Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 17 settembre 2015

Migration and refugee crisis: MEPs’ debate with UNHCR Guterres and EU Commission

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

mediterraneoMeasures to deal with the migration and refugee crisis as well as the situation in transit countries in the Mediterranean region were debated at a joint hearing held by the Foreign Affairs, Home Affairs, Human Rights committees on Tuesday morning. MEPs expressed disappointment at the outcome of Monday’s Justice and Home Affairs Council meeting and urged EU to shoulder its responsibilities.
The debate began with contributions from by Foreign Affairs Committee Chair Elmar Brok (EPP, DE), Justice and Home Affairs Committee Chair Claude Moraes (S&D, UK), EU foreign chief Federica Mogherini, Commissioner for migration Dimitris Avramopoulos, United Nations High Commissioner for Refugees António Guterres and Human Rights Subcommittee Chair Elena Valenciano (S&D, ES) before members of the parliaments of Jordan, Lebanon, Libya, Morocco, Tunisia and Turkey as well as MEPs took the floor and voiced the views of their respective countries and political groups.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legal Affairs MEPs call for better protection for traditional know-how

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

agricolturaGeographical indication (GI) protection should be extended to regionally and locally manufactured goods and handicraft products rooted in traditional know-how so as to preserve local cultural heritage and boost growth, say Legal Affairs Committee MEPs in a non-legislative resolution voted on Tuesday. MEPs urge the Commission to propose a single European geographical indication protection system for non-agricultural products without delay. “I welcome the support of the Legal Affairs Committee. This is a first step towards a European protection of European know-how. But it is now for the European Commission to take up the case, and I hope it will lead to a proposal for European legislation soon, already as part of Commission’s communication on the internal market expected for October”, rapporteur Virginie Rozière (S&D, FR) said after the vote.The committee’s non-legislative resolution supporting extension of EU-level protection instrument from agricultural products and foodstuffs to non-agricultural products was approved unanimously (with 3 abstentions).
Legal Affairs MEPs urge commission to propose legislation with the aim of establishing system for geographical indication (GI) protection, which could be used to indicate a specific geographical origin, certain qualities and traditional techniques of non-agricultural products, such as Laguiole knives, Bohemian glass, Scottish tartan, Carrara marble and Aubusson tapestry. “A link with the territory of production is essential in order to identify the special know-how and designate the quality, authenticity and characteristics of the product”, MEPs stress.In addition, geographical indications can have great economic potential and it can bring significant benefits especially for SMEs and EU regions, MEPs point out.
The protection system could also help to enhance traceability and help consumers to make better-informed choices by eliminating the confusion caused by misleading names or descriptions. System could also help combatting counterfeiting, fraudulent use of names of geographical origin and other unfair practices, MEPs add.
Mechanism for registration of products should be “most efficient, simple, useful and accessible”, Legal Affairs MEPs also propose and stress that the new system should keep costs and red tape for businesses to a minimum.
The text approved by the Legal Affairs Committee still needs to be endorsed by Parliament as a whole. A plenary vote is scheduled for 6 October (TBC).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Catella: Office transactions in Europe will reach max EUR 65 billion by end of 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

Borsa Merci Telematica ItalianaIn our new Market Indicator Office 2015/2016, Catella predicts that the volume of office transactions for 2015 will reach the third-highest annual figure since 2001. This is being driven by the recovery in the European economies, supporting the real estate markets, and by a rise in capital going into real estate investments. We are moving towards a broad-based cyclical recovery in the European economies in the 2015–2016 period. This is due to historically low interest rates, spare capacity in the labour markets and low commodity prices.“The economy is now in a situation where, after seven years of stagnation, households and companies have strong opportunities for consumption and investment. This will, of course, also support the real estate markets,” said Dr. Thomas Beyerle, Group Head of Research at Catella, today at the launch of the latest Catella Market Indicator at the Business Arena in StockholmThe attractiveness of European markets is likewise being steadily supported by a rise in the capital going into real estate investments. According to Catella’s observations, the amount of declared capital of real estate investors across all asset classes totals around EUR 500 billion, which equates to double the amount of capital from the pre-crisis days.The world has seen many changes since last year, and these have been highly positive for the real estate sector. Property prices are rising and vacancy rates are falling. By the middle of the year, it was clear that this process of recovery had become firmly rooted in most European countries. However, not everything is rosy in the economic-political garden. Since the start of the summer, the generally positive situation has been overshadowed by debates about Greece and Ukraine, the outlook for the EU and the euro, the much discussed downturn in the world economy triggered by economic turbulence in China and its stock market crash, and by the immense influx of refugees currently confronting Europe.“Here is our opinion: we do not expect these to have any major impact on property prices in the short term except, perhaps, on the level of surveys. Demand from investors for property will continue to rise and, as a result, returns will continue to fall. In such conditions, investors are willing to accept ‘relative’ losses in returns due to higher interest costs and lower returns on purchases. In addition to this, more capital than ever is flooding into Europe as new sources of capital in Asia and the Middle East turn their attention to the continent’s markets,” explains Dr. Thomas Beyerle.Changes in yields: out of a cohort of 33 markets, only one, Oulu in Finland, displays rising yields. Sixteen locations have seen no changes, while another 16 register falling yields. The highest yields are currently being generated by Warsaw, Rotterdam and Lyon, while London’s West End and Stockholm have the lowest yields.
Changes in rents: in the 33 markets under observation, we see stable top-level rents in 17, while we expect figures to increase further in the remaining 16. Madrid will top the table, followed by London. We believe that the volume of transactions in Europe will reach a maximum of EUR 65 billion by the end of 2015, the third-highest annual figure since 2001. Looking at the situation from a risk/return perspective, London and Warsaw bookend the investment spectrum. Between now and 2019, Madrid will generate by far the highest total return (TR). The full report “Market Indicator Office 2015/2016” is attached.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Across oceans, spirit of sacrifice binds two communities

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

PORT MORESBY, Papua New GuineaPORT MORESBY, Papua New Guinea — The Pacific Ocean is home to one of the most culturally and linguistically diverse countries in the world. In this nation—Papua New Guinea (PNG)—over 800 languages are spoken, and some 700 tribal groups inhabit the mountainous terrain.Recently, one of Papua New Guinea’s two major national television channels, EMTV, aired a special episode prepared in partnership with the Baha’is of PNG, juxtaposing their experience in the country—in which the Baha’i community has witnessed an efflorescence of community life in recent decades—against the harsh conditions experienced by the Baha’is in Iran, who are enduring an ongoing, state-sponsored persecution of their community. Though far from one another in distance and in the realities of their cultural and social settings, the documentary reflects the profound connection that the Baha’is in PNG feel with their co-religionists in Iran.The documentary features aspects of the teachings and history of the Baha’i religion, which originated in Iran in the mid-ninteenth century but has had strong roots in PNG since the 1950s. The first segment of the program tells the story of the arrival of the Baha’i Faith to PNG and the contributions of several individual Baha’is whose dedication to the people of the islands impacted the development of the Baha’i community and the society at large.Mr. Apelis Mazakmat, the first indigenous Baha’i of the country, is among the figures from the early history of the Baha’i Faith in PNG who are introduced in the film.Quoted in the documentary, former Prime Minister of Papua New Guinea, Sir Julius Chan, described Mr. Mazakmat as a “living legend in promoting and maintaining an integral approach to the development of a just and prosperous society”.The documentary also tells the story of Ms. Violet Hoehnke, an Australian Baha’i who moved to PNG in 1954, taking to its shores for the first time the teachings of the Baha’i Faith. Ms. Hoehnke was a champion of the principle of the oneness of humankind, and the video highlights her dedication to this fundamental Baha’i principle.”A trained nurse who was widely known as ‘Sister Vi,’ Ms. Hoehnke was the matron of the first integrated hospital in the country,” describes the narrator.Apelis Mazakmat, the first indigenous Baha’i of the country. He was one of several early Baha’is in Papua New Guinea who were highlighted in a documentary program… »Enlarge (4 images)
“Ms. Hoehnke invited local people to her home in the Admiralty Islands and held first aid classes for them, which prompted criticism from members of the European community, who practiced racial segregation. As a result, the hospital authorities quickly transferred her to a hospital in Rabaul on a nearby island.”In the second segment, the focus is on the persecution of the Baha’i community in Iran, drawing attention to the persistent waves of oppression and attack since the earliest days of the religion, including executions and imprisonments after the revolution in Iran in 1979.The program’s final segments describe the endeavors of the Baha’i community for the betterment of society in PNG and worldwide. Highlighting the efforts of the Baha’is to bring about unity and harmony, the film surveys a range of efforts to contribute to constructive social transformation. (photo Bahà’i)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Refugees: EP to debate Council result and fast-track vote to relocate 120,000

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

europa-261011-cAt the opening of Wednesday’s plenary session, at 15.00, Parliament’s President Martin Schulz will propose that it vote on Thursday, as a matter of urgency, on the emergency scheme to relocate 120,000 asylum seekers from Italy, Greece and Hungary to other member states, as agreed “in principle” by the Justice and Home Affairs Council on Monday. The opening will be followed by a debate on the outcome of the ministers’ meeting.The 14 September Justice and Home Affairs (JHA) Council approved a decision to relocate 40,000 asylum seekers from Italy and Greece over two years, on which Parliament was consulted (Ska Keller report, approved on 9 September). However, ministers could only agree “in principle to relocate an additional 120,000 persons in need of international protection from any member states exposed to massive migratory flows”, based on a proposal presented by the European Commission on 9 September. Parliament is also being consulted on this second emergency relocation proposal.Mr Schulz will propose at the opening of the session that Parliament deal with this second emergency relocation proposal under the urgency procedure (Rule 154 of the EP Rules of Procedure) and to extend the session until Thursday morning. The plenary vote would then take place on Thursday 17 September at 11.00, ahead of the next extraordinary JHA Council meeting on 22 September, where the proposal is again to be on the agenda. The outcome of the 14 September JHA Council meeting will be debated with European Commission First Vice-President Frans Timmermans and Luxembourg’s Minister for Immigration and Asylum Jean Asselborn, on Wednesday, after the opening of the session.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rozière: Protecting traditional products could boost demand and create jobs

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

Kick-off meeting of the European Parliament Platform for Secularism in Politics for the 8th parliamentary term of 2014-2019

Kick-off meeting of the European Parliament Platform for Secularism in Politics for the 8th parliamentary term of 2014-2019

Traditional products from Calais lace to Scottish tartans could soon enjoy extra protection in the form of geographical indications, reassuring consumers about their origin and quality. This already exists for food products, but on Tuesday the EP’s legal affairs committee votes on a proposal to extend this to non-agricultural products as well. We spoke to French S&D member Virginie Rozière, who is in charge of steering the plans through Parliament, about why the new rules are needed.
What products could benefit from these new rules?
We all know plenty of products that are based on traditional knowledge and production methods: the Laguiole knives, Calais lace, Bohemian crystal, Scottish tartans, Carrara marble and Meissen porcelain, to name some of the most famous ones.A protected geographical indication is for example a name or a symbol which refers to the geographical origin of a product and to a traditional know-how. The types of products are ceramics, pottery, stone, marble, lace, traditional fabric, as well as jewellery, including precious stones. The European Commission has identified more than 800 products that are likely to benefit from it.
Why should we protect these products at EU level?
Because these products are famous, some companies sometimes use the names of these products, but there is no certainty that they come from the same region or that quality standards have been met. This situation can confuse consumers and harm the reputation of the genuine products. Currently, the protection of those products remains unsatisfactory as only 15 member states have specific national legislation on this.In France, in certain sectors such as textile, companies estimate that the protection of non-agricultural indications could lead to an increase of up to 25% in international demand. An effective EU scheme could foster the preservation of jobs in the place of origin, which are often rural areas.
How would consumers and businesses benefit from this?
EU-wide protected geographical indications increase the attractiveness of a product for consumers, because the place of origin and specified characteristics are guaranteed, and for producers because it allows them to increase the added value of their products.It can thus protect traditional manufacturers and increase their willingness to invest. Protected geographical indications can also improve the image of the place of origin, thus promoting tourism and creating jobs. (photo: Virginie Rozière)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati: Europa senza memoria

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

????????????????Barbara Spinelli (Gue/Ngl) è intervenuta nella riunione congiunta delle commissioni Affari esteri (AFET) e Libertà civili, giustizia e affari interni (LIBE) che si è tenuta questa mattina nella sede del Parlamento europeo di Bruxelles sul Rispetto dei diritti umani nel contesto dei flussi migratori nel Mediterraneo, alla presenza della vicepresidente della Commissione europea e Alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini, del commissario per la Migrazione, affari interni e cittadinanza dell’UE Dimitris Avramopoulos e dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) António Guterres. «Vorrei porre due domande all’Alto Rappresentante per la politica estera Mogherini riguardo all’operazione navale EUNAVFOR Med, considerando che ci troviamo alle soglie del passaggio alla fase due dell’operazione, quella che prevede lo smantellamento delle organizzazioni dei trafficanti tramite l’abbordaggio e l’affondamento in mare aperto dei barconi su cui viaggiano i profughi – e dunque più vicini alla fase tre, quella in cui l’operazione sarà condotta nelle acque territoriali libiche e nel territorio stesso della Libia.
Quello che vorrei chiedere è contenuto, grosso modo, nell’intervista rilasciata dal ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov il 13 settembre: intervista che ritengo di estrema importanza in virtù della decisione – favorevole o non favorevole all’iniziativa UE – che il governo russo prenderà nel Consiglio di sicurezza della Nazioni Unite.Quale significato assume il concetto di lotta agli smuggler quando ci troviamo di fronte non a barconi, come sempre più spesso accade, ma a gommoni che il più delle volte non sono “governati” da nessuno? Gli smuggler cui si pretende di dare la caccia con questa operazione sono spesso molto lontano dai barconi.Quale dovrebbe essere esattamente il mandato dell’operazione EUNAVFOR Med quando, nell’ipotetica terza fase, saranno previste operazioni militari nelle acque territoriali e nei porti della Libia? Infine, e soprattutto: quali lezioni ha tratto l’Europa dagli errori delle politiche passate – come giustamente si è interrogato il rappresentante della Tunisia Karim Helali che ha parlato prima di me – errori che, non dimentichiamolo, hanno provocato e acuito l’esodo di questi anni?»

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E’ ora di ridare la cittadinanza anche agli italiani che l’hanno perduta recandosi all’estero!

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

camera deputati“La Commissione Affari costituzionali della Camera sta affrontando il delicato tema della cittadinanza ed ha già elaborato il relativo testo unificato che affronta il tema solo in parte, restringendolo alla questione della cittadinanza per i minori stranieri in Italia. Si è così letteralmente cassata anche la mia Proposta di Legge che aveva avuto ben 317 firmatari, da tutti i gruppi parlamentari, sul riacquisto della cittadinanza per gli italiani che recatisi all’estero hanno perduto la cittadinanza”. Lo ha dichiarato l’On. FitzGerald Nissoli allo scadere del termine per la presentazione degli emendamenti al testo di legge unificato sulla cittadinanza in Commissione Affari costituzionali.“Per rimediare a quanto fatto – ha precisato la Deputata eletta in Nord e Centro America – ho presentato un emendamento che contiene il testo della mia Proposta di Legge ormai accorpata senza tener conto del contenuto. Infatti, il mio emendamento al Testo unificato sulla cittadinanza, AC 9 ed abbinati, prevede quanto segue: “Al comma 1, dopo la lettera f), aggiungere la seguente: f bis) Il comma 1 dell’articolo 17 è sostituito dal seguente: « 1. I nati in Italia, figli di almeno un genitore italiano, che hanno perso la cittadinanza in seguito a espatrio, per cause non direttamente imputabili a loro stessi o per motivi di lavoro, riacquistano la cittadinanza italiana facendone espressa richiesta al consolato italiano che ha giurisdizione nel territorio di residenza estera purché ciò non sia in contrasto con accordi bilaterali internazionali in vigore ».” “ “Ora faccio appello – ha concluso l’on. Nissoli – alla sensibilità di tutti i miei Colleghi circa la grande vicenda migratoria italiana nel mondo e a tutti i 317 che hanno firmato la mia Proposta di Legge affinché siano consequenziali e votino a favore del mio emendamento per permettere il riacquisto della cittadinanza italiana a quei concittadini che l’hanno persa perché trasferitisi all’estero”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nuovo lavoro sulla sceneggiatura del film “Malombra”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

Alberto Buscaglia e Tiziana Piras tornano in libreria con “Malombra, il film di Mario Soldati dalla sceneggiatura allo schermo” (New Press Edizioni, 2015), un nuovo lavoro sulla sceneggiatura del film “Malombra” di Mario Soldati del 1942.
Dopo “Piccolo Mondo Antico”, questo secondo volume dedicato al cinema tratto dai romanzi di Antonio Fogazzaro racconta e analizza i complessi e imprevedibili percorsi della sua sceneggiatura attraverso la minuziosa analisi di una copia originale e ancora inedita del copione di lavorazione di “Malombra”, quello affidato al regista e sceneggiatore Renato Castellani, chiamato a sceneggiatura già conclusa con l’arduo compito di ridurre un copione eccessivamente lungo e fin troppo fedele alla trama del romanzo di Fogazzaro.
Solo la comparazione con il film, indagato fotogramma per fotogramma, ha permesso di scoprire che il risolutivo lavoro di costruzione della struttura narrativa di Malombra è avvenuto nelle determinanti fase del montaggio e dell’editing del film, durante le quali è stato compiuto un totale ribaltamento della struttura narrativa elaborata nel lungo e difficile lavoro di sceneggiatura.
Il film “Malombra” ha una gestazione piuttosto tormentata e viene varato quando ormai il Paese è in piena guerra. Soldati e l’amico Mario Bonfantini, chiamato a sceneggiare ancora un romanzo di Fogazzaro, fanno i sopralluoghi girando mezza Lombardia e i suoi laghi per cercare il “Palazz”, come lo chiama Soldati, la tenebrosa scenografia sulla quale si consuma il dramma di Marina di Malombra. Alla fine si convincono che Villa Pliniana a Torno, sul Lago di malombraComo, è quella che meglio si avvicina alle descrizioni del romanzo, tanto più che è proprio a quella solitaria dimora e all’Orrido di Osteno (sul Lago di Lugano) che Fogazzaro si è ispirato scrivendo “Malombra”.
Tra maggio e giugno 1942 Soldati riunisce Mario Bonfantini, Tino Richelmy e Ettore Margadonna in Valsolda per stendere la sceneggiatura. Il lavoro di adattamento del testo di Fogazzaro si presenta non semplice: la struttura del romanzo è complessa, con continui ritorni al passato e molti personaggi secondari. Una sceneggiatura “difficile”, come la definirà Soldati, che poi, sempre a posteriori, definirà anche “perfetta”. La realtà, però, fu molto diversa: a sceneggiatura già conclusa e stampata, forse già a riprese iniziate, il copione “perfetto” viene affidato a un altro giovane sceneggiatore e regista molto amico di Mario Soldati, Renato Castellani. Castellani (la cui copia di sceneggiatura è quella che Alberto Buscaglia e Tiziana Piras hanno avuto modo di studiare e analizzare), interviene senza timidezze, tagliando scene e dialoghi e suggerendo anche interventi di rilevanza drammaturgica.
Ma lo studio analitico e comparativo di questo copione ha riservato sorprese ancora più importanti: non solo Soldati in molti casi accetta il lavoro di revisione di Castellani, ma va anche oltre. In fase di montaggio e di editing del film capovolge la struttura narrativa, rinunciando ai lunghissimi flashback che avrebbero disorientato lo spettatore e concentrando tutta la vicenda sui tre personaggi principali: Marina di Malombra, fatale “donna che visse due volte”, Corrado Silla, uomo senza qualità “inetto a vivere”, e la pura e tormentata Edith. Con il suo “final cut” Soldati tradì la struttura narrativa del romanzo ma fu più fedele ai movimenti interiori dei personaggi fogazzariani, anticipando parallelamente tematiche e stilemi del cinema del dopoguerra e anche di quello contemporaneo. (foto: malombra)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hays Response

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

fabio scarcellaSi appanna l’American dream! A Wall Street e alle sfavillanti luci di Manhattan, i professionisti italiani preferiscono il fascino della cara vecchia Europa: i giovani del Belpaese, infatti, sognano sempre di trovare la propria strada al di là del confine, ma non guardano più (solo) oltreoceano. Per fare carriera Eurolandia sembra il continente su cui puntare, tanto che più di 9 intervistati su 10 (97%) sognano di trovare fortuna in una delle grandi metropoli europee. Almeno secondo quanto emerge da una recente indagine che ha coinvolto più di 200 candidati, condotta da Hays Response, la divisione del Gruppo Hays dedicata al recruitment in ambito Junior Management. Perché il fenomeno dei “cervelli in fuga” non sembra volersi fermare, ma cambia solo destinazione.L’85% del campione, formato prevalentemente da laureati (67%) e con un impiego già all’attivo (89%), afferma infatti che, davanti alla giusta occasione, lascerebbe l’Italia. Il 97%* di loro, però, preferirebbe rimanere in Europa, il 68% andrebbe in Nord America e il 37% in Oceania. Meno ambiti, invece, il Sud America (25%), l’Asia Orientale (23%), il Medio Oriente (16%). Fanalino di coda l’Africa con solo il 9% delle preferenze. Ma quali sono i motivi per i quali i giovani professionisti andrebbero all’estero? Il 74% degli intervistati è a caccia di un incremento salariale, il 70% spera in un mercato del lavoro più dinamico, il 66% ricerca, invece, una migliore qualità di vita mentre il 64% un sistema lavorativo più meritocratico.“Il fenomeno dei “cervelli in fuga”, o come viene definito in inglese del brain drain, è la risposta dei giovani all’attuale scenario economico in Italia – spiega Fabio Scarcella, Responsabile divisione Hays Response –. Dopo tanti anni di formazione, le nuove leve vorrebbero infatti trovare un lavoro stabile e in linea con i loro studi e con le loro aspettative salariali. Purtroppo, il mercato del lavoro italiano non è in grado di soddisfare (tutte) queste aspettative. Da qui, il desiderio di “fuggire” dal Belpaese e andare all’estero in cerca di fortuna”. Tra le cause del boom del brain drain dall’Italia, i giovani professionisti annoverano al primo posto la mancanza di meritocrazia (31%), seguita dall’instabilità della propria posizione lavorativa (28%), dai bassi livelli salariali (17%) e dall’assenza di politiche e incentivi a sostegno dei giovani (16%). “L’unico deterrente alla fuga di cervelli – continua Scarcella – sembra essere il legame con la famiglia che, si sa, per gli italiani rimane un punto di riferimento fondamentale. Da quanto emerge dall’indagine, infatti, ciò che spesso blocca un nostro professionista dal fare le valigie e andare in aeroporto è proprio l’affetto dei propri cari”. Non a caso il 57% del campione sembra non essere disposto a lasciare l’Italia per paura di sentire nostalgia di casa, il 29% teme la scarsa conoscenza della lingua straniera, mentre il 14% crede di non poter riuscire ad adattarsi facilmente a culture e stili di vita differenti. Cosa dovrebbe contenere, infine, il “bagaglio” di chi parte per trovare lavoro? Sono pochi i dubbi a riguardo: per il 59% degli intervistati è indispensabile un valido contatto in loco che sia di supporto nella ricerca di una nuova occupazione, per il 51% un certificato che attesti la conoscenza della lingua e per il 40% avere alle spalle almeno un anno di esperienza lavorativa da mettere in curriculum. (foto: fabio scarcella)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Univendita festeggia cinque anni all’insegna della crescita

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

Vendita direttaUn raddoppio secco del fatturato associativo nel giro di cinque anni: se Univendita, nel 2010, superava gli 823 milioni di euro, nel 2015 prevede di chiudere con vendite intorno a 1,6 miliardi di euro. Fondata il 16 settembre 2010 da sette primarie aziende (Tupperware Italia, Vorwerk Folletto, Just Italia, Vorwerk Contempora, Cartorange, Jafra Cosmetics e Dalmesse Italia)con l’intento di rappresentare l’eccellenza della vendita a domicilio, Univendita, diventata la maggior associazione del settore, spegne cinque candeline e fa un bilancio dei primi anni di attività. «Fondare questa associazione è stata una scommessa vincente –commenta il presidente Ciro Sinatra– perché alla base c’è una proposta di valore: per noi la vendita a domicilio deve essere sostenibile, ossia deve portare vantaggi a tutte e tre le parti coinvolte, il consumatore, il venditore e l’azienda. E a dimostrare che la strada scelta è quella giusta, oltre al raddoppio del fatturato, c’è da registrare l’aumento delle aziende associate, passate dalle sette della fondazione alle sedici attuali. Da sottolineare che parliamo di alcune delle principali realtà della vendita diretta a domicilio nazionali e multinazionali (quali bofrost*, AMC, Witt e Avon), tanto che oggi siamo la più importante associazione del settore in Italia».
Stando ancora alle cifre da sottolineare il balzo del numero di occupati, passato dai 55mila del 2010 agli attuali 137mila. Ma l’attività di Univendita non si esaurisce nei numeri; in questi anni l’associazione ha svolto indagini sul settore per approfondire aspetti relativi al comportamento dei consumatori, all’attività dei venditori,  e, in collaborazione con la Cattedra di Sociologia del Lavoro dell’Università Sapienza di Roma, ha condotto un’indagine sul lavoro femminile nella vendita diretta a domicilio.
Univendita, che aderisce fin dalla sua costituzione a Confcommercio, è intervenuta a livelloistituzionale su questioni di primaria importanza per il comparto della vendita a domicilio quali l’attuazione della direttiva europea sui diritti dei consumatori, quella sui servizi nel mercato interno e la riforma Fornero del mercato del lavoro in merito alle prestazioni rese dai titolari di partita Iva. Sono da segnalare anche la battaglia vittoriosa contro il tentativo di depenalizzare le vendite piramidali (impedendo che queste odiose forme di raggiro passassero da reato punibile con la reclusione fino ad un anno a semplice illecito amministrativo) e le iniziative contro le ordinanze comunali (in seguito tutte ritirate) volte a circoscrivere illegittimamente la possibilità di effettuare vendite a domicilio.
«Questi cinque anni sono stati molto particolari –conclude Sinatra–, caratterizzati da una crisi che ha ridotto in modo significativo i consumi con pesanti conseguenze sui canali di vendita più tradizionali, ossia grande distribuzione e piccoli esercizi commerciali. In questo quadro la vendita a domicilio ha dimostrato la propria natura anticiclica con una crescita continua e costante; una tendenza che trova una valida spiegazione nelle persone. Le nostre aziende sanno infatti valorizzare appieno i propri venditori e, grazie al rapporto diretto di questi con il cliente finale, hanno una conoscenza più approfondita delle esigenze dei consumatori».
Univendita (www.univendita.it) Qualità, innovazione, servizio al cliente, elevati standard etici. Sono queste le parole d’ordine di Univendita, la maggiore associazione di categoria che riunisce l’eccellenza della vendita diretta a domicilio. All’associazione aderiscono 16aziende: AMC Italia, Avon Cosmetics, bofrost* Italia, CartOrange, Conte Ottavio Piccolomini d’Aragona, Dalmesse Italia, FI.MA.STARS, Jafra Cosmetics, Just Italia, Lux Italia, Nuove Idee, Ringana Italia, Tupperware Italia, Vorwerk Contempora, Vorwerk Folletto, Witt Italia che danno vita a una realtà che mira a riunire l’eccellenza delle imprese di vendita diretta a domicilio con l’obiettivo di «rafforzare la credibilità e la reputazione del settore tra i consumatori e verso le istituzioni». Univendita aderisce a Confcommercio.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seconda edizione del Premio di Laurea

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

premiazioneLiuJo Luxury, brand nato dalla partnership tra l’azienda d’abbigliamento LIU JO e Nardelli Luxury, tra i principali player nazionali nel settore della gioielleria, rinnova anche quest’anno il suo impegno per l’iniziativa Premi di Laurea 2015, promossa dal Comitato Leonardo e destinata a premiare giovani laureati che abbiano sviluppato tesi su argomenti rilevanti per il successo del made in Italy nel mondo del gioiello e dell’orologio. Il Comitato Leonardo, presieduto attualmente dall’imprenditrice Luisa Todini, è nato nel 1993 su iniziativa comune del Sen. Sergio Pininfarina e del Sen. Gianni Agnelli, di Confindustria, dell’ICE e di un gruppo d’imprenditori con l’obiettivo di promuovere l’Italia come sistema Paese attraverso varie iniziative, volte a metterne in rilievo le doti di imprenditorialità, creatività artistica, raffinatezza e cultura che si riflettono nei suoi prodotti e nel suo stile di vita.I Premi di Laurea sono un’iniziativa che il Comitato Leonardo promuove ormai dal 1997, grazie al sostegno dei propri Associati, e che nel tempo ha permesso di premiare centinaia di brillanti laureati di altrettanti istituti universitari in tutto il Paese.“Da ben 18 anni Il Comitato Leonardo sostiene e promuove il talento dei giovani che rappresentano il futuro dell’economia italiana” ha commentatoLuisa Todini, Presidente del Comitato Leonardo. “L’obiettivo dei Premi di Laurea è dare loro spazio, premiando e valorizzando le tesi più brillanti e meritevoli che raccontino il meglio dell’Italia di oggi nei vari settori. Dal 1997 abbiamo premiato e sostenuto 140 neolaureati di tutta Italia”. “Oggi più che mai è necessario coltivare il talento e la creatività delle nuove generazioni al fine di tutelare e preservare l’eccellenza della produzione made in Italy” continua Luisa Todini “il Comitato Leonardo infatti non solo si impegna per raggiungere questo obiettivo ma con l’iniziativa dei Premi di Laurea mira ad avvicinare sempre più i giovani al mondo del lavoro.”
“La borsa di studio promossa con il Comitato Leonardo” dichiara l’amministratore delegato della Nardelli Luxury e direttore creativo di Liu Jo Luxury Bruno Nardelli “è un’attestazione ulteriore dell’attenzione riservata dalla nostra azienda ai giovani. Crediamo nella loro formazione, nella necessità di assicurare un flusso continuo che consenta al sistema impresa di rinnovare con presenze qualificate i propri organici. Ma abbiamo piena fiducia anche nella capacità delle giovani generazioni di delineare nuovi stili e progettare nuovi prodotti, nella loro particolare sensibilità verso le tendenze emergenti nel gusto e nei consumi, nella loro attitudine a interpretare con avvedutezza le esigenze del mercato. Saranno loro i futuri manager delle nostre imprese. E’ una ragione fondamentale perché un’azienda come la nostra provi, a conclusione dell’università, a valorizzarne il percorso di studi e ad offrire loro opportunità di lavoro e di crescita professionale.” “Quali sono gli stili di consumo e i bisogni del cliente del lusso accessibile? Come le aziende possono soddisfare la domanda dei consumatori nel mondo del gioiello e dell’orologio?” Questo il titolo del bando per il “Premio LiuJo Luxury Spa”, giunto alla sua 2° edizione, che offrirà al vincitore un Premio di Laurea del valore di 3.000 euro. Il Premio vuole sostenere e promuovere le ricerche di giovani studiosi che, tenendo conto del cambiamento del mercato della moda, approfondiscano stili di consumo e bisogni del cliente del fast fashion, individuando le leve di comunicazione e di marketing che permettono alle aziende di mantenersi competitive sul mercato e di soddisfare la domanda dei consumatori nel settore. Gli studenti che decideranno di partecipare al bando potranno fare riferimento anche agli studi annuali realizzati da Assorologi, l’Associazione Italiana di Produttori e Distributori di Orologeria, del cui consiglio direttivo fa parte anche Bruno Nardelli. Il bando è rivolto a studenti laureandi e laureati con titolo conseguito successivamente al 31/12/2012. (foto: premiazione)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’Arte come valore esistenziale”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

Francesco TommasiMantova dal 19 settembre al 1° ottobre 2015 (orario dal lunedì al sabato 10.00-12.30 e 16.00-19.30, chiuso festivi) Galleria “Arianna Sartori” Via Cappello 17 mostra personale di Francesco Tommasi, dal titolo “L’Arte come valore esistenziale”.Tommasi torna ad esporre da Arianna Sartori con una serie di nuove opere, sempre appartenenti alla famiglia della sua ricerca “ordine altro”, però questi lavori hanno un qualche cosa di particolare, sono la summa concettuale della sua ultra cinquantennale attività artistica. La tematica di questa rassegna è tutta rivolta ai valori sociali concreti.
Per Tommasi questa non è una novità in assoluto, da sempre le sue opere fanno riferimento a questi temi, anche se solo simbolicamente. Infatti nelle sue ultime mostre si accennava a delle crisalidi nel momento della mutazione, con auspici di esiti tangibili.
Ebbene, in questi ultimi lavori esposti, le crisalidi sono diventate delle lussureggianti farfalle che portano con sé messaggi positivi, che non vengono quasi mai comunicati, come se non esistessero; al contrario degli eventi negativi che invece vengono ampiamente pubblicizzati.
Francesco Tommasi nasce a Ceresara (Mn) il 29 giugno 1935, vive e lavora a Mantova. L’attività artistica di Tommasi (da autodidatta) inizia nel 1960. I suoi primi lavori affrontano temi sociali e sono realizzati a bassorilievo, in seguito passa alla pittura, sperimentando la tecnica dell’affresco dell’encausto e successivamente l’olio e l’acrilico. Nel volgere del tempo, la ricerca di Tommasi si evolve, i mutamenti si susseguono, cambiano i contenuti, cambiano gli stili, ma rimane invariato il suo ispirarsi (anche solo simbolicamente) ai temi sociali positivi. Tale principio vale pure dove le opere sono realizzate con espressione “ludica”, poiché questa esperienza artistica si avvicina alla vita, compendio di certezze e di eventi inattesi. Tommasi inizia ad esporre le proprie opere a partire dal 1970, partecipando a manifestazioni artistiche in molte località italiane, nel contempo allestisce anche mostre personali.
Nel 1987, Tommasi è tra i fondatori del gruppo artistico Fusionismo/Fusionart di Mantova, è tutt’ora componente. Partecipa costantemente a tutte le mostre organizzate dal gruppo (per questi dati, si rimanda il lettore a consultare le pagine dedicate al gruppo Fusionart, nel Dizionario Biografico “Artisti a Mantova nei secoli XIX e XX”, terzo volume, edito da Sartori nel 2001.
Suo opere sono presenti in permanenza (donate) nella chiesetta della corte Pelagallo, Casale di Roncoferraro (Mn); nella Sala consiliare del Comune di Piubega (Mn); nella Casa di Riposo “Don Arrigo Mazzali”, Mantova; nell’Oratorio della Parrocchia di Piubega (Mn). (foto: Francesco Tommasi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno “La salute dei tossicodipendenti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

bolognaBologna 06 Novembre 2015 – Ore 9.00-17.00 Sala Convegni – Casa dei Donatori di Sangue Avis Via dell’Ospedale, 20. I relatori sono: Raimondo Maria Pavarin, A 25 anni dall’istituzione dei SERT, chi sono e come stanno gli utenti: Incidenza, morbilità e mortalità
Gabriella Verucchi Epatite C ed Hiv tra i tossicodipendenti: aspetti clinici ed epidemiologici
Fabio Lugoboni Let it B
Domenico Berardi Lo stato di salute dei pazienti con patologie psichiatriche
Francesca Puccetti Le problematiche all’accesso al pronto soccorso
Linda Lombi Il concetto di salute applicato alle tossicodipendenze
14.00-17.00 I servizi e il territorio
Daniele Gambini L’audit clinico dei SERT di Bologna: HIV, epatite B e C
Riccardo Sollini Lo stato di salute delle persone accolte nelle Comunità Terapeutiche
Claudio Ferretti L’efficacia clinica dei trattamenti con metadone
Loris Zampieri Gli ultimi Mohicani: il servizio di riduzione del danno del Comune di Venezia
Samantha Sanchini La valutazione dell’esito dei trattamenti con Metadone: uno studio di mortalità su una coorte di eroinomani del SerT di Forlì
Silvia Marani Il sistema di allerta rapido dell’area metropolitana di Bologna

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carrara: 4×4 Fest

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

4X4 Fest CarraraCarrara dal 9 all’11 ottobre, presso il polo CarraraFiere e nelle aree circostanti i padiglioni. 4×4 Fest rappresenta il principale appuntamento del settore in Italia e in Europa: non si tratta solo di una vetrina commerciale per veicoli 4×4 e relativi accessori, ma di un’occasione unica per divertirsi e testare le ultime novità nelle apposite piste dell’area esterna.Yokohama Italia annuncia la sua partecipazione alla prossima edizione del 4×4 Fest.Yokohama punterà soprattutto sui prodotti appartenenti alla famiglia Geolandar, presentando in particolare il nuovissimo Geolandar H/T G056 destinato a SUV e pick-up di ultima generazione. La sigla H/T del Geolandar G056 è l’acronimo della dicitura Highway Terrain, che identifica pneumatici ideali per l’uso stradale, cittadino e autostradale. Le performance di chilometraggio sono fra i principali vantaggi di questo modello, insieme a una superiore trazione sul bagnato, soprattutto in frenata, e un comfort di marcia migliorato grazie a una riduzione del rumore dovuto al rotolamento. Tutte le innovazioni apportate al Geolandar H/T G056 dipendono in gran parte dalla tecnologia Orange Oil, brevetto Yokohama oramai applicato all’intera gamma. Oltre alla composizione della mescola, contribuisce a minimizzare la rumorosità il peculiare disegno battistrada di questo modello di pneumatico, costruito secondo la cosiddetta “variazione a 5 passi” (tasselli di forme diverse vengono intervallati costantemente e coerentemente sul battistrada, in modo tale da rendere uniforme la frequenza del rumore dovuto al rotolamento e al contatto con il suolo). Oltre alla novità di gamma, Yokohama proporrà i modelli tradizionalmente destinati al mondo dei SUV e del 4×4: Geolandar SUV G055, Geolandar A/T-S G012 e Geolandar M/T+ G001, rispettivamente destinati all’uso stradale, a percorsi misti e al fuoristrada estremo. Per quanto riguarda infine la gamma invernale SUV/4X4, Yokohama esporrà il W.drive V905, disponibile anche con misure per SUV, e due modelli Geolandar dotati di mescola nordica e adatti a fondi innevati e ghiacciati anche per uso in alta montagna: lo storico I/T+ G071 e l’I/T-S G073. (foto: 4X4 Fest)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva in Italia Palexia® 25 mg

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

Gruppo GrünenthalDal mese di settembre è disponibile anche in Italia la nuova formulazione da 25 mg di Palexia®, compresse di tapentadolo a rilascio prolungato. Il nuovo dosaggio da ora consentirà ai medici italiani di perseguire una maggiore appropriatezza terapeutica per la gestione della patologia dolore, con conseguente maggior beneficio per un numero crescente di pazienti.
Tapentadolo, capostipite di una nuova classe farmacologica di analgesici centrali si contraddistingue per l’elevato profilo di efficacia, sicurezza e tollerabilità grazie all’ originale e innovativo meccanismo d’azione: agonista dei recettori oppioidi µ e inibitore della ricaptazione della noradrenalina. Entrambi i meccanismi d’azione contribuiscono in modo complementare e sinergico alla sua efficacia analgesica, dimostrata nel trattamento del dolore nocicettivo e di quello neuropatico.
Il dolore infatti è un fenomeno biologico e fisiologico altamente complesso. La sua forma cronica non è solo un’estensione temporale del dolore acuto, poiché la cronicizzazione implica dei processi di trasformazione patologica a livello del sistema nervoso. Ciò rende necessari differenziati approcci clinici.
Il nuovo Palexia® 25 mg risulta particolarmente utile per l’aggiustamento dei dosaggi nei percorsi terapeutici più complessi, ma anche nella gestione delle prime fasi evolutive della patologia, rappresentando quindi un concreto completamento delle opzioni terapeutiche oggi disponibili. Inoltre è indicato per i pazienti fragili, quali gli ultra-ottantenni – che in Italia sono circa 3,7 milioni – e gli epatopatici (pazienti con epatiti croniche virali e cirrosi) – rispettivamente 2,5 milioni e 1 milione (dati Istat e dati epidemiologici pubblicati da “Gastroenterologia Italiana”).
La professoressa Patrizia Romualdi docente di Farmacologia all’Università di Bologna afferma che “la capacità analgesica del tapentadolo, la sua azione di contrasto anche della componente neuropatica del dolore e il suo miglior bilanciamento, rispetto agli altri oppioidi maggiori, del rapporto fra efficacia e tollerabilità, fanno del nuovo Palexia® 25 mg un’utile arma terapeutica aggiuntiva a disposizione dei medici italiani: ad esempio per una precisa e raffinata modulazione posologica e per le prime fasi evolutive della patologia dolore”.
Ma Palexia 25 può rivelarsi un nuovo e valido aiuto a vantaggio dell’appropriatezza terapeutica anche per il medico di Medicina generale, come chiarito dal dottor Claudio Polistina, della Asl Napoli 1 ed esperto in terapia del dolore: “Per le forme di dolore muscoloscheletrico ricorrenti o di minor durata, per le quali ancora oggi sono molto prescritti, e in modo senz’altro inappropriato, farmaci indicati per il dolore acuto, un dosaggio meno elevato di tapentadolo può rappresentare senz’altro la terapia d’elezione”.
Il professor Paolo Cherubino della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, docente e già preside dell’Università dell’Insubria, chiarisce quali sono le forme di dolore cronico nelle quali Palexia® 25 mg può rivelarsi un valido rimedio terapeutico: “Il dolore articolare, muscolare, tendineo e peri-articolare, tutte forme dolorose che possono essere anche l’esito di traumi modesti. Ma anche le cervico-brachialgie e le lombalgie posturali”.
Il dottor Stefano Respizzi, direttore del Dipartimento di Riabilitazione e Recupero Funzionale dell’IRCCS Humanitas Research Hospital, accenna infine a una distinzione, nell’impiego elettivo per Palexia® 25, in base alle differenti condizioni soggettive del paziente e al suo specifico percorso di cura: “Se per un paziente giovane con lombosciatalgia cronica, o per uno sportivo politraumatizzato in percorso fisioterapico, consiglieremo dosaggi più elevati di tapentadolo, per consentirgli di ridurre i tempi della ripresa funzionale e così tornare alle attività lavorative e sportive, un dosaggio di 25 mg è senz’altro indicato per i pazienti fragili. In tutti i casi, nella fase finale del percorso fisioterapico, Palexia® 25 mg risulta un prezioso alleato per consentire l’ottimale gestione del paziente”.
Il Gruppo Grünenthal è una società indipendente, internazionale di proprietà familiare, basata sulla ricerca farmaceutica con sede ad Aquisgrana, Germania. Siamo imprenditori specialisti che forniscono veri benefici ai pazienti. Investendo in modo sostenibile in ricerca e sviluppo sopra la media industriale, siamo impegnati in innovazione per trattare le necessità non soddisfatte della classe medica e fornire al mercato prodotti con valore aggiunto. Grünenthal è una Società completamente integrata in Ricerca e Sviluppo con una lunga tradizione nel fornire trattamenti innovativi per il dolore e tecnologie all’avanguardia per i pazienti. Complessivamente, il Gruppo Grünenthal è presente in 32 paesi con filiali in Europa, Australia, America Latina e USA. I prodotti Grünenthal sono venduti in oltre 155 paesi e circa 5.200 dipendenti lavorano per il Gruppo Grünenthal in tutto il mondo. Nel 2014, Grünenthal ha realizzato un fatturato di € 1,154 miliardi. (foto: Gruppo Grünenthal)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stagione dei funghi

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015


(funghi)
Le piogge dei giorni scorsi agevolano la crescita dei funghi e invogliano i cercatori professionisti e dilettanti a recarsi nei boschi per approfittare di una delle tante meraviglie della natura. Agli agenti faunistico-ambientali del Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana di Torino spettano i controlli sul rispetto della normativa. Da un mese a questa parte l’attività si è fatta particolarmente intensa. Ad esempio, già nella seconda decade di agosto nel comune di Salza di Pinerolo, in alta Val Germanasca, per via delle abbondanti piogge cadute nel periodo di Ferragosto, si è avuta un’eccezionale crescita di funghi, che ha richiamato centinaia di cercatori provenienti da tutto il Piemonte. Gli agenti faunistico-ambientali del Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana si sono attivati per i controlli, in collaborazione con le associazioni ARCIPESCA-FISA e FIDC-Federazione Italiana della Caccia, le quali hanno operato sotto il coordinamento del Servizio e hanno anche messo a disposizione i loro automezzi in alcune occasioni. Sono state controllate 176 persone, per verificare che fossero in possesso del titolo per la raccolta funghi: 24 cercatori sono stati sanzionati perché non in possesso del titolo, due per l’uso di sacchetti in plastica, uno perché aveva funghiraccolto una quantità di funghi superiore al consentito, due per essere transitati con mezzi motorizzati su piste forestali interdette alle auto e alle moto, due per aver parcheggiato mezzi motorizzati sui prati. “I nostri agenti ed i volontari non si limitano però a constatare violazioni e a comminare sanzioni.- precisa Gemma Amprino, Consigliera metropolitana delegata all’ambiente, alla montagna e alla tutela della fauna e della flora – Viene anche distribuito materiale informativo che spiega nel dettaglio le norme per la raccolta dei funghi e le modalità per dotarsi del titolo di raccolta”. La Consigliera Amprino ricorda inoltre che “i cercatori di funghi che svolgono la loro attività in modo corretto e rispettando le normativa sono le sentinelle e i custodi di un prodotto naturale che ha un forte significato ambientale: solo un bosco sano produce buoni e abbondanti funghi; il che presuppone una cura del territorio che solo un adeguato presidio umano può garantire”.(foto:funghi)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Geopolitics and Internet Security”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

universita-la-sapienza-romaRoma 25 Settembre 2015 dalle ore 09:00 presso la Sala Odeon, Museo dell’Arte Classica, Facoltà di Lettere, dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” – P.leAldo Moro, 5un Convegno Internazionale sulla cybersecurity dal titolo “Geopolitics and Internet Security”.
Il programma prevede la partecipazione di esperti di fama mondiale e sarà seguito da una Tavola Rotonda rivolta a tutti i partecipanti. La chiusura dei lavori è prevista intorno alle ore 13:30.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati e chi fa rispettare le leggi. Ma l’obbedienza è solo una virtù?

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2015

ungheriaLe immagini che giungono dall’Ungheria sono epocali: reti di metallo e filo spinato per impedire che alcuni esseri umani possano trovare rifugio dalla malvagita’, dall’arroganza, dalla sete di potere, dal fanatismo, dall’incapacità di altrettanti esseri umani. Niente di nuovo. La storia e’ piena di vicende del genere. Solo che, a differenza dei secoli passati, oggi ci sono i media, c’è la Rete, c’e’ l’informazione in tempo reale e a 360 gradi. Prima si veniva a sapere quel che accadeva solo dopo mesi e anni, coi particolari narrati in qualche libro di qualche tenace e attento osservatore. Oggi è tutto immediato. Meglio cosi’? Credo di si’, anche perche’ mi stava stretto il passato e non so cosa potra’ essere in futuro… E quel che piu’ colpisce, a parte alcune isolate e “tagliate” voci che trovano poco spazio sui media, e’ quella sorta di compattezza che le istituzioni ungheresi sembrano presentare nell’assecondare le scelte del governo in carica. Istituzioni in cui includo anche i cosiddetti servitori delle stesse: autorita’ intermedie, amministrative, fino ai poliziotti.
Fin da bambino (sono nato nel 1953), quando piano piano mi sono reso conto cosa aveva significato il nazismo, avendo avuto la fortuna di aver sviluppato un alto senso civico, quello che piu’ mi lasciava “di stucco” era come mai tanti uomini e donne avessero potuto partecipare al tentativo di affermazione di quella ideologia. E restavo attonito quando ascoltavo e mi capitava di frequentare i cosiddetti fascisti locali che, al di la’ delle macchiette che avrebbero rimpianto qualunque cosa fosse appartenuto alla loro gioventu’, non facevano tagli netti con il pensiero e la pratica dei nazisti. Leggevo libri di storia, vedevo film, ascoltavo le storie vive di chi aveva partecipato alla seconda guerra mondiale (tra cui anche mio padre) e anche alcune mitizzazioni della cosiddetta guerra partigiana su cui -forse per fortuna e intuizione- ci facevo gia’ allora la tara. La mia centralita’ era l’essere umano, con un approccio che, andando avanti col tempo, era sempre meno confessionale. Come poteva un essere umano, figlio di un padre e di una madre, nipote di nonni, marito di donne che adoravano e con cui si riproducevano, amanti della musica e del vivere cordiale, obbedire ad ordini cosi’ raccapriccianti? Certo -mi rispondevo- chi fa il soldato o il servitore dello Stato ha come prioritario scopo l’obbedire, non importa a cosa: obbedire. E quante volte l’ho sentito da parte dei soldati di questo o quell’altro esercito (non necessariamente in armi). Non era un qualche pensatore dell’antica Roma che aveva esplicitato una frase che ancora oggi (pur -per fortuna- in modo diverso) viene ancora usata: dura lex, sed lex? Ma questo non mi convinceva mai, perche’ lo associavo all’altro detto latino medievale “mors tua vita mea”, che mi evocava (e mi evoca) barbarie e incivilta’. Da qui quanto evocato nel titolo di queste righe -l’obbedienza e’ solo una virtu’?-, grazie all’applicazione del quale, da parte di uomini e donne anche coraggiosi, in Italia e non solo abbiamo raggiunto livelli di civilta’ umana e giuridica in tempi che per velocita’ la storia ci aveva insegnato essere impensabili. E di muri, a partire da quello della Cina e d quello di Berlino, ne sono caduti, anche se altri, oltre a quello ungherese, ne sono stati costruiti.
Torniamo all’Ungheria. Dover parlare di nazismo et similia non e’ opportuno, e sarebbe fuorviante. Mentre mi sembra opportuno ricordare quei principi civici e umani che ispirano noi bipedi silenti; principi che, nella mia fattispecie, mi si sono formati come ho descritto sopra e, di conseguenza, non posso non evocarli per capire il presente e pormi alcune domande. Che sono:
Ma un poliziotto ungherese, come si sente quando pattuglia le reti e i reticolati con dall’altra parte persone che chiedono aiuto? Possibile che esiste solo il senso del dovere, lo stipendio a fine mese che probabilmente servira’ anche a dar da vivere a dei pargoli? Certo, se erano rarissimi i tedeschi che a meta’ del secolo scorso avevano avuto qualcosa da ridire sul nazismo, perche’ stupirsi? Sembra non siamo serviti quasi cento anni trascorsi, con l’umano che e’ andato sulla Luna, con quasi ovunque tutti gli esseri umani che hanno uguali diritti e doveri, anche se si continua a morire di fame ed e’ sopraggiunto l’avvelenamento da incuria, distruzione e avvelenamento ambientale. Ma i poliziotti ungheresi sono li’, a qualche centinaio di chilometri nelle nostre case, il loro governo fa parte integrante dell’Unione Europea, sulla loro pelle hanno vissuto tragedie note a tutti…. eppure, indefessi, vivono la loro obbedienza come una virtu’. Forse hanno dei mal di stomaco bincredibili quando fanno le loro pattuglie di fronte ai disperati che fuggono da guerra, fame e disperazione, ma probabilmente faranno buon uso di efficaci antidolorifici (premi sugli stipendi?). Sono fatto male io? Mi manca il senso dello Stato? Sono una persona “tutto diritti” e “niente doveri”? Non lo so. Comunque provo molto, ma proprio molto disagio che, piu’ si va avanti, si trasforma in arrabbiatura per meglio esserci, per invitare a disobbedire. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »