instance, at the meeting held in Amman, Jordan, one presenter referred to the initiative of Ayatollah Abdol-Hamid Masoumi-Tehrani on Iran as “an example of a good fatwa”.Participants at each of the five conferences developed regional strategies to prevent and counter incitement to discrimination, hostility, and violence. The strategies discussed in the D.C. meeting included mapping incitement issues and trends, developing and circulating alternative messages or counter-speech that can be spread, engaging those responsible for incitement in dialogue, building education programs, seeking political support, and strengthening inter-religious activities.”This series of meetings reflects in many ways the response called for in the Universal House of Justice’s 2002 Message to Religious Leaders which asked, among other things, for religious leaders to speak out against religious extremism and accept the divine basis of all world religions,” Dr. Filson said. He also noted how often speakers talked about the importance of the concepts of “one humanity” and “one God”, and referred to unity, harmony of all religions, equality of women and men, and the importance of responding to hate with love.”Comments at the meeting also seemed to indicate that religious leadership in the Americas now appears able to undertake that fundamental basic reorientation that can set aside long-standing religious prejudice,” Dr. Filson said.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governor Wolf, Tournament Coaches: Stop the Madness, End Sexual Assault

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

Harrisburg, PAHarrisburg, PA – Governor Tom Wolf joined the head coaches participating in the men’s and women’s tournaments from Duquesne University, University of Pennsylvania, University of Pittsburgh, Robert Morris University, Saint Joseph’s University, Temple University and Villanova University to urge Pennsylvanians to make a pledge to play a role in preventing, addressing, and responding effectively to sexual violence, as part of the commonwealth’s “It’s On Us PA” campaign.
“Pennsylvania is home to some of the best schools and athletic programs in the country, and sexual assault should not be part of any student’s experience. Ensuring our students’ safety and well-being is paramount not only to their success, but the success of Pennsylvania as a whole,” said Governor Tom Wolf. “I’m proud to be joined by these accomplished coaches who not only excel on the basketball court, but also set a tremendous example every day for their players to shape them into better women and men, and role models for their communities. Let’s stop the madness – take the pledge and help Pennsylvania end sexual assault.”“Sexual assault, violence and harassment have no place in our university. It is counter to our values, as a university and team, to respect every individual,” Pitt Men’s Basketball Coach Jamie Dixon said. “For Pitt, as a community, including our coaches and student athletes, maintaining a campus environment where sexual violence is prevented and addressed is a responsibility that we all share.””At Duquesne University, we strive to educate our student-athletes and prepare them to identify situations in which sexual assault may occur. We want them to step in and do something – anything – to avoid any incident of sexual assault that may occur,” Duquesne Women’s Basketball Coach Dan Burt said. “At Duquesne University, our staff and student-athletes have taken the pledge to be part of the solution. We encourage all members of the Duquesne community, as well as every resident of the Commonwealth of Pennsylvanian to do the same.” “The “It’s On Us PA” initiative is a cultural movement aimed at fundamentally shifting the way we think, talk about and act around the issue of sexual assault,” said Temple Men’s Basketball Coach Fran Dunphy. “Temple urges everyone – men and women – to make a personal commitment to holding themselves and each other accountable and realize that the solution begins with us.” “Robert Morris University is committed to supporting the It’s On Us PA campaign. It is our duty to cultivate and maintain a safe campus community where it is recognized that non-consensual sex is sexual assault,” said Robert Morris Head Women’s Basketball Coach Sal Buscaglia. “Sexual assault is unacceptable. My fellow coaches and I, while competitors on the court, join as one in a concerted effort to pledge our support for the It’s On Us PA campaign.”“At Saint Joseph’s University, we work with our athletes to be Everyday Champions – we teach them values for life, not just basketball,” St. Joe’s Men’s Basketball Coach Phil Martelli said. “Hawks are trained to be good citizens, to live the Magis and that includes not only refraining from any form of sexual harassment or violence but also interrupting others when they see what might be heading in the wrong direction. It’s on us to educate our students about methods to prevent sexual assault.”“The University of Pennsylvania women’s basketball team wholly endorses Governor Wolf’s ‘It’s On Us PA’ initiative, and we are thrilled to join him in this campaign during this exciting time in our season” said Penn Women’s Basketball Coach Mike McLaughlin. “As the father of a young daughter, and as a coach who is asked daily to lead, mentor and empower college-aged women, I am particularly sensitive to this issue, and in those positions I am happy to stand side-by-side with the Governor in his public stance against this terrible crime.”
“At Villanova University, love and respect are essential to the life of our community. We believe that it is everyone’s responsibility to create a safe and caring community and prevent sexual violence,” said Villanova Men’s Basketball Coach Jay Wright. “This means that we step up and step in during the moments that matter. It’s on us, Nova Nation!”
Governor Wolf announced the launch of “It’s On Us PA” in January making it the first statewide campaign to address the crisis of sexual assault in schools and on college campuses. Building on the national “It’s On Us” movement launched by President Obama and Vice President Biden in 2014, “It’s On Us PA” will engage education leaders from school superintendents to college presidents as well as students, athletes, teachers, families, and communities to make a personal and public pledge to play a role in preventing, addressing, and responding effectively to sexual violence.The specific goals of “It’s On Us PA” are to:
Improve awareness, prevention, reporting, and response systems in schools, colleges and universities to better serve all students.
Remove/reduce barriers that prevent survivors from reporting and/or accessing vital resources by creating a more consistent, empowering reporting process for student survivors of gender based violence.
Demonstrate significant, proactive, and sustainable leadership to change campus culture by challenging Pennsylvania’s education leaders – including college and university presidents, superintendents – as well as students, teachers, faculty, staff, families, and communities to pledge to improve their institutions’ climate.
This initiative builds on an important dialogue sparked by the Pennsylvania Commission for Women, the Pennsylvania State System of Higher Education and Pennsylvania Coalition Against Rape in November, which brought together educators, advocates, students, and policymakers for a screening of The Hunting Ground documentary.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

World Takaful Conference

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

Ebrahim-Al-ZaabiDave-MatchamDubai, UAE 11th and 12th April 2016 Dusit Thani Hotel, World Takaful Conference (WTC 2016).The World Takaful Conference (WTC) has over a decade – long heritage of generating useful insights for the industry and this year will converge leaders – from established markets such as GCC and Southeast Asia, as well as emerging Takaful markets in Africa and Europe under the theme “Prudent Practices for Global Growth”. WTC this year brings a completely new approach based on three key factors- innovation, impact and leadership – facilitated by technology via the WTC App that will immerse the participants in a completely new experience of deep critical discussions, polling, connectivity and much more.The 11th edition of WTC 2016 will gather key stakeholders from the regional Takaful industry to share insights and deliberate on new strategies to help the Takaful Industry grow beyond its niche status.Features to look out for in the 11th edition of WTC 2016:Keynote speeches from Abdulla Mohammed Al Awar, Chief Executive Officer, Dubai Islamic Economy Development Centre (DIEDC); H.E. Ebrahim Obaid Al Zaabi, Director General, Insurance Authority (IA) and Dave Matcham, Member of Executive Committee, Islamic Insurance Association of London (IIAL).A panel session on Mutual Insurance and the issues of Corporate Governance.
The exclusive Launch of the Finance Forward World Takaful Report 2016 A CEO Power Debate on the Turning point of Takaful… And much more. (photos: Ebrahim-Al-Zaabi, Dave-Matcham)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I fondi di Artemis disponibili sulla piattaforma di Allfunds Bank

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

Gli otto comparti dell’OEIC di Artemis sono ora disponibili tramite Allfunds Bank, unitamente ad altri fondi comuni di investimento offerti agli investitori europei. Essi comprendono quello dedicato all’azionario USA, che fa capo a Cormac Weldon, con Stephen Moore che gestisce i due fondi long/short, Artemis Global Equity Income Fund, gestito da Jacob de Tusch-Lec e Artemis Pan-European Absolute Return Fund, gestito da Paul Casson. I comparti emettono categorie di azioni denominate in euro e in dollari USA. moneteJames Martinelli, direttore vendite per Italia, Spagna e Francia ha dichiarato: “Allfunds è la più grande piattaforma europea di fondi comuni di investimento. Dato che abbiamo registrato i nostri prodotti in Spagna e in Italia un anno fa, la cosa più logica da fare era dare ai nostri clienti un maggiore accesso agli stessi con Allfunds”.
Fondata nel 1997, Artemis è una società indipendente e gestita direttamente dalla proprietà, con un patrimonio complessivo di € 28.5 miliardi. I gestori sono selezionatori di titoli dedicati e non sono vincolati ad un particolare stile o processo aziendale. Inoltre, nella maggior parte dei casi sono azionisti dell’impresa e tutti investono nei fondi gestiti in prima persona e dai loro colleghi. Ciò comporta un allineamento degli interessi dei gestori a quelli degli investitori nei fondi di Artemis e, al contempo, favorisce la condivisione di informazioni e idee. Il risultato è un insieme di portafogli “ad alta convinzione”, con caratteristiche completamente diverse da quelle dei portafogli dei concorrenti e dei relativi indici di riferimento. Allfunds Bank Group offre soluzioni integrate su fondi (intermediazione, analisi e informazione). Fondata nel 2000 e posseduta in parti uguali dal Gruppo Santander e dal Gruppo Intesa Sanpaolo, Allfunds Bank intermedia oltre 150 miliardi di sterline offrendo circa 42,000 fondi di 462 società di gestione. Allfunds Bank ha una presenza diretta in Spagna, Italia, Regno Unito, Cile, EAU, Svizzera, Colombia e Lussemburgo, con oltre 460 clienti istituzionali tra banche commerciali, banche private, compagnie assicurative, società di gestione, supermarket finanziari, broker internazionali e società di specialisti in 33 Paesi.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Viaggio a Kerala

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

keralaIl gruppo di ricerca del Laboratorio di Psichiatria, Cultura e Ambiente del Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento dell’Università di Pavia, diretto dalla Prof.ssa Vanna Berlincioni, si è dedicato, nel corso degli ultimi anni, a progetti di scambio culturale. Al fine di conoscere manifestazioni di disagio mentale e metodi di cura in ambito psichiatrico in contesti socio-culturali diversi dal nostro, sono state effettuate nell’ultimo decennio esperienze in Mali e Senegal.
Nel periodo tra il 7 e il 24 gennaio 2016, un gruppo di quindici professionisti composto da psichiatri, psicoanalisti, medici in formazione specialistica in psichiatria, psicologi e studenti di Medicina, si è recato nello Stato del Kerala, nell’India meridionale, avendo come referente locale la dott.ssa Chitra Venkateswaram, medico psichiatra e membro fondatore dell’associazione Mehac (Mental Health Action), organizzazione no-profit dedita a interventi di supporto medico-sociale.
La prima parte del soggiorno si è focalizzata sulla visita delle strutture ospedaliere, in particolare il reparto di Psichiatria dell’Amrita Hospital di Kochi dove la dottoressa Venkateswaram svolge anche attività di consulenza psichiatrica presso il reparto di Cure Palliative. Il suddetto ospedale, centro di riferimento nella regione per numerose patologie, è collocato all’interno dell’Amrita Institue of Medical Sciences and Research Centre (AIMS), fondato da Mata Amritandandamayi, figura carismatica di religione induista, conosciuta a livello internazionale con il nome di “Amma”. Oltre ad attività clinico-assistenziali l’ospedale svolge un ruolo di formazione medica in quanto sede di una facoltà di Medicina e Chirurgia e di diversi centri di ricerca medico-biologica. Il reparto di diagnosi e cura psichiatrica visitato dal gruppo pavese, dispone di trenta posti letto per pazienti in fase di acuzie psicopatologica e altrettanti per persone con problemi di abuso di sostanze psicotrope. Una peculiarità del reparto psichiatrico di Kochi è l’obbligo di ospitare insieme al degente un suo parente; a differenza di quanto accade negli ospedali italiani, i familiari assumono un ruolo attivo nella cura del congiunto per tutta la fase di degenza ospedaliera, garantendo una presenza continuativa nel reparto sia nelle ore diurne che notturne. Le finalità di tale presenza sono sia assistenziali, sia indirizzate ad una condivisione del disagio psichico e delle dinamiche ad esso connesse, tra il paziente e il nucleo familiare di provenienza.
Il gruppo pavese ha inoltre avuto la possibilità di visitare il centro di Integrated Medicine, nel quale un medico di formazione ayurvedica ha illustrato i metodi e gli strumenti di cura utilizzati in questo tipo di medicina olistica, che ha come obbiettivo il mantenimento del benessere delle persone modificando gli squilibri di uno stile di vita inadatto al mantenimento della salute. Un ulteriore approfondimento di tali tecniche è stato realizzato grazie al seminario tenuto dal medico ayurvedico, specialista in psichiatria ayurvedica, dott. Isaac Paul.
Nella seconda settimana gli operatori dell’Università di Pavia hanno visitato le strutture gestite dall’associazione Mehac, che collabora con varie organizzazioni governative e non. Tale associazione fornisce assistenza medica primaria, psichiatrica e cure palliative, a titolo gratuito, favorendo la creazione di un efficace network assistenziale nel contesto abitativo del paziente. La necessità di questa funzione è giustificata dal fatto che la maggior parte delle cure mediche dispensate dalle strutture ospedaliere (tra cui anche il sopracitato Amrita hospital) risultano a carico del paziente, in virtù dello statuto privato su cui si fondano quasi tutti gli enti assistenziali indiani. E’ facile quindi intuire che larga parte delle cure mediche essenziali risulti preclusa ad una larga porzione delle fasce sociali più disagiate.
Presso il Tata hospital nella zona di Alleppey, città a sud di Kochi, il gruppo della professoressa Berlincioni ha seguito alcuni pazienti psichiatrici ambulatoriali anche con il supporto della dott.ssa Geetha Vijay, medico palliativista, dell’assistente sociale Aiswarya Sujilb e della psicologa Anupama V. Prabhu.
L’associazione Mehac si occupa sia di salute che di cure palliative: in particolare il palliative care model viene applicato alla psichiatria con l’obiettivo comune di considerare la persona nella sua totalità, nell’interezza dei suoi bisogni psicosociali.
La secolare presenza di etnie e religioni diverse nello Stato del Kerala, ha favorito la crescita nella coscienza collettiva dei suoi abitanti, di una generale inclinazione alla tolleranza nei confronti delle diversità religiose, tali da garantire una pacifica convivenza caratterizzata da reciproca condivisione delle tradizioni e rispetto dei credo altrui.
E’ stato interessante notare come all’interno degli organismi assistenziali, la convivenza di impostazioni ideologiche, politiche e sociali differenti tra loro, consenta la collaborazione di aziende private con associazioni indipendenti di varia ispirazione (comunista, cattolica, …) finalizzate alla cura dei cittadini di fasce economiche disagiate, indipendentemente dalla loro appartenenza socio-religiosa. Tale finalità viene perseguita grazie all’impegno di medici, psicologi, assistenti sociali e numerosi volontari, formati per interventi coordinati tra il territorio e alcune strutture di accoglienza per soggetti senza fissa dimora. Gli interventi si traducono in una capillare attività di supporto medico e sociale attraverso visite domiciliari nell’area di competenza. Un’altra delle finalità del soggiorno indiano del gruppo di Pavia è stata quella di approfondire il tema dello stigma nella patologia psichiatrica, per paragonare la situazione attuale nella nostra società con quella del contesto socio-culturale del Kerala. A tal scopo è stato avviato con gli operatori del Mehac un progetto di ricerca che prevede una raccolta di dati tramite un questionario elaborato dal Laboratorio di Psichiatria Cultura e Ambiente e distribuito ai pazienti da loro seguiti, che verrà continuato nei prossimi mesi.
L’ottimale cooperazione realizzata con gli operatori psichiatrici del Kerala, apre la possibilità per una interessante e proficua collaborazione futura. (foto: kerala)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Draghi potrà salvare i mercati all’infinito?

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

Bce taglia stima inflazione Eurozona 2014 a 0,7%

(FILE) A file photo dated 17 February 2014 showing the glass facade of the new building of the European Central Bank, ECB, (R) in the last light of the day in Frankfurt Main, Germany. ANSA/BORIS ROESSLER

Come tutti ci ricordiamo, nel luglio del 2012 Mario Draghi pronunciò le famosissime tre parole, “whatever it takes”, che – di fatto – salvarono l’unione monetaria dalla sua disgregazione (che ciò sia stato un bene o male resta un dibattito aperto, anche se la grande maggioranza lo considera un bene).Giovedì scorso, il 10 Marzo 2016, Draghi ha annunciato un nuovo piano di stimoli economici che i giornali hanno ribattezzato il nuovo “bazooka di Draghi”. Piano molto gradito ai mercati che lo hanno “festeggiato” con giornate molto positive (dopo essere rimasti profondamente delusi dagli annunci dati tre mesi prima).
Molti analisti hanno paragonato i due episodi ritenendo che, ancora una volta, le parole di Draghi potranno dare una nuova linfa a lungo termine ai mercati finanziari grazie all’ulteriore denaro che verrà immesso nel sistema.Potrebbero esserlo anche le conclusioni, sebbene i mercati finanziari siano imprevedibili e quindi tutto può accadere. Intanto le due situazioni, quella del Luglio 2012 e quella attuale, sono profondamente diverse.
La crisi dell’Euro era principalmente una crisi politica. Crisi con pesanti riflessi nei mercati finanziari, ma l’origine era tutta politica. Era legata all’incertezza che i vari vertici europei continuavano ad infondere sul futuro dell’Euro. Le decisioni assunte precedentemente erano sempre state tardive e insufficienti. I mercati temevano la disgregazione dell’Euro principalmente perché non si intravedeva una chiara volontà politica. Nel momento in cui una voce autorevole c’ha messo la faccia in modo inequivocabile, ed ha preso provvedimenti conseguenti, ciò è bastato a far scomparire i dubbi ed a far tornare il sereno.Il contesto attuale è completamente diverso. Da aprile 2015 i mercati azionari sono entrati in una fase negativa (bear market) che ha visto più ondate discendenti e fasi di recupero. Il primo “scricchiolio”, pesante, si ebbe nelle due settimane fra la fine di Giugno e l’inizio di Luglio 2015. Una discesa piuttosto violenta che vide però un pronto recupero, sebbene – come è logico in una fase discendente, ma allora non si sapeva che lo fosse – il recupero non fu completo. A metà Agosto inizia una nuova tempesta nei mercati azionari che durerà più tempo, fino a tutto Settembre. Ancora una volta, il recupero – che durerà due mesi esatti, fino a tutto Novembre – non riporterà gli indici azionari ai valori del 10 Agosto (picco del recupero precedente). Ad inizio dicembre 2015 inizia una nuova ondata di vendite che termina l’11 Febbraio scorso. Questa è la più violenta e prolungata – fino ad oggi – delle fasi discendenti di questo bear market. Attualmente siamo in una terza fase di recupero che dura da oltre un mese. Basteranno le parole di Mario Draghi per invertire definitivamente la rotta? C’è da dubitarne.In primo luogo bisogna dire che gli strumenti della BCE sono senza alcun dubbio sufficienti a fugare ogni dubbio sulla possibilità tecnica di mantenere l’unione monetaria “a qualsiasi costo” (whatever it takes), ma ben diverso è il discorso se parliamo di ottenere specifici obiettivi di politica economica come il raggiungimento di certi livelli d’inflazione.
Abbiamo visto che se la BCE è certamente in grado di salvare le Banche o gli Stati membri (acquistando le loro obbligazioni) è stata pesantemente inefficace nel controllare l’inflazione. L’obbiettivo di un’inflazione, inferiore ma vicina, al 2% è stato gravemente mancato.Se i mercati azionari registreranno una nuova ondata di vendite, quando sarà esaurito questo recupero, oppure se questo recupero sarà l’inizio di una inversione del trend e quindi la fine di questo bear market, dipenderà solo parzialmente dalla BCE. Dipenderà molto più pesantemente dall’andamento dell’economia. Non sempre i prezzi delle azioni sono collegati ai fondamentali, anzi, succede spesso che i mercati azionari esagerino, sia in una direzione che nell’altra. Ciò nonostante, i grandi trend dei mercati azionari (quelli che durano alcuni trimestri, naturalmente fra eccessi e correzioni) sono sempre collegati ai fondamentali.
I mercati azionari sono ottimi indicatori anticipatori del ciclo economico. Non c’è mai stato un bear market significativo che non coincidesse con una fase o di rallentamento o di recessione del ciclo economico.
E’ molto probabile che anche questa volta sia così. Questo bear market dovrebbe indicare che l’economia sta rallentando e potrebbe essere che il rallentamento sia già in atto, ma non lo registriamo con gli indicatori coincidenti. Purtroppo, mentre li viviamo, le inversioni dei cicli economici sono sempre difficili da leggere, dopo qualche trimestre (avendo anche dati più completi) possiamo dire con certezza che quella era una fase di rallentamento o di recupero, ma nell’immediato è sempre tutto più difficile. E’ ragionevole supporre, però, che questo bear market finirà quando potrà essere in grado di anticipare di qualche mese una fase di recupero dell’economia.Se prendiamo per buona l’ipotesi che anche questo bear market ha segnalato un rallentamento economico, se non proprio una recessione, ci restano solo due ipotesi: o questa rallentamento è un rallentamento “flash”, cioè che dura solo un trimestre o due, oppure questo bear market non è ancora concluso e quindi questa fase di recupero si fermerà, come le altre, prima di raggiungere il livello dei prezzi raggiunti a fine novembre 2015, per avviare un’altra ondata di vendite che dovrebbe raggiungere livelli di prezzo inferiori a quelli raggiunti il 12 Febbraio 2016.Vi è un ultimo punto, a nostro giudizio, molto rilevante: la credibilità delle politiche monetarie. Sono ormai molti anni che le banche centrali vanno avanti con politiche di allentamento monetario. La FED ha intrapreso una fase di “normalizzazione” delle politiche monetarie, anche se in modo molto lento e molto discusso. Inizialmente le voci discordanti erano veramente poche ed isolate. Recentemente si stanno facendo sempre più convincenti, anche alla luce degli oggettivi problemi che stanno creando. Si può discutere se questi problemi siano o meno inferiori rispetto a quelli che vi sarebbero stati in assenza di queste decisioni, ma non si può discutere sul fatto che la politica di inondare i mercati finanziari di denaro ha creato forti distorsioni e una serie di “trappole” dalle quali sarà difficile uscire. Voci sempre più autorevoli stanno sollevando il problema.
Recentemente, il 4 Marzo, Claudio Borio (non un economista eretico o di poco peso), Capo del Dipartimento monetario ed economico della BIS, la Bank of International Settlements, cioè la banca che coordina l’operato della varie banche centrali del mondo, ha messo il dito nella piaga indicando come la politica del denaro facile abbia fatto aumentare in modo significativo i debiti (pubblici e privati), in particolare nei paesi emergenti, e mini la crescita della produttività.
Scrive Borio: “questo aumento e’ spesso accompagnato da un forte rialzo dei prezzi immobiliari in un contesto di aggressiva assunzione di rischio, fattori che ricordano in modo inquietante i boom finanziari osservati nelle economie colpite successivamente dalla crisi.” ed ancora: “secondo una recente ricerca BIS, i boom del credito minano la crescita della produttivita’ man mano che aumentano di vigore, prevalentemente perche’ destinano risorse ai settori sbagliati. L’impatto di queste allocazioni errate perdura nel tempo e si intensifica allo scoppio di una crisi finanziaria. A sua volta, una minore produttivita’ rende piu’ difficile sostenere gli oneri debitori. Per metterla in altri termini, quelli che vediamo potrebbero non essere fulmini isolati, bensi’ i segnali di una tempesta vicina, che si sta preparando da molto tempo.” Infine, Borio, sferra la stoccata finale: “Le recenti turbolenze hanno mostrato chiaramente che le banche centrali, dopo la crisi, sono state gravate per un tempo troppo lungo di un fardello eccessivo, proprio nel momento in cui si sono ridotti gli spazi per politiche di bilancio e c’e’ stata carenza di misure strutturali. Malgrado condizioni monetarieeccezionalmente espansive, la crescita nelle giurisdizioni piu’ importanti e’ stata deludente e l’inflazione e’ rimasta persistentemente bassa. Gli operatori di mercato ne hanno preso atto e la loro fiducia nei poteri curativi delle banche centrali – probabilmente per la prima volta – vacilla.” Il giorno in cui questo pensiero dovesse diventare dominante, cioè quando sarà evidente che le banche centrali non hanno un potere infinito, quel giorno, probabilmente, vedremo dei crolli nei mercati azionari alla luce dei quali, i recenti, appariranno solo come avvisaglie. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’intelligenza artificiale e il futuro dell’Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

londraLondra giovedì 30 giugno, alla Jumeirah Carlton Tower. GIL 2016: Europe. Il congresso torna a Londra per l’ottavo anno consecutivo. I diversi settori industriali sono inondati di dati provenienti da milioni di dispositivi connessi. I veicoli autonomi, le città in tempo reale, le catene di approvvigionamento connesse, l’abbigliamento intelligente, i sensori biologici integrati e gli assistenti domestici robotici sono diventati realtà. Il prossimo passo sarà l’utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale per prendere decisioni in tempo reale. Ciò segnerà l’avvento dell’Era Cognitiva nel mondo degli affari.
Con il suo discorso programmatico sull’impatto delle macro tendenze sul complesso ambiente europeo, intitolato “The impact of Mega Trends on Europe’s complex environment / A single digital Europe”, il Senior Partner EIA Sarwant Singh aprirà la conferenza. “L’Era Cognitiva darà slancio al cambiamento dei modelli di business, dei prodotti e servizi e degli ecosistemi industriali, partendo dall’integrazione di nuovi prodotti dotati di intelligenza artificiale”, spiega Singh. “I dirigenti aziendali dovranno prestare attenzione a questa nuova mentalità per sviluppare pratiche aziendali proattive e predittive.” La conferenza evidenzierà le principali macro tendenze e i nuovi modelli di business, con riferimenti a sviluppi industriali specifici, e analizzerà il loro impatto diretto sul successo delle aziende. Sottolineerà anche l’importanza di utilizzare in modo efficiente il portafoglio attuale di risorse digitali aziendali e di integrare le tecnologie cognitive per sostenere le decisioni critiche relative ai clienti e favorire il successo negli affari. Alcuni dei punti salienti della conferenza:
– L’Era Cognitiva e le implicazioni per il futuro della tua carriera e della nostra società, di Sanjay Brahmawar, Global Head of Sales, Managing Partner, IBM Watson Internet of Things
– Il futuro degli affari in Europa, di Rohit Talwar, Futurologo, Fast Future Research
– Opportunità nell’Africa connessa e mobile e nuove opportunità di mercato in Iran, di Aroop Zutshi, Global President & Managing Partner, Frost & Sullivan
– Il futuro del Fintech di Luca Raffellini, Director, Business & Financial Services, Frost & Sullivan
La comunità globale GIL di Frost & Sullivan continua ad essere l’unica risorsa per il settore a sostegno degli amministratori delegati e dei team di management nelle loro decisioni critiche, fornendo strumenti che aiutano i leader dei vari settori industriali a raggiungere i tre obiettivi essenziali: crescita, innovazione e leadership.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cultura e Letteratura Ebraica

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

traniTrani 5a Giornata (18 marzo) di Lech Lechà – Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica, IVa edizione. La manifestazione – una delle più importanti dell’ebraismo italiano in assoluto (definita dall’UCEI “Evento di interesse nazionale”) – si articolerà in diverse location della città, proponendo un ricco calendario di conferenze, presentazioni librarie, mostre, concerti, studio dei testi scritturali, proiezione di docu-film, cucina casher elaborata sotto stretta sorveglianza del rabbinato di Napoli, e il grande dono dello Shabbat nell’incantevole scenario della Sinagoga Scolanova di Trani, la più antica d’Europa. Anche quest’anno, la direzione artistica di Lech Lechà è affidata a Cosimo Yehudah Pagliara, Ottavio Di Grazia e Francesco Lotoro. La manifestazione ha il patrocinio e il sostegno di Regione Puglia, Comune di Trani, Unione Comunità Ebraiche Italiane, Comunità Ebraica di Napoli, Fondazione Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria, Barletta, Centro Ebraico di Cultura HaShoresh Doròt, Brindisi–Lecce, Fondazione SECA, Trani  (foto: trani)

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il nostro giocattolo più grande è il cervello”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

cervelloCosì affermava Charlie Chaplin. Non v’è dubbio che l’attore, comico, regista, sceneggiatore, compositore e produttore cinematografico britannico abbia “giocato” e stimolato non poco il proprio cervello, se è vero che l’autore di oltre novanta film è oggi considerato tra i più importanti ed influenti cineasti del XX secolo ed una delle personalità più creative e influenti del cinema muto.In occasione della Settimana Mondiale del Cervello, gli esperti della Società Italiana di Neurologia (SIN) richiamano l’attenzione sui numerosi studi scientifici che dimostrano come il cervello, a differenza di altri organi, migliori il proprio funzionamento in proporzione al lavoro effettuato e non risenta, quindi, di un particolare processo di usura correlato al suo impegno continuo.
“Fin dall’età giovanile – dichiara il Prof. Leandro Provinciali, Presidente SIN e Direttore della Clinica Neurologica e del Dipartimento di Scienze Neurologiche degli Ospedali Riuniti di Ancona – il cervello riduce la sua componente più nobile, la quantità di neuroni: in pratica, a breve distanza dall’epoca in cui ha completato il proprio sviluppo inizia a perdere cellule ma, con l’apprendimento, crea nuove connessioni fra i neuroni. In realtà, i collegamenti fra i neuroni rimangono attivi se impiegati con continuità, mentre il numero delle cellule decresce progressivamente, pur non compromettendole prestazioni fino all’età molto avanzata”.Una riduzione dell’efficienza cognitiva potrebbe significare l’inizio di un decadimento cerebrale, ma i meccanismi di compensazione attuati sono tali che l’espressione clinica si realizza molto tardivamente rispetto ai cambiamenti biologici.“In generale – sottolinea il Prof. Provinciali – è la memoria di episodi che viene inizialmente compromessa e, successivamente, la rievocazione di nomi propri. Quando persistono, quindi, difficoltà delle abilità cognitive, soprattutto memoria e attenzione, è bene rivolgersi al neurologo che valuterà se indagare ulteriormente con esami specifici, qualora si escludano fattori esterni come disturbi del sonno, stress, alimentazione, farmaci etc”.
Numerosi studi scientifici hanno dimostrato come il sonno e l’invecchiamento cerebrale siano strettamente correlati: da un lato, dormire poco e male contribuisce al declino cognitivo e al rischio di demenza; dall’altro, durante la senilità si assiste ad un’alterazione del ciclo sonno/veglia con maggiore vulnerabilità a stimoli esterni a causa della riduzione delle onde delta del sonno profondo, con conseguente maggior frammentazione del sonno.Il sonno rappresenta, quindi, un’attività fondamentale per l’uomo: un terzo della vita, infatti, si trascorre dormendo. Ma non sempre si riesce a dormire bene, a causa di uno stile di vita frenetico, di comportamenti inadatti o di malattie del sonno, spesso ignorate o sottovalutate.“I disturbi del sonno colpiscono circa 13 milioni di italiani – ha affermato il Prof. Gianluigi Gigli, Ordinario di Neurologia presso l’Università di Udine -. I principali sono l’insonnia, che, in forma più o meno grave, colpisce circa il 41% della popolazione, la sindrome delle apnee in sonno, di cui soffrono circa 2 milioni di italiani, la sindrome delle gambe senza riposo, che colpisce 3 milioni di italiani, ed i disturbi del ritmo circadiano. I disturbi del sonno si associano spesso ad altre malattie, soprattutto a carico del Sistema Nervoso”.Ad esempio, i soggetti affetti da decadimento cognitivo sono frequentemente colpiti anche da alterazioni del sonno. La sindrome delle apnee in sonno è un fattore di rischio riconosciuto per malattie cardio e cerebrovascolari. I pazienti affetti da epilessia lamentano frequenti disturbi del sonno quali insonnia, eccessiva sonnolenza diurna, apnee nel sonno, sonno notturno frammentato, movimenti periodici degli arti in sonno, che spesso sono un fattore limitante il corretto controllo delle crisi. La sclerosi multipla è invece associata a svariati disturbi del sonno, quali insonnia, spasmi notturni, narcolessia, disturbi respiratori in sonno e, in particolare, alla sindrome delle gambe senza riposo.
La recente approvazione della direttiva europea sul rilascio della patente di guida ha costretto anche l’Italia a confrontarsi con il problema della diagnosi della narcolessia e della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. Ne deriva la necessita di adeguare la risposta, finora insufficiente, del servizio sanitario nazionale alle esigenze diagnostiche legate alla patente di guida, attraverso l’organizzazione di una rete di Servizi di Medicina del Sonno. L’obiettivo è quello di ridurre gli incidenti alla guida dovuti all’eccessiva sonnolenza diurna. Trattandosi di malattie i cui sintomi sono curabili, lo scopo della diagnosi non è quello di togliere il permesso di guidare alle persone affette, limitando ‘uso di un mezzo talora indispensabile per lavorare; al contrario, una diagnosi corretta può far prendere loro consapevolezza della necessità di usare gli strumenti a disposizione per combattere la sonnolenza diurna, a cominciare dal trattamento ventilatorio notturno per le apnee. A seguito di tale trattamento, un controllo neurologico, clinico e strumentale, potrà documentare l’eventuale regressione dei rischi nella guida in condizioni abituali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrazione: un nuovo sistema centralizzato con quote nazionali per le richieste di asilo

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

migranti1Il sistema di asilo dell’UE per far fronte al numero sempre crescente di arrivi dei migranti non funziona, si afferma in una risoluzione approvata dalla commissione libertà civile, nella quale si propone una revisione radicale delle cosiddette norme di Dublino. I deputati propongono pertanto di istituire un sistema centralizzato per la raccolta e l’assegnazione delle domande di asilo.Tale sistema, che includerebbe quote nazionali, dovrebbe funzionare a partire della prima accoglienza negli “hotspot”, da cui poi i rifugiati dovrebbero essere redistribuiti.La proposta di revisione del regolamento di Dublino III (che determina quale Stato membro è responsabile di vagliare la domande di asilo) è stata approvata in una risoluzione votata in commissione. Il testo, redatto da Roberta Metsola (PPE, MT) e Kashetu Kyenge (S&D, IT) è stato approvato con 44 voti favorevoli, 11 contrari e un’astensione.”La situazione è gravissima. Lo scorso anno, 3771 persone sono annegate nei nostri mari. Quest’anno oltre 450 persone, tra cui 77 bambini, sono morte. Abbiamo il dovere come politici di assicurare che queste persone non siano solo statistiche senza nome. Si tratta di persone reali, con vite vere. Dobbiamo tutti impegnarci a fare meglio – l’indifferenza non è un’opzione. È il momento di agire sotto tutti i punti di vista e questo è ciò che il nostro rapporto richiede”, ha dichiarato la relatrice Metsola.”L’Europa ha bisogno di stabilire un approccio globale alla migrazione basato sul principio di solidarietà tra Stati. È necessario un piano di organizzazione internazionale che permetta a questo principio di essere applicato, così da distribuire in modo equo le responsabilità e mettere al centro del processo il valore della vita e dei diritti fondamentali”, ha aggiunto la relatrice Kyenge.Nel testo è evidenziato come l’attuale sistema europeo di gestione delle domande di asilo non tenga adeguatamente in considerazione le particolari pressioni migratorie affrontate dagli Stati membri alle frontiere esterne dell’UE. I deputati chiedono delle modifiche al fine di garantire equità e condivisione delle responsabilità, solidarietà e tempi rapidi nella presa in esame delle domande.Nel 2015, 1,83 milioni di persone hanno cercato di attraversare irregolarmente le frontiere esterne dell’UE (282.500 nel 2014) e 1,4 milioni di domande di protezione internazionale sono state presentate nell’UE, in Norvegia e in Svizzera, con numeri in costante aumento a partire da aprile.Misure urgenti di ricollocamento e assistenza per Paesi di “primo arrivo” come Italia e Grecia. Nel testo si invitano gli Stati membri ad adempiere ai loro obblighi per quanto riguarda le misure urgenti di ricollocamento in quanto, alla data del 3 marzo 2016, solo 660 su 106.000 richiedenti asilo, e in attesa di essere assegnati da Italia e Grecia agli altri Stati membri, sono stati effettivamente ricollocati.Per quanto riguarda il reinsediamento, i deputati insistono sulla necessità per l’Unione di adottare un “approccio legislativo vincolante”, aggiungendo che, affinché esso sia efficace, si dovrà garantire il reinsediamento di un numero “significativo” di rifugiati in relazione al numero complessivo dei richiedenti asilo nell’Unione.
La commissione per le libertà civili ha inoltre affrontato il tema del funzionamento degli “hotspot”, avanzando la richiesta di assistenza tecnica ed economica agli Stati membri che si trovano a gestire per primi gli arrivi, come Italia e Grecia. Secondo il Parlamento, questi Stati devono poter effettuare la registrazione di tutti i migranti e accettare l’aiuto dell’UE.I deputati hanno evidenziato inoltre la posizione di vulnerabilità dei minori, in particolare di coloro che viaggiano soli, insistendo sull’attuazione di un sistema di protezione rispettoso delle esigenze dei minori, al fine di prevenire abusi e sfruttamento.Nel rapporto si esprime preoccupazione riguardo alla decisione, da parte di alcuni Stati membri, di chiudere le frontiere nazionali o introdurre controlli temporanei: queste misure mettono in discussione il funzionamento stesso della zona Schengen.I nuovi accordi comunitari sulla cosiddetta “riammissione” dovrebbero avere la precedenza su quelli bilaterali tra Stati membri e Paesi terzi. Il Parlamento insiste nel ricordare che i migranti possono essere rimpatriati solamente se il Paese cui sono destinati versa in condizioni di sicurezza.La risoluzione sarà votata nella prossima sessione Plenaria, il 13 aprile, a Strasburgo.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congiuntiviti allergiche nei bambini

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

allergic reactionsLa primavera è alle porte e le manifestazioni allergiche si ripresentano puntuali. Anzi quest’anno, così mite per la gran parte dei mesi, il periodo delle allergie è iniziato con largo anticipo.
Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, le allergie si posizionano ai primi posti come malattie croniche con una prevalenza che si attesta tra il 10 e il 40% della popolazione mondiale, a seconda delle regioni e dei periodi dell’anno. In Italia, i soggetti allergici sono circa il 20% e il 10% dei casi riguarda i bambini.
Tra le patologie più diffuse in età pediatrica, le congiuntiviti allergiche stagionali o perenni rivestono un ruolo importante: spesso associate a sintomi nasali, rinocongiuntiviti, sono tra le principali cause del tipico “occhietto rosso”.
Se le congiuntiviti allergiche sono generalmente benigne, recenti evidenze scientifiche purtroppo dimostrano che in circa il 6-10% dei casi, si tratta di cheratocongiuntivite Vernal (VKC), una malattia infiammatoria cronica, con eziologia ignota, che inizia in primavera, peggiora o persiste in estate e tende a risolversi in autunno.
“La Vernal è tra le malattie rare più frequenti – evidenzia il dottor Daniele Ghiglioni, Allergologo Pediatra, responsabile del poliambulatorio presso la Clinica De Marchi, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano – con sintomi simili a quelli delle altre forme allergiche oculari, ma molto amplificati. Anamnesi e caratteristiche cliniche sono fondamentali per una diagnosi adeguata e una corretta terapia. E la certezza della diagnosi può derivare solo da una stretta collaborazione tra allergologo e oculista come avviene oggi nel nostro ambulatorio dove ogni anno vengono curati circa 2000 bambini affetti da Vernal”.La VKC è una malattia che colpisce principalmente durante l’infanzia e le successive età pediatriche fino all’adolescenza: nel 70-80% dei casi la malattia si manifesta nei bambini tra i 3 e gli 8 anni, con una maggiore frequenza nei maschi e un picco di incidenza tra gli 11 e i 20 anni. Nella maggior parte dei casi la VKC si risolve verso l’età dello sviluppo. Anche se la VKC è distribuita in tutto il mondo, la maggiore prevalenza si osserva in ambienti caldi e temperati come il bacino del Mediterraneo, Africa, Medio Oriente, India e Penisola Arabica.Ma quali sono i sintomi che possono far venire il dubbio a mamme e papà che non si tratti di una banale rinocongiuntivite? “L’inefficacia dei comuni trattamenti antiallergici, come gli antistaminici per via oculare, e una difficoltà di adattamento alla luce soprattutto all’esterno, ma anche al risveglio nei casi più gravi, sono sintomi importanti che devono far insospettire – interviene la prof.ssa Susanna Esposito, direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano e presidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici. Quando la fotofobia è molto intensa, occhiali scuri e cappellini sono uno strumento indispensabile di protezione ed è ovviamente necessario escludere rapidamente una lesione della cornea con una valutazione oculistica e poi allergologica al fine di iniziare una terapia idonea ed evitare il rischio di esiti permanenti”.Oltre alla fotofobia, la cheratocongiuntivite Vernal (VKC) si può manifestare con altri sintomi quali arrossamento, prurito, bruciore, secrezione di muco filamentoso, lacrimazione e sensazione di “corpo estraneo”. E’ stato anche osservato che i bambini affetti da VKC possono presentare ciglia palpebrali di lunghezza superiore rispetto a quella di un bambino sano.
Nelle forme lievi di VKC, la terapia si avvale di trattamento antistaminico e antinfiammatorio topico associato a brevi cicli di corticosteroidi, mentre nelle forme moderate o severe viene utilizzata la ciclosporina in collirio, con preparazione galenica.
Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’associazione “OCCHIO ALLA VERNAL ONLUS” http://www.occhioallavernal.org che nasce nel 2013 su iniziativa di un gruppo di genitori di bambini e ragazzi affetti da Cheratocongiuntivite Vernal per alleviare il disagio a volte grave provocato da questa patologia poco conosciuta e spesso non diagnosticata.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antonelli: apertura di 7 shop in shop in Corea

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

corea sudAntonelli Firenze, azienda moda total look donna, operativa nella fascia dell’accessibile luxury, prosegue la sua espansione all’estero e firma un accordo quinquennale  con il gruppo coreano Parco International  per l’apertura, entro il 2020, di sette shop in shop monomarca  nei più importanti Department Store del Paese, con una prospettiva di arrivare a 10 in base al turnover. “Sono  orgoglioso di portare le nostre collezioni in un mercato che apprezza la qualità del Made in Italy. L’accordo rappresenta per noi la prima tappa di un progetto di sviluppo del marchio nell’area del  Far East che vedrà, a breve, anche l’ingresso in Giappone attraverso la collaborazione con un nuovo partner”, ha detto Marco Berni, direttore marketing e finanziario della storica azienda fiorentina fondata nel 1950, che dal 2013 ha lanciato sul mercato il label Antonelli Firenze.
La collaborazione tra la società fiorentina e quella coreana porterà il Brand Antonelli Firenze in quattro Department Stores che fanno capo alla multinazionale coreana Hyundai. La prima apertura sarà nel 2016 all’interno del Coex Mall che si trova al nel  più grande quartiere commerciale e finanziario di Seul e dell’ intera Corea.  Seguiranno poi le aperture in altre città coreane e in particolare a Main, Daegu.E ancora all’interno dei department store del  gruppo Shinsegae di Centum City Barnch e di Gangnam, e in quelle del gruppo Lotte nel Department Store – Avenuel Branch situato nel quartiere Jung-gu di Seul e nel Lotte World Tower  situato nel quartiere Songpa-gu di Seul.”Abbiamo chiuso il 2015 con un fatturato di 9,2 milioni di euro, registrando una crescita del 18% sull’anno precedente, con un Ebitda del 12,7% dovuto principalmente all’aumento della quota export che ci ha visto crescere in Germania, Svizzera, Belgio, Scandinavia, Spagna e Francia”, spiega Marco  Berni. Un trend che si confermerà anche per l’anno in corso visto che prevediamo un incremento sui mercati esteri del 70%, e di raggiungere i 12 mln di fatturato. Per quanto riguarda l’Italia, invece, prospettiamo di mettere a segno un incremento di fatturato a doppia cifra percentuale ed un ebitda  intorno ad un 18/19%, dovuto ad economie di scala, al contenimento dei costi fissi, e all’incremento del margine sui listini esteri”.Ma la sfida del Gruppo riguarda anche l’ampliamento delle collezioni con il lancio, da due stagioni, di Tortona 21, la linea di maglieria pensata per la donna, presente da quest’anno  in oltre cento boutique multibrand.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dl Banche: Italiane a rischio senza criteri oggettivi di rating

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

salva banche“Le agenzie internazionali decideranno i criteri per la concessione del rating minimo e, conseguentemente, influiranno indirettamente sulla composizione del portafoglio e sulla percentuale di obbligazioni senior emesse. Non è inverosimile il verificarsi di una situazione nella quale un istituto di credito italiano si possa trovare nel corso del prossimo anno a dover cedere un ingente portafoglio di crediti per poter uscire da una situazione di crisi. In tale ipotesi ci troveremmo con soggetti internazionali che potranno influire sulla possibilità e sulle modalità di realizzazione delle operazioni, incidendo così, indirettamente, anche sul destino della banca”. Lo ha detto Ubaldo Palmidoro di Centaurus, intervenendo al convegno ‘Riforma delle garanzie sulle cartolarizzazioni delle sofferenze: proposte e scenari’, svoltosi alla Camera dei Deputati.“Condivido la necessità di rendere oggettivamente valutabile il processo di cartolarizzazione e la procedura di giudizio ed emissione delle garanzie statali da parte del Ministero. La mia perplessità non nasce dal fatto che agenzie internazionali siano chiamate a giudicare il “rating” delle operazioni di cartolarizzazione, ma dalla assoluta impossibilità, per come oggi è formulato il Dl, di oggettivizzazione dei criteri di giudizio. Ritengo infatti che non sia opportuno lasciare completamente non regolamentate le modalità di analisi ed i criteri che le agenzie di rating dovranno applicare per la valutazione di una operazione”. Lo ha detto il deputato di Forza Italia Fabrizio Di Stefano intervenendo al convegno.“Ritengo che la limitazione prevista dall’art. 16 , che prevede la possibilità di applicazione dello sconto fiscale unicamente a chi rivenda l’immobile acquistato in asta entro 24 mesi sia eccessivamente limitante e non risolva in pieno la problematica. In tale modo si genera un aiuto diretto unicamente ai professionisti delle aste , e cioè a chi compra, attendendo prezzi molto bassi, per poi speculare sulla rivendita. In un momento storico come quello attuale è necessario estendere i benefici a tutti i cittadini , solo in tal modo si potrebbe veramente smuovere il mercato delle vendite immobiliari a beneficio dei creditori e dei debitori”. Lo ha dichiarato il deputato di Forza Italia Pietro Laffranco nel corso del convegno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

60° anniversario della firma del Trattato di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2016

parlamento europeoIl 17 marzo 2016, la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – Dipartimento per le politiche europee, e il PARLAMENTO EUROPEO – Direzione Generale Comunicazione, e l’Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo in Italia, hanno firmato un PROTOCOLLO DI INTESA relativo allo sviluppo di Strategie comuni per la preparazione delle Celebrazioni del 60° anniversario della firma del Trattato di Roma che ricorrerà il 25 marzo 2017. Tale protocollo d’intesa s’inserisce nell’ambito delle pluriennali relazioni inter-istituzionali tra il Parlamento europeo e la Presidenza del Consiglio, Dipartimento per le politiche europee, in materia di Comunicazione sull’Europa.
Le due istituzioni rilevano l’importanza strategica del protocollo, affermando l’intenzione di collaborare sinergicamente per l’attuazione di attività ad hoc incentrate su diversi progetti da stabilire nel quadro delle celebrazioni per il 60° Anniversario della firma dei Trattati di Roma (1957-2017).

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »