Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 22 febbraio 2018

Per la chiusura della campagna elettorale Meloni insiste: facciamo una manifestazione unitaria

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

“Ho proposto e continuo a proporre una manifestazione unitaria del centrodestra per chiudere insieme il 1 marzo la campagna elettorale: farla sarebbe un atto di chiarezza e di forza per la coalizione, utile a ribadire che siamo pronti a governare insieme e che non ci sono le possibilità di fare inciuci dopo il voto. Su questo tema Fratelli d’Italia ha molto insistito chiedendo già domenica scorsa a tutti i candidati un impegno solenne di fronte agli italiani. Alla nostra manifestazione avevamo invitato anche gli alleati e hanno scelto di non partecipare. Ora propongo un’altra iniziativa ma pare che nessuno dei due, Berlusconi e Salvini, allo stato attuale voglia la manifestazione unitaria: Berlusconi non ha ancora risposto e Salvini ha risposto invitandoci alla chiusura della Lega nord ma se volessi andare alle manifestazioni della Lega mi iscriverei alla Lega.Io sono presidente di Fratelli d’Italia che è un altro partito e qui non si tratta di andare di andare alle manifestazioni degli altri ma di organizzarne una insieme”. Così il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier, Giorgia Meloni, intervistata questa mattina da Pierluigi, Diaco, Fulvio Giuliani e Giusi Legrenzi nel corso di Non Stop News, in onda su Rtl 102.5 e in radiovisione sul canale 36 del Dt e sul 750 di Sky.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Thermi and Sinclair terminate their collaboration on Silhouette Instalift

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

The injectable Silhouette InstaliftTM and ThermiRF® technologies provide complementary options for physicians as both offer minimally invasive procedures with consistent outcomes. Both companies have been working through a joint marketing agreement for two years. Thermi and Sinclair have decided, given the growth opportunities in this market, to focus on their own core business in order to fully leverage its potential.Under the terms of the agreement entered into in May 2016, Thermi was granted with exclusive four-year distribution rights for the US market until mid-2020. The agreement involved a material investment in the launch and marketing of Silhouette InstaliftTM by Sinclair. Almirall will receive an undisclosed consideration from Sinclair.Thermi will continue offering the ThermiRF® platform, which enables aesthetic physicians to perform from non to micro-invasive treatment solutions, like ThermiTight®, only available in the US as a single treatment for aging neck and other body areas. Thermi is a world leader in minimally invasive thermistor-regulated energy solutions for aesthetics, dermatology and women’s health. Thermi’s flagship application is ThermiVa®, a non-invasive procedure for the treatment of soft tissue for vulvovaginal laxity.
Thermi, an Almirall Company, is a leading global manufacturer of temperature controlled radiofrequency technology. The company’s flagship product is ThermiRF®, a platform technology that uses temperature as an endpoint for various minimally and non-invasive applications (ThermiTight®, ThermiRase®, ThermiSmooth® Face, ThermiVa®, etc.). Thermi also offers the Thermi250™ device as the newest innovative RF for body. Founded in 2012, Thermi is a US based company with its headquarters in Irving, Texas and R&D in Boston, MA. Almirall is a leading skin-health focused global pharmaceutical company that partners with healthcare professionals, applying Science to provide medical solutions to patients & future generations. Our efforts are focused on fighting against skin health diseases and helping people feel and look their best. We support healthcare professionals in its continuous improvement, bringing our innovative solutions where they are needed.The company, founded in 1943 and with headquarters in Barcelona, is listed on the Spanish Stock Exchange (ticker: ALM). Almirall has become a key element of value creation to society according to its commitment with its major shareholders and its decision to help others, to understand their challenges and to use Science to provide them with solutions for real life. Total revenues in 2016 were 859.3 million euros. More than 2,000 employees are devoted to Science. http://www.thermi.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iteris to Present at JMP Securities Technology Conference

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

San Francisco Tuesday, February 27 at 9:30 a.m. Iteris president and CEO Joe Bergera, and CFO Andy Schmidt are scheduled to present Pacific time, with one-on-one meetings held throughout the day.The presentation will be webcast live and available for replay via the investor relations section of the company’s website at http://www.iteris.com.For additional information or to schedule a one-on-one meeting with Iteris management, please contact your JMP representative, or Iteris’ investor relations firm, MKR Group, at ITI@mkr-group.com.
Iteris is the global leader in applied informatics for transportation and agriculture, turning big data into big breakthrough solutions. We collect, aggregate and analyze data on traffic, roads, weather, water, soil and crops to generate precise informatics that lead to safer transportation and smarter farming. Municipalities, government agencies, crop science companies, farmers and agronomists around the world use our solutions to make roads safer and travel more efficient, as well as farmlands more sustainable, healthy and productive. Visit http://www.iteris.com for more information and join the conversation on Twitter, LinkedIn and Facebook.
http://www.businesswire.com/news/home/20180221005521/en/

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TravelCenters of America LLC Fourth Quarter 2017

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Wednesday, February 28, 2018 a press release containing its fourth quarter 2017 financial results before the Nasdaq opens for trading. Later that morning, at 10:00 a.m. Eastern Time, Chief Executive Officer Andy Rebholz, President and Chief Operating Officer Barry Richards and Executive Vice President, Chief Financial Officer and Treasurer Bill Myers will host a conference call to review the fourth quarter 2017 results and to take questions.
The conference call telephone number is (877) 329-4614. Participants calling from outside the United States and Canada should dial (412) 317-5437. No pass code is necessary to access the call from either number. Participants should dial in about 15 minutes prior to the scheduled start of the call. A replay of the conference call will be available through Wednesday, March 7, 2018. To hear the replay, dial (412) 317-0088. The replay pass code is 10115720. A live audio webcast of the conference call will also be available in a listen-only mode on the company’s website, which is located at http://www.ta-petro.com. Participants who want to access the webcast should visit the company’s website about five minutes before the call. The archived webcast will be available for replay on the company’s website after the call.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Carriere spezzate

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Il nuovo contratto sottoscritto lo scorso 9 febbraio non sana la situazione degli assistenti o responsabili amministrativi che dopo il 2000 sono passati a ruolo superiore: gli anni di servizio pregresso continuano a non essere considerati. L’iniquità della norma è contenuta nello stesso contratto collettivo nazionale che invece prevede il riconoscimento in toto degli anni di servizio pregressi, svolti nel ruolo precedente, per tutti i maestri che ottengono il passaggio dalla scuola dell’infanzia a quella primaria. Dopo le proteste e l’avvio dei ricorsi Anief per bloccare la cosiddetta “temporizzazione”, un gruppo spontaneo di Dsga della scuola sta raccogliendo le adesioni ad una lettera di protesta da inviare alle organizzazioni sindacali firmatarie del nuovo Ccnl scuola 2018: nella missiva si esprime “formale dissenso e disapprovazione con quanto concordato”. Nei giorni scorsi, la Dsga Anna Maria Cianci aveva realizzato una lettera aperta che descrive in modo chiaro la palese ingiustizia a cui il Miur la vuole sottoporre.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

22/23 febbraio 2018, Pubblico impiego in rivolta

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

La corsa ai rinnovi contrattuali del pubblico impiego, che la banda formata da Governo, ARAN e CGILCISLUIL ha intrapreso con la speranza di guadagnare consenso alle elezioni politiche del 4 marzo e quelle per le RSU del 17-19 aprile, sta dando i suoi frutti, anche se non esattamente quelli che loro si aspettavano.Il pesante arretramento sul piano dei diritti associato ad aumenti equivalenti ad un’elemosina, il tutto dopo otto anni di blocco dei contratti, sta diventando sempre più la goccia che minaccia di far traboccare il vaso. E se nelle assemblee i lavoratori delle Funzioni Centrali stanno sonoramente bocciando il contratto firmato, altri settori del Pubblico Impiego scendono in piazza unendo l’indignazione nei confronti di rinnovi contrattuali a perdere alla rivendicazione della propria funzione al servizio della cittadinanza che risulta sempre più difficile da svolgere. Nasce così questa due giorni di lotta con scioperi e manifestazioni che attraverseranno praticamente tutti i settori del Pubblico Impiego.
Ad aprire le danze sarà la Ricerca, il 22 febbraio, con un presidio al Ministero della Funzione Pubblica per rilanciare la specificità del settore, disconosciuta da un umiliante rinnovo del CCNL, e per difendere le stabilizzazioni dei precari dalle politiche baronali dei presidenti degli Enti.
Il giorno dopo, il 23 febbraio, sarà la giornata degli scioperi di Scuola, Sanità, Educatrici dei Nidi e delle Scuole per l’Infanzia e Vigili del Fuoco.
I lavoratori della Scuola, docenti e ATA, sciopereranno per un contratto vero, per la fine del precariato di maestri, professori ed Ata, per una mobilità che consenta ai colleghi vittime della 107 di tornare a casa. Il presidio che si svolgerà al MIUR vedrà partecipare anche le educatrici dei nidi e delle scuole d’infanzia, anche loro in sciopero contro la mancata stabilizzazione del personale precario e l’introduzione di nuove normative (riforma 0-6 e legge Iori), che con effetto retroattivo, penalizzano i lavoratori che giornalmente si prendono cura dei nostri figli.
Anche la Sanità rivendica la propria funzione scioperando, oltre che per aumenti contrattuali veri e contro le deroghe all’orario di lavoro previste dal nuovo CCNL, contro le croniche carenze di personale, ed i continui tagli dei servizi al cittadino, che assieme alle politiche di esternalizzazione, sono all’origine del progressivo disfacimento di quella che era una delle migliori sanità d’Europa.Infine i vigili del fuoco, quei lavoratori che ad ogni disastro, naturale e non, chiamiamo “eroi nazionali” scendono in piazza e protestano per un rinnovo contrattuale scandaloso, che non prevede aumenti adeguati e neanche il riconoscimento della specificità di lavoro usurante.
Complessivamente, le giornate del 22 e 23 febbraio si preannunciano come la rappresentazione di un pubblico impiego in rivolta, innescata da un rinnovo contrattuale scandaloso e determinato a difendere i propri diritti e la propria funzione contro l’attacco complessivo che non accenna a scemare.Ormai è chiaro che anche quando cambiano i governi il pubblico impiego rimane sempre nel mirino di un’Europa che ne chiede il sacrificio al governante di turno, e l’arrivo del fiscal compact promette di far precipitare la situazione. I rinnovi contrattuali in corso rappresentano uno spartiacque, un cambio radicale nel rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici; chi li ha firmati, o si appresta a firmare quelli che sono ancora aperti, è ormai dall’altra parte della barricata. Quella sbagliata.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasferimento agenzia EMA: missione conoscitiva del PE ad Amsterdam

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Una delegazione della commissione ambiente e sanità pubblica del Parlamento europeo organizzerà giovedì una missione conoscitiva ad Amsterdam, sede del trasferimento post Brexit dell’EMA.
La delegazione sarà guidata dal relatore sulla ricollocazione, Giovanni La Via (PPE, IT). I deputati visiteranno la sede temporanea e la futura sede dell’EMA e discuteranno il trasferimento con Guido Rasi, direttore esecutivo dell’agenzia, e Hugo de Jonge, ministro della salute olandese. Il Presidente della delegazione, Giovanni La Via, ha dichiarato: “La nostra priorità è una transizione agevole nell’interesse dei cittadini europei. Lo staff dell’EMA deve essere in grado di portare avanti i suoi compiti senza interruzioni, ed è ciò che speriamo di sentire da loro”.
“Il Parlamento, in quanto co-legislatore, voterà la delocalizzazione e le sue implicazioni sul bilancio. Dobbiamo perciò avere accesso da soli alle informazioni. Così andremo, vedremo e discuteremo i dettagli “, ha aggiunto.“Vogliamo informazioni di prima mano sullo stato di avanzamento del processo di doppio trasferimento e sullo sviluppo del progetto edilizio, così come pianificato e senza interruzioni. Sono infatti entrambe condizioni essenziali per garantire l’efficienza e la continuità operativa dell’EMA, e ciò rappresenta il nostro interesse fondamentale”, ha concluso.
La delegazione terrà un punto stampa presso il centro d’informazione Zuidas (Amsterdam World Trade Center, primo piano, Strawinskylaan 1, 1077 XW Amsterdam) alle 16.30 per presentare le sue prime osservazioni.Questa missione conoscitiva ha l’obiettivo di fornire un contributo rilevante alla discussione sulla proposta legislativa in corso, in vista della votazione della commissione ENVI, prevista per il 12 marzo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brussels attacks: Special Committee on Terrorism visits Zaventem airport

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Under the leadership of its Chair Nathalie Griesbeck, the European Parliament Special Committee on Terrorism (TERR) met today with the CEO of Brussels Airport Company Mr Arnaud Feist as well as representatives of the Belgian Federal Ministry of Mobility and Transport and Brussels National Airport Customs and Federal Police.Committee Chair Nathalie Griesbeck (ALDE, FR), at the end of the high-level working visit to Zaventem airport, said: “Our working visit today was instrumental for the work of the special committee and I thank the airport authorities for having hosted us. It showed the importance of developing a security culture among us all and that we need clear roles and responsibilities for all security partners to be able to defeat any terrorist attack”.
In the light of the terrorist attacks of 22 March 2016, the aim of this initiative was to examine how the security of a strategic infrastructure is ensured and how passengers’ mobility is managed.The 17 MEPs high-level group received a detailed briefing session by airport authorities on security measures taken following the attacks, as well as on the procedures and facilities for passenger checks.This field visit will feed into the final recommendations, which the TERR Committee will present to the Parliament’s plenary in September.The delegation was composed by the Chair, Ms Nathalie Griesbeck (ALDE, FR), two vice-Chairs: Mr Jeroen Lenaers (EPP, NL) and Mr Geoffrey Van Orden (ECR, UK); two co-rapporteurs: Ms Monika Hohlmeier (EPP, DE) and Ms Helga Stevens (ECR, BE), one shadow rapporteur: Ms Maite Pagazaurtundúa (ALDE, ES) as well as Mr Ivo Belet (EPP, BE), Ms Lynn Boylan (GUE, IR), Mr Javier Couso Permuy (GUE, ES) Mr Edward Czesak (ECR, PL), Mr Doru Frunzulicã (S&D, RO), Ms Sylvie Guillaume (S&D, FR), Ms Ana Gomes (S&D, PT), Ms Teresa Jimenez-Becerril Barrio (EPP, ES), Ms Eva Joly (Greens/EFA, FR), Ms Birgit Sippel (S&D, DE) and Mr Milan Zver (EPP, SL).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La prima Settimana della moda nel Regno dell’Arabia Saudita

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

L’Arab Fashion Council (AFC), la più grande organizzazione mondiale no-profit di moda che rappresenta i 22 Paesi arabi membri della Lega Araba, ha annunciato oggi che la città di Riad ospiterà la prima settimana ufficiale della moda a svolgersi nel Regno dell’Arabia Saudita.
La Settimana della moda araba di Riad si terrà dal 26 al 31 marzo 2018 presso l’Apex Centre, l’emblematico edificio in stile architettonico moderno di Riad progettato da Dame Zaha Hadid.
Lo storico annuncio odierno fa seguito all’apertura dell’ufficio regionale dell’AFC a Riad e alla nomina di Sua Altezza la Principessa Noura Bint Faisal Al Saud a Presidentessa Onoraria.
“Siamo fieri dei significativi progressi compiuti dall’Arab Fashion Council a Riad, che ci permettono oggi di annunciare la prima Settimana della moda nella storia di questo Regno. Non vediamo l’ora di ammirare i frutti degli sforzi fatti per preparare questo evento in un periodo relativamente breve, e vogliamo ringraziare il supporto globale datoci dalla comunità internazionale della moda, che riflette in modo deciso la salda posizione dell’Arabia Saudita sia come forza economica che come centro creativo e culturale. Stiamo assistendo all’alba di una nuova era, un’era a cui “solo i sognatori possono partecipare”, citando le parole di Sua Altezza Reale il Principe Mohamed bin Salman bin Abdulaziz, Principe ereditario del Regno dell’ Arabia Saudita.” Questa è l’ultima mossa del Regno per affermare la sua volontà di trasformare il settore della moda e del commercio al dettaglio in Arabia Saudita in un contesto sia regionale che globale, incoraggiando scambi commerciali e attività globali in linea con la Vision 2030. La nazione offre importanti opportunità di investimento e occupa una posizione unica fra tre continenti, Asia, Europa e Africa, che le permette di fungere da ingresso al mondo per i talenti regionali e per i designer internazionali che desiderano entrare in questa regione.
“La prima Settimana della moda araba di Riad sarà più di un evento di livello mondiale: sarà un catalizzatore attraverso cui riteniamo che il settore della moda possa guidare altri settori economici come il turismo, l’accoglienza, i viaggi e il commercio. Il nostro settore di vendita al dettaglio è tra quelli in più rapida crescita al mondo. Ci auguriamo che il nostro impegno ci permetta di guidare una crescita significativa delle cifre già incoraggianti che l’Arabia Saudita ha raggiunto finora in questo contesto.”

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Russian Export Center Will Be Presenting Innovative Russian Solutions at the Mobile World Congress in Barcelona for the First Time

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

The Russian Export Center will be introducing home-grown, Russian technology at the 2018 Mobile World Congress (MWC) in Barcelona for the first time. Seventeen Russian companies will showcase their unique, powerful and competitive solutions to a world audience from February 26th to March 1st, from the Russian Booth (Pavilion No. 6, booth 6H20 and 6I11).A special business program is organized for the Russian booth, to create opportunities for Russian companies to enter the international market and non-Russian companies to promote their business in Russia.We would like to welcome media and attendees to special events at the Russian Export Center exposition including:
– A special session with the leading Russian newspaper “Kommersant”, titled “New business opportunities in the digital age” involving Russian and foreign experts (February 26).
– A Russian Business Communication Day: the official opening of the Russian booth, a series of “elevator pitches”, interviews with the leaders of participating companies, a cocktail party and B2B meetings (February 27).
For more information and for accreditation to the Russian booth events, please contact the Press Center of the Russian exposition operator INCONNECT Group.
JSC Russian Export Center (REC) — State Institute for Export Support, established with the support of the Government of the Russian Federation. The Center represents a “single window” (one-stop solution) for working with exporters in the field of financial and non-financial support measures, including cooperation with relevant ministries and agencies. To form a “one-stop solution” concept, the Export Insurance Agency of Russia (JSC EXIAR) and JSC ROSEXIMBANK were integrated into the Russian Export Center group. In the ordinary course of activities, REC provides a wide range of services to producers of non-resource products at all stages of export cycle, interacts with the relevant executive authorities, prepares proposals for improving the business environment in terms of exports and foreign trade, cooperates regularly with representatives of business and expert community, contributes to overcoming the barriers and removal of “systemic” restrictions. The detailed information is on website of the Russian Export Center: http://exportcenter.ru

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il nuovo modo di essere scuola

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Roma Sabato 24 febbraio 2018 Università degli Studi Roma3, via Silvio d’Amico 77 (dalle 10 alle 17) 3.000 docenti capovolti in tutta Italia, 4.000 associati, 50.000 iscritti al gruppo Facebook, 900 partecipanti ai webinar settimanali: questi sono alcuni dei numeri di Flipnet, l’Associazione per la promozione della didattica capovolta, metodologia che sta rivoluzionando il modo di fare scuola in Italia e in molti paesi del mondo.Per scoprirla, sperimentarla e implementarla, sabato 24 febbraio a Roma presso l’Università degli Studi Roma3 (via Silvio d’Amico, 77) si terrà il IV convegno internazionale di didattica capovolta dal titolo “Collaborare per imparare”. Il convegno sviluppa la competenza sociale e civica, sesta delle competenze europee per l’apprendimento permanente, indicate nella Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio (G.U. dell’Unione Europea, 18 dicembre 2006), recepita dagli Stati membri, inclusa l’Italia.
In che modo? La didattica capovolta (flipped classroom in inglese) è una metodologia innovativa d’insegnamento che mira a coinvolgere gli studenti nelle attività didattiche tramite l’apprendimento cooperativo, che consente loro di esercitare e sviluppare le abilità relazionali, comunicative e negoziali utili non solo a scuola, ma nei più diversi contesti sociali.
Mette la tecnologia al servizio dell’apprendimento, rendendolo così più “semplice”, dinamico e qualitativamente migliore. Se a scuola la lezione viene coadiuvata dall’uso di tablet e altre tecnologie, a casa – e non solo… ovunque vi sia una connessione internet! – gli alunni possono rivedere la lezione in podcast, capire meglio ciò che in classe non hanno appreso e condividere online con i propri compagni, dubbi, difficoltà e risultati.L’apprendimento migliora perché i ragazzi sono più motivati e il docente ha più tempo, in aula, per occuparsi dei bisogni di ciascun alunno.“Che mondo troveranno i nostri figli quando termineranno i loro studi, lo possiamo prevedere?” – si interroga Maurizio Maglioni, presidente dell’Associazione Flipnet. “Dobbiamo assolutamente evitare che fra quindici anni, loro ci chiedano il perché li abbiamo preparati a vivere in un mondo che non esiste più… Allora il nostro progetto è: attività, lavoro cooperativo, sport, benessere, creatività e bellezza, natura e digitale.” A parlare di tutto questo la mattina, confrontando le esperienze nei più diversi campi e presentando le best practices, docenti ed esperti italiani e stranieri, come: Dario Ianes e Maurizio Maglioni, che presenteranno il nuovo saggio “Capovolgere la scuola”, una proposta educativa nuova, inclusiva ed emozionante, vicina alle reali esigenze del bambino e del ragazzo del ventunesimo secolo che mal sopporta il sapere mnemonico e l’ascolto passivo; Alessandra Rucci, una dirigente scolastica controcorrente che dimostrerà come si può cambiare la scuola unendo la leadership comunicativa ed empatica alla capacità di cogliere ogni occasione di miglioramento; Daniela Di Donato, che farà raccontare a un gruppo di ragazzi la loro esperienza con la classe capovolta; Marika Toivola e Domingo Chica Pardo che illustreranno i risultati del flipped learning nei loro paesi, Finlandia e Spagna.
Nel pomeriggio sarà la volta dei workshop laboratoriali: 7 workshop che offrono un ventaglio di esperienze e riflessioni: il rapporto tra la tecnologia e le relazioni interpersonali (Andrea Nicolosi), la realtà virtuale nella didattica (Cristina Braila), il dibattito argomentativo (Grazia Paladino), i ponti tra letteratura, poesia e i problemi reali (Francesca Di Marco), la riflessione sulle strategie per raggiungere la felicità (Vanessa Sitzia e Rita Faustinella), l’apprendimento capovolto delle lingue straniere (Irene Bressan) e lo sviluppo del pensiero logico, sociale ed emotivo con i mattoncini Lego (Cecilia Staiano).I docenti avranno modo di imparare un nuovo modo efficace di fare, anzi di essere scuola assieme ai propri studenti, e di acquisire strumenti validi da utilizzare in classe.Per partecipare è necessario iscriversi. È possibile utilizzare la Carta del Docente.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come fare business negli Emirati Arabi Uniti (EAU)

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) è uno dei Paesi con il più alto tasso di attrattività commerciale. Ogni anno un numero sempre maggiore di imprese italiane ed estere intraprendono spedizioni alla conquista degli EAU, attratte dalle molteplici opportunità che offre il mercato emiratino. Spesso però sottovalutano le possibili insidie o le peculiarità di un Paese che, per storia, cultura ed organizzazione politica è molto diverso dal nostro. Proprio con l’obiettivo di aiutare gli imprenditori che decidono di intraprendere questa avventura, Thomas Paoletti – titolare e Managing Partner dello Studio Paoletti Legal Consultant con sede a Dubai, dove si occupa, assieme a un team di professionisti, di assistere le imprese italiane in materia di investimenti all’estero e in fase di internazionalizzazione in Medio Oriente – ha scritto ‘Dubai Affaire’, una guida per fare Business nel ‘Paese dei balocchi’, acquistabile su Mnamon (https://www.mnamon.it/ebook/societa-ed-economia/dubai-affaire/).Il libro offre la possibilità di conoscere meglio gli EAU dal punto di vista commerciale, legislativo, sociale e culturale per sfruttare al meglio tutte le opportunità e limitare i rischi d’impresa, oltre ad offrire delle solide basi teoriche per chiunque voglia affrontare il processo di internazionalizzazione e indicazioni pratiche per muovere i primi con decisione passi negli EAU.
Cosa vuol dire internazionalizzazione? Perché farlo e, soprattutto, come farlo? “Dubai Affaire” offre le basi teoriche per costruire il proprio progetto di internazionalizzazione attraverso 7 passi, suggerendo quali elementi considerare e quali criteri seguire. In particolare, descrive le diverse modalità di ingresso per un’attività d’impresa nel paese (mainland e free zones) e i benefici, non solo fiscali. Un focus specifico è dedicato alle joint venture, forma di insediamento versatile e largamente impiegata dagli italiani negli EAU. Il decalogo finale ha poi la funzione di organizzare sotto forma di consigli ed errori tutto quello che l’autore ha appreso in oltre 15 anni di rapporti professionali con gli EAU.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova soluzione di car sharing in Germania e Danimarca: Drive & Share

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Il Gruppo Europcar, uno dei principali player nei mercati della mobilità, annuncia il lancio di Drive & Share in Germania e Danimarca in collaborazione con SnappCar, il secondo operatore internazionale di car sharing peer-to-peer in Europa, di cui il Gruppo è importante investitore. Dopo una prima fase pilota di successo in Francia, la soluzione Drive & Share viene oggi lanciata in Germania e Danimarca.Drive & Share è pensato per le persone che vogliano beneficiare della libertà di possedere un’auto, senza avere la necessità di usarla regolarmente. Si tratta infatti di una buona alternativa alla proprietà dell’automobile.Con Drive & Share, i clienti hanno accesso a un autonoleggio a lungo termine e, quando non utilizzano l’auto, possono condividerla sulla piattaforma SnappCar con tutti gli utenti.
Drive & Share è una soluzione all-in-one che include il noleggio del veicolo, le coperture e i costi di manutenzione. I clienti scelgono un pacchetto in base alla categoria di veicolo e al pacchetto di noleggio (periodo di noleggio da 3 a 12 mesi, chilometraggio e copertura). Una tariffa di noleggio mensile è impostata in base al pacchetto selezionato. Se il proprietario s’impegna a condividere il veicolo almeno 2 volte al mese, beneficerà di una tariffa interessante oltre agli eventuali ritorni che derivano dalla condivisione sulla piattaforma SnappCar.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IoT ed Edge Computing creano opportunità per i partner di canale

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Le Le opportunità date dall’edge computing e dall’ Internet of Things (IoT) per i partner di canale stanno per raggiungere il loro massimo picco grazie alla crescita esponenziale di queste tecnologie. Secondo proiezioni di IDC, la spesa per l’IoT raggiungerà 1,3 trilioni di dollari entro il 2020, e il 43% dei dati dell’Internet of Things sarà processato a livello di edge, alla periferia della rete. Il report dell’analista prevede inoltre che il numero di “cose connesse” raggiungerà i 30 miliardi nel 2020 per salire a 80 miliardi nei successivi 25 anni. Un trend che pone le basi per notevoli opportunità di crescita per il canale.I Channel Partner, in particolare gli integratori di rete, i Managed Service Provider (MSP) e i provider con esperienza in SaaS (Software as a Service) e servizi hosted, si trovano nella posizione ideale per cogliere le opportunità create da queste tecnologie. Infatti, per mantenere i sistemi funzionanti in modo ottimale per i processi decisionali in tempo reale, sia l’IoT che l’edge computing richiedono monitoraggio remoto, implementazione standardizzata e sicurezza fisica – tutti aspetti su cui i nostri partner hanno una vasta e solida esperienza.
L’obiettivo dell’IoT è quello di mettere in comunicazione tra loro tutti i dispositivi o macchinari che possono essere collegati tramite Internet, o tramite comunicazioni private a banda larga, per generare un flusso continuo di informazioni che aiuti le organizzazioni a perfezionare il loro funzionamento e a produrre risultati migliori. Per processare i dati che fluiscono da questi dispositivi sarà necessaria una larghezza di banda e di memorizzazione molto più ampia della capacità attuale.Oltre alla raccolta dei dati, le aziende avranno sempre più bisogno di supporto per accedere e utilizzare tali dati in modo efficiente per prendere decisioni aziendali e avere maggior controllo sui costi. A causa del volume dei dati e della quantità di connessioni di rete necessarie per la loro trasmissione, sarà necessario disporre di un’infrastruttura distribuita o on premise e di adeguate piattaforme di gestione del sistema. L’utilizzo in cloud di questi sistemi ad alta intensità di dati può essere problematico. Se i dati devono viaggiare centinaia o migliaia di miglia fino a un cloud centralizzato, la latenza che si verifica potrebbe influire sulla rapidità con cui viene eseguita l’azione richiesta.L’edge computing soddisfa queste esigenze creando una rete di micro data center che elaborano i dati appena fuori – o all’edge – del punto in cui i dati vengono generati. Ciò elimina i problemi di latenza, aumenta l’affidabilità e consente di prendere decisioni in tempo reale. Il local edge computing fornisce delle stazioni tra infrastrutture cloud, reti aziendali e data center per mantenere le cose in movimento come dovrebbero.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzioni per il voto e il renzusconismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Leggo sempre con interesse e un pizzico d’invidia quanto scrive su “Il fatto” Marco Travaglio. Interesse perché mi ritrovo a condividere, nella quasi totalità, gli argomenti trattati e d’invidia perché avrei voluto, almeno in parte, avere la penna “pungente”, la sottile ironia e la lucidità nel presentare la situazione politica italiana e la vena di farlo quotidianamente.
Io che faccio parte, oramai, di una generazione ad “estinzione naturale” posso dire che per quanto bimbetto ho vissuto “lucidamente” gli anni dalla seconda guerra mondiale ai giorni nostri e ad ereditare il seme della saggezza dei padri non per una scelta acritica ma semmai, per convivervi e rispettarle. Talvolta, lo riconosco, la baldanza giovanile non mi ha consentito la coerenza che dentro di me si stava maturando, ma alla fine è prevalsa la ragione e la stima per il prossimo. In famiglia, per quanto fosse piccola e modesta, ho imparato a dissentire dalle idee di mio padre senza mancargli di rispetto e a condividere la sua dirittura morale, la sua coerenza nei rapporti con parenti, amici e conoscenti e a chiudersi in un silenzio tombale quando le passioni trasbordavano nell’irriverenza e nell’intolleranza per le visioni altrui. Oggi non è più possibile comportarsi in questo modo perché è venuto meno l’antica regola di coesistenza civile, umana e religiosa. Un tempo tutte le istituzioni erano sacre e intangibili anche se il primo colpo di maglio lo inferse il fascismo. Da allora, purtroppo, vi fu un cre-scendo inarrestabile.
Oggi i politici sono diventati, sia pure con le debite eccezioni, dei bugiardi incalliti e del tutto inaffidabili con le promesse e le dichiarazioni che fanno. Penso a Renzi che va a dire all’allora presidente del consiglio Enrico Letta “stai tranquillo” e gli soffia la poltrona sotto il sedere o durante la campagna sul referendum nel dichiarare che avrebbe lasciato la politica se non avesse vinto. Come credergli oggi? E lo stesso dicasi di Berlusconi. Ora non si può più convivere con le idee altrui perché si rischia di convivere con le menzogne altrui. E ciò è intollerabile sia per chi è sul viale del tramonto sia per chi seduto in panchina e aspetta il sorgere dell’alba. Andiamo quindi “sereni al voto” ma non come hanno detto e fatto e vorrebbero Renzi e Berlusconi. La nostra dignità non ci permette deroghe al ribasso. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La politica e i suoi paradossi

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

I temi ricorrenti in questi giorni di campagna elettorale vertono quasi tutti nelle promesse di natura economica da una parte e alla dissacrazione delle stesse definendole irrealizzabili. Il problema, a nostro avviso, non sta tanto nell’aprire o chiudere il borsellino per erogare qualche miliardo di euro da una parte invece che dall’altra, quanto nella necessità di rivedere totalmente le reali priorità che il paese attende da fin troppo tempo. E sono necessità legate a quel diritto sempre bistrattato che ci lega al vivere. Che senso ha, infatti, proclamare il diritto alla vita per poi lasciarla languire tra mille difficoltà? E il tutto parte dalla famiglia che accoglie i nuovi venuti e dalla società che li prende in carica. Che certezze diamo ad essi in tema d’istruzione, di assistenza sanitaria, di sicurezza, di lavoro e per una vecchiaia serena? Poche, purtroppo, sino ad ora.
Ed è, invece, il percorso che le istituzione devono garantire in via prioritaria e chi si appresta a go-vernarci deve darcene contezza sin da ora. E su questa misura il popolo degli elettori deve giudicare prima del voto. E’ qui che la politica si trasforma in democrazia e cura l’interesse dei suoi cittadini. E’ quella, per intenderci, che noi chiamiamo la “filiera della vita” dove i giovani devono credere in qualcosa di sicuro dal momento in cui si guardano intorno e dialogano con i loro coetanei e che questa sicurezza ci può accompagnare in tanti modi ma in primo luogo nell’affermare l’intangibilità dei valori per credere ed essere creduti per quello che sono e non per quello che hanno. E i valori hanno bisogno di autorevoli esempi a partire da ciò che noi costruiamo con la crescita di una classe dirigente aperta al bene comune e non chiusa nei loro egoismi e interessi partigiani. Pensiamo quindi che il voto che andiamo ad esprimere possa essere il frutto di questi ragionamenti e la guida, se non altro, possiamo averla pensando alla pochezza delle cose fatte e dell’aria fritta che gli stessi propongono per il nostro futuro. (Riccardo Alfonso direttore centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Elezioni: Per vincere c’è bisogno di grandi numeri

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

L’elettore oggi si trova davanti a tre grosse alternative e ad alcune variabili. Le tre sono il centro destra, il Pd e Cinque stelle. Sondaggi alla mano potrebbero “catturare” il 75-80% degli elettori. Una percentuale in sé notevole ma in pratica inutilizzabile per la formazione di una forza politica capace di generare un governo stabile. Se poi passiamo alla logica delle “grandi intese” il ragionamento si complica. Qui ci imbattiamo con un Pd e un Centro destra che non viaggiano da soli ma in coalizioni e per loro natura “instabili” perché il loro fine è limitato: vogliono solo vincere.
Per il movimento 5stelle il discorso cambia. E’ unico perché è diverso e non ama gli “inciuci”. Questo vuol dire che per assicurargli la vittoria avrebbe bisogno del doppio dei voti che oggi gli sono pronosticati. Non solo. Non può nemmeno accontentarsi di diventare la prima forza politica del Paese, poiché sarebbe una beffa in quanto la legge elettorale è fatta per privilegiare le coalizioni.A questo punto ci chiediamo: Se gli elettori si convincessero di non fare un salto nel buio votando 5 stelle diventerebbero i protagonisti di una “rivoluzione democratica” capace di fare piazza pulita del vecchio establishment e di evitare quella litigiosità tipica di chi ha a che fare con matrimoni d’interesse. E poi vi è un motivo in più: sono i soli che non hanno nulla a che fare con i guasti provocati dalla governance che ha retto da oltre 25 anni a questa parte. L’Italia ha bisogno di fare chiarezza al proprio interno, di riconoscere i diritti di quella parte più debole della società e non si può fare di certo con la logica dei banchieri nostrani ed europei, con le multinazionali che pretendono la perdita dei diritti dei lavoratori e dei compromessi di basso profilo con le varie consorterie alias comitati d’affari dove il profitto prevale sul rispetto della componente umana.
Un dubbio resta: riusciranno gli elettori nel segreto dell’urna a soppesare e ad essere conseguenti a questo ragionamento? Lo vedremo all’alba del 5 marzo. (Riccardo Alfonso direttore Centri studi politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anziani: aiutiamo i giovani a scegliere il loro futuro

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Chi sono gli anziani se non quelli che da giovani e anche da giovanissimi hanno vissuto gli anni post-bellici alla ricerca di un lavoro e nelle piazze a sostenere le lotte di quanti vivevano bistrattati dalla società e umiliati nei loro diritti? Cosa si chiedeva allora che non si ripete oggi? Eppure in tutti noi resta l’amarezza di aver avuto da 25 anni a questa parte governi che hanno fatto di tutto per smantellare ciò che di buono è stato costruito, per aggravare le manchevolezze e per vanificare anni di lotta impiegati alla ricerca di un modello di società dove la convivenza politica non fosse pagata al prezzo di gravi rinunce. Ora siamo arrivati ad una svolta radicale dove da una parte vi è chi intende infliggere un colpo mortale ai diritti dei lavoratori, per altro già ridotti al lumicino, e dall’altra chi lotta per invertire la tendenza. E’ diventata l’impari battaglia tra chi ha perso la voce soffocata dai media, tra chi viene tratto in inganno dai soliti imbonitori di turno e chi sta riducendo le istituzioni ad una merce taroccata e chi da tutto questo ne trae beneficio per ottenere facili arricchimenti a spese dei più deboli. Gli anziani sanno, per il loro vissuto, dove andrà a finire quest’andazzo ed è loro dovere evitare che ciò accada. Non possono permettere che il futuro dei giovani sia così gravemente com-promesso e gravido d’incognite. Bisogna restituire alla società i suoi valori, ridare dignità al lavoro, al rispetto delle istituzioni, al criterio di un’equa ridistribuzione delle risorse. Gli altri dicono che afferma-re tutto ciò è populismo trasformandolo in una brutta parola, gli anziani sanno che è invece la strada maestra per guardare avanti e per dare concretezza alla speranza. Ciò significa in primo luogo non rinunciare alla lotta e partecipare al voto significa far diventare la democrazia una rivoluzione se la scelta dell’elettore è ben indirizzata. (Riccardo Alfonso direttore centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’avventura in politica

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

Sento spesso ripetere in certi ambienti politici che votare cinque stelle è “un’avventura che non ci possiamo permettere”. Se chiedo loro il perché mi rispondono, non senza un’aria di compiacenza, come se si trattasse di un interlocutore un po’ vanesio, che sono privi d’esperienza, che sono trop-po giovani, che spesso si contraddicono, che non hanno un titolo di studio adeguato e via di questo passo. E mentre sciorinano le loro “dotte” argomentazioni mi viene spontaneo chiedermi: ma chi sono gli illuminati che si contrappongono a questa “banda di dilettanti allo sbaraglio?” Mi viene in mente la risposta che qualche anno fa mi ha dato una ragazza alla mia domanda del perché aveva scelto la facoltà di “scienze politiche”: l’ho fatto perché intendo intraprendere la carriera “politica”. E’ così che funziona? Le rispondo. E anche lei mi guarda strano come se la domanda fosse di un’ingenuità disarmante e nemmeno degna d’essere presa in considerazione. Ma allora, mi chiedo, chi può rappresentarmi in Parlamento? Solo chi ha preso una laurea triennale in scienze politiche, che non proviene dalla società civile e meglio ancora se è figlio d’arte? Alla fine devo arguire che gli eleggibili e gli eletti sono davvero un’esigua minoranza e che solo a costoro è concesso sedersi sugli scranni delle aule parlamentari. Ma siamo davvero sicuri d’essere nel giusto? Se lo siamo come facciamo a spiegarci e a spiegare le decine d’indagati dalla giustizia “esperti della politica” che eleg-giamo, e ancora quanti se ne avvalgono per trarne lauti profitti o proporre leggi ad personam, voti di scambio ecc. Ma non sono questi e non gli altri gli “avventurosi” che non vorremmo? (R.A.)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sant’Egidio si unisce alla giornata di digiuno e preghiera per il Congo

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 febbraio 2018

La Comunità di Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno e preghiera per la Pace, in particolare per le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan, indetta da papa Francesco per venerdì 23 febbraio, con una veglia che si terrà alle 20 nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e, contemporaneamente, in molte città italiane dove la Comunità è presente.
I due Paesi africani, per cui il Papa ha chiesto di pregare e digiunare, sono dominati da troppa violenza, povertà e divisioni politiche e etniche. Devono tornare al centro delle preoccupazioni della comunità internazionale e di tutti coloro che credono nella necessità e urgenza di costruire la pace.
Grave è la condizione dei rifugiati Sud Sudanesi, che a milioni hanno dovuto abbandonare le loro case a causa della guerra civile e vivono nei campi profughi in Uganda, Etiopia e Kenya. A Nyumanzi, nel Nord Uganda, la Comunità di Sant’Egidio ha aperto dal 2014 la “School of Peace”, che ha garantito l’istruzione a migliaia di bambini, a centinaia di donne, ma anche opportunità di lavoro a numerosi rifugiati Sud Sudanesi, che prima della guerra erano insegnanti. Assieme all’istruzione di base è fondamentale, nelle “School of Peace”, l’educazione alla pace.
La Repubblica Democratica del Congo, paese ricco di risorse naturali, è attraversato da conflitti e ingiustizie, che colpiscono le fasce più deboli della popolazione come gli anziani e i bambini. Il processo democratico è a rischio. Sant’Egidio, presente in Congo, sia nella capitale che nelle città dell’interno, realizza da anni le Scuole della Pace con i minori in difficoltà delle periferie ed è attenta alle difficili condizioni di vita dei bambini di strada per i quali sono attivi progetti di reinserimento sociale. Per i malati di Aids, malattia vissuta ancora come uno stigma, è attivo anche in Congo il programma DREAM di prevenzione e cura della malattia che ha reso possibile, in 11 Paesi africani, la nascita di oltre centomila bambini sani da madri sieropositive.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »