Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 17 marzo 2016

Strike it lucky – the role luck plays in business success

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

DanielEggli_Business peopleManagers and stakeholders are seriously underestimating the role luck plays in the success, or failure, of a business according to a new study into luck.Despite their best efforts, individuals and organisations can find it difficult to predict the consequences of their initiatives according to Chengwei Liu, Associate Professor of Strategy and Behavioural Science at Warwick Business School.“While people appreciate the role of bad luck in failures, they do not necessarily do the same when it comes to explaining success,” said Dr Liu. “Explaining this asymmetry has important implications for organisational learning, executive compensation and responsibility allocation.“Our review suggests managers and their stakeholders tend to develop illusions that the world is more controllable and predictable than it actually is, and these illusions can entail costly errors in modern societies.“This is the bad news. The good news is we have the conceptual tools to help us to better understand the role of luck in organisational life, and thus to counter these illusions.”In the paper Good Night, and Good Luck: Perspectives on Luck in Management Scholarship Dr Liu and Mark de Rond from Cambridge Judge Business School argue bestselling books on management and case studies in business school education focusing on the top performers and how to move from ‘good to great’ are taking the wrong approach.“Perspectives on luck suggest there are no rules for becoming the richest and luck dominates the outcome beyond a certain level, “added Dr Liu. “This implies that preaching how to move from good to great is likely to lead to disappointment or even encourage excessive risk taking, fraud even, because exceptional performances are unlikely to be achieved otherwise.“Instead, management research and education should focus more on less extreme performances, that is, the second best, and strive to increase learning from failures, where skill and effort matter more in determining outcomes.“We should stop showing our students how a limited number of stars have risen to levels that others are unlikely to achieve. Rather we should present more realistic and potentially beneficial lessons such as how people can move from incompetent to okay.”
Dr Liu reviewed 1,979 papers mentioning the term luck or chance published in six leading management journals management from 1950 to 2015. The five areas of luck the research examined are: luck as attribution, luck as randomness, luck as attribution, luck as counterfactual, luck as undeserved and luck as serendipity.But the paper goes one step further and suggests luck may also be one possible solution to the problem of increasing social inequality: luck as a Leveller.This idea originates from the ancient Greek and Venetian Republic, known as Demarchy or Lottocracy, where political leaders were elected not by merit but selected at random.“Random selection is particularly relevant for evaluating exceptional successes, including those of star performers in corporate life,” said Dr Liu.“As we have seen there may only be small differences in skill among corporate stars which, in turn, would seem to imply that beyond a certain corporate level, randomly selected executives are likely to perform as well as their higher performing counterparts.
“The firm may well spend the additional resources made available from this approach for more useful applications such as research and development.”However Dr Liu does appreciate the difficulties such a process could bring about, including confidence in a leaders’ ability to direct their efforts in the best possible way.“Lack of confidence in leadership might, in turn, become a self-fulfilling prophecy, causing firms to underperform,” said Dr Liu.“Assuming that the damages resulted from overconfidence is greater than that from under confidence, luck as leveller can still work well. Thus, randomly selecting executives from a pool of qualified candidates is more effective than selecting the highest performers, and this is particularly effective for the highest ranked corporate positions such as CEOs.”As counterintuitive as it sounds, applying a contrarian approach by randomly (and secretly) picking your next CEO may well give your firm a competitive edge against others.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IEA shows CO2 emissions heading in right direction but rapid reduction is needed – Greenpeace

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

carbon emissionBrussels. Data released today by the International Energy Agency (IEA) shows a stalling of global energy-related CO2 emissions in 2015, for the second year in a row.“Greenpeace welcomes this as a sign that national climate and renewable energy policies are working. World leaders now need to double down on making sure global temperature increase remains within the limits agreed in last year’s Paris Agreement,” said Li Shuo, Greenpeace East Asia senior climate adviser.The IEA points to declining coal use in China and significant renewable energy uptake in that country and other parts of the world as responsible for the plateau in global emissions growth. This provides renewed hope for avoiding the worst impacts of climate change.“China’s efforts to tackle climate change and local air pollution are paying global dividends,” said Li. “China’s emissions may have peaked and are now falling for the second year in a row. This puts the country on track to surpass its Paris climate commitments, which is great news.” Despite the Paris Agreement, however, climate ambitions in some countries continue to lag. While aiming to become the world leader in renewable energy, for example, Europe is the only region in the world that saw investments in renewable energy, particularly wind and solar, decline in the last five years [1].
“It’s very encouraging to see energy-related CO2 emissions growth stall, but few steps have been taken to accelerate clean energy deployment so emissions start to decline,” said Greenpeace International Global Energy Strategist Emily Rochon.“As we are witnessing alarming temperature increases, this is no time to sit back and enjoy the ride. World leaders in Paris agreed to limit global warming to 1.5 degrees C, which requires unprecedented efforts today, not tomorrow, to scale up renewable energy and reduce energy consumption globally.”The upcoming Paris agreement signatory event in New York on 22 April is a good moment for the European Union and others to signal their commitment to avoiding catastrophic climate change and the 1.5 degree C warming limit. Ban Ki-moon is asking heads of state to come to the event with new commitments for accelerating climate action by 2020.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fulvio Albano and Massimo Farao in concert

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

massimo faraoToronto Sunday, March 20, 2016 8:30pm Hugh’s Room – 2261 Dundas St West, Presented by: Istituto Italiano di Cultura (Tickets: $30 Advance/$35 Door (includes HST) Fulvio Albano Artistic director, conductor, composer, arranger, saxophonist, clarinet player, musical and record producer, president-founder of the Jazz Club Torino Fulvio Albano’s prestigious artistic career includes participations in several international jazz festivals. We could remember: JVC Rome, EBU Helsinki, Torino Jazz Festival, Lisbon, JVC Rome, JVC Turin, Lugano’s Blues to Bop, Coutances, Prague, Dubendorf, Ciak Milan, Eurofestival Ivrea, Bari, San Marino, Lugano’s Estival Jazz and others important musical events, at the Conservatories of Milan and Turin, Italian Swiss Radio, Teatro Regio Torino, Centro Cultural São Paulo do Brasil, Palácio das Artes di Belo Horizonte, Berna, Brno, Sorrento. He collaborated for a long time with Milan’s RAI and Venice’s Teatro La Fenice. He is the musical director of the Torino Jazz Orchestra. He played with such talented musicians as Gianni Basso, Dusko Goykovich, Johnny Griffin, Ernie Wilkins, Alvin Queen, Tony Scott, Lee Konitz, George Robert, Franco Cerri, Benny Bailey, Dionne Warwick, Carla Bley, Steve Swallow, Slide Hampton, Bob Mover, Jimmy Cobb, Tom Kirkpatrick, Bobby Durham, Sangoma Everett, New York Voices, Dado Moroni, Tullio De Piscopo, Phil Woods, Dee Dee Bridgewater, Uri Caine, Paul Jeffrey, Harry Allen, Mickey Roker, Tom Harrell, Eliot Zigmund, Jerry Bergonzi, Bobby Watson, Scott Hamilton, Terell Stafford, Denise King, Sheila Jordan, The Mingus Dynasty and the New York Voices. He is the artistic director of the Due Laghi Jazz Festival, of the Jazz Club Torino and founder of the Consortium Piemonte Jazz. His international musical events are related to Piedmont Region’s program Piemonte Live and due to an European Union program of development. He is also director of the Due Laghi Jazz Workshop, a master in musical improvement organized in collaboration with Haute Ecole de Jazz de Lausanne and Bern’s Swiss Jazz School. He took part in many international jazz events, representing Italy and the European Union.
Massimo Farao was born May 16th, 1965, in Genoa. He studied piano with Maestro Flavio Crivelli and began his career collaborating with musicians from the Genoa Area, especially with the bassist Piero Leveratto. In 1993 he was invited for the first time in the USA. He plays with Red Holloway and Albert “Tootie” Heath on a tour on the West Coast. In the same year he founded “We love Jazz” Workshop, now become one of the biggest events in Europe for jazz teaching. In 1994 he was hired by “Monad Records” in New York and back in the United States as pianoplayer and music director of Shawnn Monteiro’s band, with Keter Betts and Bobby Durham. He has played in several european tours with the Nat Adderley Quintet, composed by Antonio Hart, Walter Booker and Jimmy Cobb. In 2001 he joined the Archie Shepp’s “Just in Time” Quartet with Wayne Dockery and Bobby Durham. Since 2001 he is the artistic director for the jazz division of AZZURRA MUSIC label. In 2003 he played at “Jazz Piano Festival” in Lucerne. In November 2004 he played in Japan, where his albums have become bestsellers. He played in Italy, France, Germany, Corsica, Switzerland, Hungary, Austria, USA, Sweden, Denmark, Norway, Finland, Dubai, Luxembourg, Spain, Japan, Yugoslavia. He has recorded more than 2 hundred recordings with many Italian and foreign musicians. (photo: massimo farao)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEPs want EU embassies and consulates to grant asylum seekers humanitarian visas

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

To dissuade refugees from putting their lives at risk by entrusting them to people smugglers, EU consulates and embassies should be allowed to issue humanitarian visas to persons seeking international protection, said Civil Liberties Committee MEPs voting on an update of the EU Visa Code on Wednesday. These visas would enable holders to enter the country issuing the visa in order to apply for asylum.
The call to issue humanitarian visas, backed by 46 votes to 4, with 7 abstentions, was part of a legal update to the EU Visa Code, designed to make visa grant procedures less cumbersome, so as to facilitate legitimate travel to the EU.“Given the human drama that we are facing in Europe, we as politicians need to deliver. And that is precisely what we have done here. We shall stand firm together when it comes to negotiating the question of humanitarian visas with the Council. As legislators, we should be proud to use every instrument at our disposal to improve people’s lives”, said rapporteur on the proposed update Juan Fernando López Aguilar, (S&D, ES).MEPs underline that issuing humanitarian visas to persons seeking protection would enable them to travel to the EU “in a safe manner”. To that end, they propose that EU member states be empowered to accept visa applications, in the country where the applicant is, on humanitarian grounds, for reasons of national interest or to meet international obligations. Humanitarian visas would have limited territorial validity, since the sole purpose of the journey would be to lodge an application for international protection.
The proposed update simplifies and modernises visa application procedures, without modifying the criteria against which applications are assessed. Among other changes, some applicants may not need to present their applications in person, processing periods are reduced and interviews may be conducted remotely.MEPs inserted amendments to allow applications to be lodged nine months before the intended journey, instead of six as proposed by the Commission, and to extend the range of potential beneficiaries of multiple-entry visas. They also inserted a provision allowing visa applications to be presented in the consulate of another EU country if the competent one is more than 500 km away from the applicant’s place of residence.The committee agreed to start talks with the Council of Ministers with a view to reaching an agreement on the legislation at the first reading. The negotiating mandate was approved by 53 votes to 3, with 1 abstention.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

International police cooperation – MEPs give green light to deal with Brazil to fight organised crime

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

europolA new agreement establishing police cooperation between Europol and Brazil to reinforce the fight against organised crime, such as facilitating illegal immigration and human trafficking, drug related crimes and credit card fraud and other cybercrime related activities was passed by the Civil Liberties Committee on Wednesday by 42 votes to 5, with 6 abstentions.”The agreement on strategic cooperation between Brazil and Europol will be of particular importance, particularly in the run up to the 2016 Olympic games, to support the fight against organised crime, including human trafficking and cybercrime”, said Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes (S&D, UK) who is responsible for steering the proposal through Parliament.”This agreement will enable the exchange of specialist knowledge, information as well as advice and support related to criminal investigations with full respect of fundamental rights to privacy and without involving the exchange of personal data,” he added.Under the current rules, Parliament must only be consulted before the Council establishes police cooperation agreements with third countries. However, in the recently concluded talks on new rules to govern Europol, Parliament’s negotiators insisted on inserting a review clause on all such agreements.This means that all existing international agreements between Europol and third countries will be assessed within five years after the entry into force of the new regulation in order to check that they comply fully with data protection standards and meet EU standards on policing.Under the Lisbon Treaty, Parliament decides on an equal footing with Council on Europol. Once the new Europol regulation enters into force, Parliament will be required to approve all new international police agreements.
The recommendation to establish strategic cooperation between Europol and Brazil is scheduled for a Plenary vote in April. Once Parliament has been heard, the Council of Ministers can authorise Europol to formally conclude the agreement, so that it can enter into force.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment on the proposed London Stock Exchange Group and Deutsche Boerse

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

John Colley, professor of Warwich Business school comment on the proposed London Stock Exchange Group and Deutsche Boerse merger. John Colley is a Professor of Practice, a former MD of a FTSE 100 company and researches large mergers and takeovers. Professor John Colley said: “The savings seem rather meagre in a merger which appears to be designed to avoid upsetting staff, directors and, indeed, competition authorities.”The real issue is achieving scale to compete on a global scale against already consolidated opponents. Europe needs a strong champion to compete against the US exchanges and Hong Kong. However, competition authorities remain to be convinced of this argument. In the past European competition authorities have tended to see such mergers at a European level. The issue this time may also be the complications of a possible Brexit.”While promoted as a ‘merger of equals’ with top jobs respectively filled by a balance of directors from both businesses, in practice such arrangements rarely work. The chairman is from the LSE, while the deputy chairman and chief executive are from Deutsche Boerse. ‘Mergers of equals’ usually result in a lack of clarity in direction and leadership as both camps jockey for influence. A result is a confused structure and a failure to drive cost savings opportunities arising from the merger. However, this may well not be quite as the financial PR suggests, as there are a number of interests to satisfy.”Currently the most likely intervention will come from the US network of exchanges and clearing houses, Intercontinental Exchange (ICE), lead by founder and president Jeffrey Sprecher. However, the current approach of the LSE and Deutsche Boerse may not be aggressive enough to see off Sprecher’s unwanted attention.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Degrees of Abstraction

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

llarena_vanishedRome (Italy) RossoCinabro, Via Raffaele Cadorna 28, from 21 March to 8 April 2016 Opening from Monday to Friday 11am. The exhibition presented a group of some works in the RossoCinabro’s permanent collection, representing a spectrum of abstract art. Artists make abstract artworks by abstracting the subject matter in their work. That is, they simplify or distort the people, places, or things they are showing in their work. Some artists abstract their subject matter just a little. Others make their work so abstract the subject matter is difficult to identify. Abstraction may characterize a period or movement as well but at the same time, it is a more individualized process, such that the degree and type of abstraction often serves as a clue to the artist’s individual style.
Abstract, idealized, and stylized are sometimes used to mean the same thing: a process of simplifying or standardizing a real object in some way, such that the representation no longer looks naturalistic. Sometimes stylization results from the materials used in the art work, because some textures or qualities of materials lend themselves to certain forms more easily than to others. Many of these artists have ignored traditional distinctions between abstraction and representation, choosing to create works that are uniquely personal.
Recognizing the degree of abstraction and the reasons for abstraction is probably the key to understanding the artist’s goals and meaning.
Artists: Tove Andresen, Roberta Barbieri, Raffaella Capannolo, Antonio Cellinese, Chiara P, Beatrice Cofield, Alistair Cooke, Sigita Dackevičiūtė, Patricia Del Monaco, Andrés Escriva, Giovanna Fabretti, Paolo Gheri, Hannes Hofstetter, Anne Lise Kaaby, Mariela Lechin C, Cris Llarena, Stefano Mariotti, Bruno Mertens, Deanna Miesch, Elvio Miressi, Barbara Palka Winek, Nicola Pica, Daniela Rebecchi, Eva Rossi Kivimaki, Alfio Sacco, Rumen Sazdov, Ingvill Solberg, Georgeta Stefanescu, Ana Taveras, Tiril, Traversi Guerra (Curated by Cristina Madini) (photo:llarena_vanished )

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conseil européen/Increasing the positive signals and acting at source

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

Conseil européen1Bruxelles 17-18 mars 2016 en répondant aux questions suivantes:
1. La crise des réfugiés va à nouveau constituer l’enjeu central du Conseil européen : quelles sont vos analyses et recommandations sur ce registre ?
2. Pensez-vous que l’espace Schengen va pouvoir être préservé malgré la crise migratoire ?
3. Que pensez-vous du projet d’accord entre l’UE et la Turquie?
4. Ce Conseil européen va conclure la première phase du semestre européen 2016 : sur quelles priorités doit-il selon vous insister?
5. 30 ans après la signature de l’Acte Unique européen, quelles impulsions ce Conseil européen peut-il donner pour approfondir le marché unique?
Our President, António Vitorino, takes a stand on the main issues of the European Council of the 17-18 March 2016 by answering the following questions:
1. The refugee crisis is once again going to be the central issue at the European Council: what analyses and recommendations can you offer in that connection?
2. Do you think that it is going to be possible to save the Schengen area despite the migrant crisis?
3. What do you think of the planned agreement between the EU and Turkey?
4. This European Council is going to wind up the first European semester of 2016: on what priorities should it focus in particular, in your view?
5. Now that thirty years have gone by since the signing of the European Single Act, what fresh boost can this European Council impart in an effort to deepen the single market? (foto: )

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Combatting terrorism – presentation of draft report and debate

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

terrorismoBruxelles On Thursday morning at 09.00, Parliament’s lead MEP on the proposal for a directive on “Combatting terrorism”, Monika Hohlmeier (EPP, DE) will present her draft report to MEPs on the Civil Liberties Committee. In the wake of the November 2015 attacks in Paris, the Commission on 2 December presented its proposal for a directive on “Combatting terrorism” to step up the fight against terrorism by criminalising also preparatory acts.EU legislation of 2002, last updated in 2008, already criminalises certain terrorist acts, including the commission of terrorist attacks. The new proposal suggests also criminalising travelling abroad for terrorist purposes, receiving training or financing of terrorist activities.The meeting will be webstreamed and can be followed live on EP Live.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cassa depositi e prestiti: accordo di collaborazione con Fincantieri

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

fincantieriGrazie alla convenzione le numerose PMI italiane che lavorano all’interno della supply chain di beni e servizi di Fincantieri, potranno richiedere a SACE Fct, la società di factoring di SACE, lo smobilizzo dei propri crediti e ottenere il pagamento anticipato delle forniture eseguite. Contemporaneamente, l’accordo dà la possibilità alle imprese di ottenere da SACE BT, la società di SACE specializzata nell’assicurazione dei crediti a breve termine, nelle cauzioni e nella protezione dei rischi della costruzione, le garanzie necessarie per ottenere nuovi contratti di fornitura dal gruppo Fincantieri. Con questa nuova formula, SACE unisce le expertise delle sue società-prodotto per rispondere in modo più diretto ed efficiente alle diverse esigenze di un tessuto produttivo molto vario e complesso che contribuisce in modo significativo alla competitività internazionale di Fincantieri. Fincantieri, attraverso i suoi 8 siti produttivi presenti su tutto il territorio italiano, alimenta un network di circa 4.000 imprese fornitrici, per la maggior parte PMI altamente specializzate, costituendo una piattaforma per lo sviluppo dell’innovazione e l’accesso a nuovi mercati altrimenti di difficile penetrazione per le imprese di piccola dimensione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diagnosi precoce dei tumori del cavo orale

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

domenico cudaVenerdì 1 aprile 2016 è dedicato alla 2° Giornata della prevenzione AOOI per la diagnosi precoce dei tumori del cavo orale. Una patologia che in Italia presenta 12 nuovi casi all’anno ogni 100 mila abitanti con un picco di massima incidenza intorno ai 50-60 anni di età.
Per questo AOOI propone, con il patrocinio del Ministero della Salute, della Società di Chirurgia Maxillo Facciale e del Collegio dei Docenti Universitari di Odontostomatologia, una mattinata di screening gratuiti presso le strutture ospedaliere delle principali città italiane. Perché «prevenire è più facile che dire “otorinolaringoiatria”!» (foto: domenico cuda)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hotels.com svela le città estere in cui i viaggiatori italiani hanno pagato di più per soggiornare in hotel nel 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

hotel lebua state bangkok trivagoSecondo l’Hotel Price Index™ (HPI™) di Hotels.com™ sono gli Stati Uniti il Paese in cui i viaggiatori italiani hanno pagato di più per soggiornare in hotel nel 2015.La città dove i viaggiatori italiani hanno speso in assoluto di più nel 2015 è stata New York, dove hanno pagato in media €215 per camera a notte, facendo registrare un aumento dell’8% rispetto al 2014. Al secondo posto del podio si è posizionata San Francisco, dove i nostri connazionali hanno pagato in media €183 a notte (+10%), seguita da Miami, dove i viaggiatori italiani hanno potuto soggiornare pagando in media €179 per camera a notte (+6%). Al quarto posto della classifica si è posizionata Dubai dove, in seguito a un calo dell’1% rispetto all’anno precedente, i viaggiatori del Bel Paese hanno pagato in media €163 per camera a notte. Chicago chiude la TOP 5 delle città in cui gli italiani hanno pagato di più per soggiornare in hotel, con una media di €151 per camera a notte e un aumento del 13% rispetto al 2014.
Sono invece le città asiatiche e dell’Est Europa le destinazioni dove, nel 2015, i viaggiatori italiani hanno speso di meno per soggiornare in hotel. La città in cui gli italiani hanno soggiornato più a buon mercato è stata Phuket, il capoluogo dell’omonima isola tailandese, dove hanno speso in media €48 per camera a notte, il 22% in meno rispetto al 2014. Al secondo posto della classifica si trova Bangkok, dove i viaggiatori italiani hanno potuto soggiornare pagando €58 per camera a notte (-1%), seguita al terzo posto da Bali, dove i nostri connazionali hanno pagato in media €65 a notte (-3%). Chiudono la TOP 5 delle destinazioni dove i viaggiatori italiani hanno pagato di meno Budapest e Varsavia, rispettivamente con una spesa media di €68 (+2%) e €69 (+1%) per camera a notte.
La destinazione internazionale in cui è stato registrato il maggior aumento dei prezzi pagati dai viaggiatori italiani è stata Shanghai, dove la media dei prezzi è passata da €91 per camera a notte nel 2014 a €121 nel 2015, con un aumento del 33%. Al secondo posto della classifica dei maggiori aumenti di prezzo si è posizionata Dublino, con un aumento del 19% e una media di €110 per camera a notte, seguita da Las Vegas, che ha visto i prezzi pagati dagli ospiti italiani aumentare del 16%, raggiungendo €106 a notte. Chiudono la classifica, a pari merito in quarta posizione, San Diego e Ko Samui, isola della Tailandia, entrambe con una crescita dei prezzi pagati dai viaggiatori italiani del 14%, raggiungendo rispettivamente €123 e €70 per camera a notte.
Al contrario, le città che hanno registrato il maggior calo percentuale dei prezzi sono state, a pari merito, Mosca e Phuket, entrambe con un decremento dei prezzi pagati dai viaggiatori italiani del 22%. La capitale russa ha dunque raggiunto €105 per camera a notte, mentre nella città tailandese i viaggiatori italiani hanno pagato in media €48 a notte. Sul terzo gradino del podio si è posizionata Singapore, che ha registrato un calo del 12% dei prezzi pagati dai viaggiatori italiani, che hanno raggiunto in media €130 per camera a notte. In quarta posizione troviamo Istanbul, dove i prezzi medi pagati dagli ospiti italiani sono calati dell’11%, raggiungendo €81 per camera a notte. Chiudono la classifica, infine, Maiorca e Atene, che hanno registrato entrambe un calo dei prezzi del 10%, facendo pagare ai viaggiatori, rispettivamente, €109 e €73 per camera a notte.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stato e mercato: una contrapposizione non obbligata

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

banca centrale europeaLa Banca Centrale Europea ha deciso di rilanciare alla grande il suo Quantitative easing nella speranza di far crescere l’inflazione al 2% e di far aumentare investimenti e crescita. Ha portato i tassi di interessi a meno 0,4% per i depositi effettuati dalle banche presso la Bce. L’intento è quello di dissuaderle dal ‘parcheggiare i soldi’ nei forzieri di Francoforte invece di indirizzarli verso l’economia reale. Draghi ha annunciato anche nuovi crediti alle banche al tasso di meno 0,4%. per la durata di 4 anni In altre parole esse restituiranno meno di quanto hanno ottenuto. Si vuole portare inoltre da 60 a 80 miliardi di euro al mese l’ammontare per acquisti di obbligazioni pubbliche e private, suscitando in verità critiche per l’estensione ai bond societari.
Di fatto si intende continuare con la politica fallimentare finora attuata. Se ne aumenta le dimensioni e si continua a considerare il sistema bancario l’unico referente, ignorando che esso è più interessato a coprire i propri buchi di bilancio che a sostenere investimenti e imprese. I dati e i fatti degli anni passati sono rivelatori e inconfutabili. Non si tratta di un’opposizione preconcetta. Di ideologico c’è invece la fede cieca negli automatismi monetari e finanziari. Si sostiene che i tassi di interesse bassi e una liquidità crescente andrebbero automaticamente a finanziare gli investimenti.
E’ lo stesso atteggiamento ideologico imposto dalle economie dominanti del G20, quella americana, quella europea e quella giapponese. A Shanghai è stata presa la decisione di fare crescere gli interventi nelle infrastrutture sia in termini quantitativi che qualitativi. Le Banche di Sviluppo regionali sono state perciò invitate a preparare progetti ambiziosi e di alta qualità anche per attrarre settori della finanza privata verso la concessione di prestiti di lungo termine. Al prossimo summit del G20 allo scopo dovrebbe essere creata una ‘alleanza globale di collegamento infrastrutturale’.
Gli intenti ci sembrano positivi anche se preoccupa la mancanza di attori capaci di realizzarli. Le banche centrali creano liquidità e si aspettano che “il mercato” la porti verso gli investimenti. Il G20 propone lo sviluppo infrastrutturale ma si aspetta che sia sempre “il mercato” a finanziarlo. Cosa succede se il ‘dio mercato’ non funziona secondo le aspettative, come è successo negli anni passati?
Il liberismo economico, l’ultima ideologia ottocentesca rimasta in vita e purtroppo tuttora egemone, invita a non intervenire, a lasciare che sia solo il mercato con le sue leggi a rilanciare la ripresa e a ristabilire un equilibrio virtuoso. Noi riteniamo che questa non sia la strada obbligata. Occorre un ‘different thinking’.
Gli esempi storici più vicini e simili a quelli dell’attuale crisi globale ci indicano strade e prospettive differenti e alternative.
Si pensi al ‘New Deal’ del presidente americano F. D. Roosevelt quando, per uscire dalla Grande Depressione del 1929-33, egli lanciò il vasto programma di investimenti infrastrutturali e di modernizzazione tecnologica. Dopo avere messo sotto controllo e neutralizzato la finanza speculativa, egli favorì la creazione di nuove linee di credito e nuovi bond del Tesoro per finanziare importanti progetti, utilizzando anche il veicolo delle istituzioni bancarie statali . Di fatto si trattava di uno dei primi esperimenti riusciti di Partenariato Pubblico Privato. Lo Stato era la guida, il finanziatore e la garanzia della continuità e della riuscita dei progetti mentre le imprese private, non solo quelle statali, erano impegnate nella loro realizzazione.
Oggi invece, nonostante quasi 8 anni di vani tentativi per portare l’economia e la finanza globale fuori dalle sabbie mobili della recessione, la parola Stato resta uno dei grandi tabù. Non si tratta di proporre un ritorno allo statalismo pervasivo ma di trovare soluzioni razionali. Se il mercato da solo non basta occorre che la politica di sviluppo e di crescita sia guidata dagli Stati. Del resto la programmazione economica e la pianificazione territoriale spettano allo Stato.
Nel mondo non c’è stato soltanto la pianificazione quinquennale dei Paesi socialisti, ma anche la ‘planification indicative’ di Charles De Gaulle e in Italia l’esperimento positivo dell’IRI nella ricostruzione del dopoguerra. In Francia l’economia dirigista, il piano di orientamento in lotta contro le inevitabili tendenze alla burocratizzazione, cercava di mettere insieme le varie componenti sociali ed economiche del Paese evitando che esse si neutralizzassero tra loro. Il ‘Commissariat au Plan’ doveva definire le priorità nazionali e, attraverso i momenti della concertazione, della decisione e della realizzazione, lavorare per creare un’armonia di interessi superando certe derive corporative.
Si pensi che negli stessi Stati Uniti, patria del liberismo economico imperante, certi settori delicati, come quello militare, sono ancora guidati dallo Stato ma con il contributo essenziale delle imprese private ad alta tecnologia.
In una economia sociale di mercato la collaborazione pubblico-privato dovrebbe essere una costante, un impegno per i governi e per gli stessi operatori privati. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seminario di Aikido dedicato al maestro H. Hosokawa

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

aikidoOristano domenica 20 marzo 2016, dalle 9.30 alle 12.30, presso il dojo Aikido Club di Oristano in via Basilicata n. 5 si terrà il seminario di Aikido dedicato al maestro H. Hosokawa. L’iniziativa, promossa dal dojo Aikido Club Oristano, affiliato all’associazione di cultura tradizionale giapponese Aikikai d’Italia (ente morale D.P.R. 526 del 08/07/1978), è diretta dai maestri Nino Tatalo (V° dan, dojo Musubi no kai 2), Piernicola Vespri (V° dan, dojo Aikikai karalis) e Piergiorgio Cocco (V° dan, dojo Musubi no kai).
Il ricavato del seminario verrà interamente devoluto a favore del maestro H. Hosokawa, da anni colpito da una grave emorragia cerebrale, che ne ha impossibilitato il ritorno sul tatami.Il maestro risiede attualmente a Roma, ed i suoi allievi ed amici hanno attivato da ormai diverso tempo una rete di solidarietà per provvedere alle sue necessità quotidiane. Alla manifestazione possono partecipare aikidoisti dell’Aikikai d’Italia e di altre federazioni, gli spettatori sono i benvenuti. (foto: aikido)

Posted in Cronaca/News, recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’informazione sugli integratori alimentari viaggerà sempre più sul web

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

integratori alimentariSempre più connessi attraverso tablet, smartphone ed il più tradizionale pc da scrivania, medici di famiglia e specialisti utilizzano Internet, oggi più di prima, per approfondire tematiche specifiche, inclusi gli integratori alimentari. Una tendenza in forte crescita secondo le previsioni di GfK Eurisko emerse dallo studio “Gli integratori alimentari: il ruolo del medico e la comunicazione digitale”, condotto su un campione di 217 medici di famiglia e 456 specialisti, presentato al recente seminario FederSalus “Integratori alimentari: trend, prospettive di mercato e multicanalità”.Negli ultimi anni il web si è integrato sempre di più alle fonti più tradizionali di aggiornamento, il medico si aggiorna sugli integratori attraverso un mix ricco ed articolato di canali di comunicazione. Ai tradizionali incontri con gli ISF (utilizzati dall’ 83% degli MMG e dal 67% degli specialisti), alle riviste mediche (36% dei MMG e 33% degli specialisti) e ai congressi e simposi nazionali ed internazionali (14% degli MMG e 24% degli specialisti), si affiancano strumenti digitali quali newsletter (22% degli MMG e 17% degli specialisti), siti aziendali (9% degli MMG e 13% degli specialisti) e di informazione sulla salute (11% degli MMG e 18% degli specialisti), social media quali facebook, Linkedin, YouTube e Twitter.Dall’indagine emerge inoltre che l’interesse verso la categoria degli integratori da parte della classe medica è ormai consolidato: i medici riconoscono agli integratori razionale scientifico e li considerano validi strumenti nella loro pratica clinica, tanto che ben il 65% degli MMG e il 41% degli specialisti li consigliano abitualmente ai propri pazienti. “4,7 milioni di italiani ricevono abitualmente consigli e prescrizioni di integratori alimentari da parte del medico, dato questo che ben sintetizza come l’integratore sia entrato nella pratica clinica quotidiana per la gestione o prevenzione di piccoli disturbi – sottolinea Isabella Cecchini, Direttore del Dipartimento Salute di GfK Eurisko e curatore della ricerca – Cresce quindi il bisogno di informazione sui diversi integratori da parte del medico, sia esso medico di medicina generale o specialista. E se oggi gli ISF sono la fonte di informazione centrale per i medici, nel prossimo futuro i medici attendono che questo ruolo sia svolto dal canale web, nelle sue diverse piattaforme.”
FederSalus, Associazione Nazionale produttori e distributori di prodotti salutistici è l’associazione italiana rappresentativa del settore degli integratori alimentari. Fondata nel 1999, attualmente conta oltre 160 aziende associate. Attraverso la collaborazione con strutture di ricerca ed istituzioni nazionali ed europee, l’associazione si propone di sostenere le istanze del comparto e, al contempo, tutelare la salute del consumatore promuovendo la corretta informazione sui prodotti salutistici e la loro qualità e sicurezza. Per approfondimenti è disponibile il sito http://www.federsalus.it

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tracciabilità degli alimenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

alimentareLe recenti polemiche sull’ingresso senza dazi, per due anni, dell’olio tunisino nel mercato europeo ha riacceso la discussione sull’importanza dell’etichettatura e della tracciabilità degli alimenti. L’Adoc evidenzia quattro punti chiave per migliorare e rendere ancora più trasparenti le informazioni sui prodotti alimentari per i consumatori, in modo da garantire la loro salute e tutelare i prodotti locali.
“Non siamo contrari all’ingresso dell’olio tunisino, ma siamo preoccupati dalla poca trasparenza sull’utilizzo e sulla distribuzione dello stesso – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – dato che ha un costo pari alla metà di un’extra vergine Dop italiano, temiamo che venga utilizzato e proposto in modo ingannevole ai consumatori. Per ovviare a questa carenza di trasparenza, come Adoc proponiamo l’utilizzo obbligatorio in etichetta, per tutti gli alimenti, di un’icona rappresentante la bandiera dello Stato d’origine dei principali ingredienti utilizzati nella composizione dell’alimento destinato alla vendita un pittogramma, dotato degli stessi standard anti-frode utilizzati sulle banconote, che sarebbe in grado di aumentare la consapevolezza dei consumatori sull’origine del prodotto che intendono acquistare, tutelando al contempo il Made in Italy e le produzioni locali. Proponiamo anche l’introduzione di un Codice QR che rimandi a pagine informative, vigilate dal Ministero della Salute, dal Mipaaf e dall’Iss, esplicanti l’origine di tutti gli ingredienti utilizzati nella produzione. Inoltre sosteniamo il Ministro Martina nella battaglia al fine di abolire la c.d. “etichettatura a semaforo” adottata in Gran Bretagna, basata su un sistema nutrizionale fuorviante per i consumatori e penalizzante le eccellenze nostrane. Infine chiediamo il ritorno in etichetta dell’indicazione dello stabilimento di produzione per tutti gli alimenti presenti nel mercato europeo. Indicazione abolita dal regolamento europeo 1169/2011 e in procinto di essere reintrodotta in Italia ma solo per gli alimenti prodotti in Italia e destinati al mercato italiano. Riteniamo sia un’indicazione essenziale per la tracciabilità e la sicurezza degli alimenti, che non può mancare in etichettatura”. Le proposte dell’Adoc sull’etichettatura
· Apposizione sull’etichetta, obbligatoria per tutti gli alimenti, della bandiera dello Stato di origine dei principali ingredienti utilizzati nella composizione del prodotto. E’ necessario che i consumatori abbiano da subito la consapevolezza del luogo di origine del prodotto che intendono acquistare. L’utilizzo di pittogrammi come la bandiera dello Stato d’origine aumenterebbe il livello di trasparenza e sicurezza, garantendo l’acquirente sull’origine territoriale del prodotto. Al fine di evitare truffe, contraffazioni e usi illeciti dell’icona, fenomeno purtroppo in espansione oltre oceano, l’icona stessa deve adottare gli identici standard di sicurezza, in particolare riguardanti la filigrana, attualmente in uso sulle banconote, in modo da evidenziare, ad un rapido controllo, che si tratti di un’apposizione in regola con le normative nazionali ed europee e non di un falso.
· Apposizione sull’etichetta, obbligatori per tutti gli alimenti, di un Codice QR che, una volta scansionato con il proprio dispositivo mobile, rimandi a pagine informative, realizzate a cura del produttore e verificate a intervalli regolari dagli organismi posti a tutela della salute degli alimenti, che indichi la provenienza d’origine di ogni ingrediente utilizzato nella produzione. In questo modo si avrebbe piena consapevolezza dell’origine di ogni singolo ingrediente, senza compromettere la leggibilità dell’etichetta.
· Abolizione del sistema “Traffic Lights” o etichettatura a semaforo degli alimenti, tipo adottato nel Regno Unito, che penalizza i prodotti italiani e di altri paesi europei con perdite nelle quote di mercato, soprattutto per le produzioni più piccole, locali e tradizionali, e in particolare per i prodotti d’eccellenza Made in Italy come l’olio extra vergine e il Parmigiano Reggiano DOP. Questo sistema evidenzia le calorie, i grassi, gli zuccheri ed il sale presenti in 100 grammi di prodotto. Quando in un determinato alimento uno di tali aspetti è presente oltre certe concentrazioni, in etichetta viene indicato con un bollino rosso, se è presente in quantità basse il colore è verde, nei casi intermedi il colore è giallo. Il sistema c.d. “a semaforo” non si basa sulle quantità di consumo del prodotto bensì sulla semplice e generica presenza di alcuni elementi. Di fatto in questo modo i consumatori vengono ingannati sul reale valore nutrizionale dell’alimento
· Prevedere nell’etichettatura l’indicazione obbligatoria della sede dello stabilimento di produzione o confezionamento per i prodotti alimentari, abolita dal regolamento europeo 1169/2011 in materia di etichettatura degli alimenti e in procinto di essere reintrodotta nel nostro Paese per gli alimenti prodotti in Italia e destinati al mercato italiano. Crediamo sia opportuno che l’Unione Europea estenda questa corretta previsione a tutti gli alimenti presenti nel mercato europeo, in modo da garantire la salute degli oltre 700 milioni di cittadini europei.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Industria del Cartone volge lo sguardo a Est

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

packagingIl mercato asiatico sarà cruciale per la crescita del segmento del cartone, in particolare si assisterà all’incremento della domanda di cartoni pieghevoli e di cartoni per l’industria delle bevande e in generale quale materiale per contenere liquidi, come il cartone utilizzato per gli involucri del latte. Questi i risultati più salienti di un recente studio sul packaging di Asia Pulp & Paper (APP) – “Paper-based packaging trends to 2019”.Secondo quanto riportato dalla ricerca APP, la domanda di cartoni pieghevoli dalla regione dell’Asia-Pacifico aumenterà dal 56% del 2013 a oltre il 63% nel 2018. L’importanza della regione sarà accentuata anche da un aumento generale dei consumi di cartone pieghevole a livello globale, stimato dai 47 milioni di tonnellate nel 2013 ai 63 milioni di tonnellate nel 2018.Si prevede che il mercato asiatico crescerà di molto rispetto alla media globale in diversi settori. L’Asia sorpasserà il resto del mondo del 41% nel settore dolciario; del 29% nel settore delle conserve alimentari; e del 35% nei soft drink. Queste previsioni di crescita avverranno in gran parte a spese dei mercati maturi, con un calo della domanda da parte dei paesi EMEA dall’attuale 25% al 21%, e delle Americhe dal 19% al 16% nel periodo 2013-2018.
Nel contempo, si stima che, nello stesso periodo, Asia e Australia guideranno la crescita nel packaging nel settore degli imballaggi di cartone per liquidi. Mentre in generale per l’intero settore si prevede una crescita da poco meno di 4 milioni di tonnellate nel 2013 a 5 milioni di tonnellate nel 2019, le aspettative di crescita per Asia e Australia sono di un incremento della domanda del 60% nello stesso periodo, con una domanda che si attesta a oggi al 25%.
Lo studio APP individua una serie di tendenze chiave alla base dell’aumento della domanda dei Paesi asiatici che rappresentano la sempre maggiore centralità della regione per l’industria del cartone.

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

150° Italia-Giappone

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

tokyo-japan.“Le mostre su Botticelli e Leonardo Da Vinci, che hanno aperto ufficialmente le celebrazioni del 150esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone, sono altamente rappresentative della cultura e dell’identità italiana apprezzata in tutto il mondo. Leonardo e Botticelli sono espressione di un florido periodo della nostra storia ma, soprattutto, della nostra italianità. Sono quel made in Italy di cui andiamo fieri, che tutto il mondo apprezza e che dobbiamo far conoscere”. A dirlo è Dorina Bianchi, viceministro ai Beni culturali che si trova a Tokyo in occasione delle celebrazioni del 150esimo anniversario delle relazioni tra Italia e Giappone.Per l’occasione il viceministro ha visitato le mostre su Botticelli, presso il Museo d’Arte Metropolitano di Tokyo a Ueno, e su Leonardo Da Vinci, presso il Museo Metropolitano Tokyo-Edo. In serata prenderà parte, come rappresentante delle istituzioni italiane, al concerto diretto dal Maestro Muti presso il Tokyo Bunka Kaikan.“Le celebrazioni dell’anniversario – conclude – sono un modo per conoscere reciprocamente e ancora più a fondo le nostre culture così diverse ma così simili e vicine. Italia e Giappone sono legate da una amicizia profonda che si è consolidata nel tempo non solo sul piano economico e culturale ma anche in tutti i settori della cooperazione bilaterale”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turchia: Le molte sfide di Erdoğan

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2016

giornalistiturchiaMilano, 17 marzo 2016 ore 17,30 Sala Conferenze di Palazzo Reale Piazza del Duomo 14. Iniziativa promossa da CIPMO – Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente – in collaborazione con l’Ufficio di Informazione a Milano del Parlamento Europeo, con il Patronato di Regione Lombardia, il Patrocinio del Comune di Milano ed il sostegno di Fondazione Cariplo.Intervengono: Valeria Giannotta, Assistant professor presso la Business School della Türk Hava Kurum Üniversitesi /The University of the Turkish Aeronautical Association ad Ankara; Carlo Marsili, già Ambasciatore d’Italia ad Ankara; Alberto Negri, inviato speciale de Il Sole 24 Ore
All’interno del nuovo ciclo di incontri promossi da CIPMO “Cattedra del Mediterraneo 2016”, la Tavola Rotonda “Turchia. Le molte sfide di Erdoğan”, in programma a Milano domani 17 marzo, si inserisce, proprio a ridosso del recente accordo per la tregua in Siria sancito tra USA e Russia e dei terribili attentati di questi giorni, per dibattere sulle numerose e complesse partite che Erdoğan sta portando avanti su più fronti.In particolare queste le sfide aperte di Erdoğan:
– il controllo sul Paese diviene sempre più penetrante e più insistenti sono le proposte di modifica costituzionale, per la trasformazione del sistema in presidenziale
– la crisi con Mosca, post abbattimento dell’aereo russo, ha messo alla prova la solidità dell’ancoraggio alla NATO e la stessa alleanza con gli USA
– si sono riaperti i canali con Israele, considerato oramai un essenziale partner energetico e tecnologico, per porre fine alla pluriennale crisi dei rapporti diplomatici
– persiste la rottura con l’Egitto del Presidente al-Sisi – per la deposizione forzata del Presidente eletto Morsi e la messa fuori legge della Fratellanza musulmana – ma la necessità di gestire insieme le imponenti riserve di gas scoperte nell’Area potrebbe facilitare la riapertura di canali di contatto
– in Siria la situazione appare vicina ad una svolta, dopo l’accordo per la tregua sancito tra USA e Russia, che potrebbe dare avvio ad una transizione unitaria vista con sospetto dai turchi
– continua lo scontro con i curdi, all’interno del Paese e in Siria, dopo il blocco del tentativo di accordo con questa minoranza avviato negli anni scorsi
– il terrorismo di impronta curda e quello alimentato dall’ISIS conducono attacchi sempre più frequenti, generando tensione e paura nella popolazione
– sullo sfondo, la complessità dei rapporti con l’Iran, avversario nel conflitto siriano ma essenziale partner economico ed anche strategico a livello regionale
– Intanto la massa dei rifugiati accampati in Turchia e provenienti dalla Siria preme alle porte dell’Europa, consentendo al Premier turco l’avvio di un contrastato negoziato con l’Unione Europea per la concessione di un sostanzioso sostegno finanziario e la riapertura del negoziato per l’ingresso nella Unione Europea, da lungo tempo fermo.
Tutte queste importanti tematiche verranno affrontate e analizzate, sotto la moderazione di Janiki Cingoli, Direttore del CIPMO, da tre sommi esperti del Paese Turchia: Valeria Giannotta, assistant professor presso la Business School della Turk Hava Kurum Universitesi /The University of the Turkish Aeronautical Association di Ankara, Carlo Marsili, già Ambasciatore d’Italia ad Ankara e Alberto Negri, inviato speciale de Il Sole 24 Ore.“Con questa iniziativa – ha dichiarato Janiki Cingoli, Direttore CIPMO – inizia il nostro nuovo ciclo Cattedra del Mediterraneo 2016. L’autorevolezza dei relatori invitati non ha bisogno di commenti, sarà davvero un’occasione importante per comprendere in profondità e fuori dagli schemi cosa succede in questo centro nevralgico del Mediterraneo, la Turchia.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »